Le convenzioni contro le doppie imposizioni sul reddito e/o sul patrimonio firmate dall’Italia con gli Stati d'EUROPA
Albania
Convenzione firmata a Tirana il 12 dicembre 1994 e ratificata con legge n. 175 del 21 maggio 1998. In vigore dal 21 dicembre 1999

Austria
Convenzione firmata a Vienna il 29 giugno 1981 e ratificata con legge n. 762 del 18 ottobre 1984 - in vigore dal 6 aprile 1985. (Con legge n. 365 del 16 ottobre 1989 è stato ratificato il Protocollo aggiuntivo alla Convenzione – in vigore dal 1° maggio 1990)

Belgio
Convenzione firmata a Roma il 29 aprile 1983, con protocollo e protocollo aggiuntivo di modifica, e ratificata con legge n. 148 del 3 aprile 1989. In vigore dal 29 luglio 1989. Un secondo protocollo è stato firmato a Bruxelles l'11 ottobre 2004, ratificato con legge n. 6 del 13 gennaio 2013 e in vigore dal 17 aprile 2013

Bielorussia
Convenzione firmata a Minsk l'11 luglio 2005 e ratificata con legge n. 74 del 29 maggio 2009. In vigore dal 30 novembre 2009 

Bulgaria
Convenzione firmata a Sofia il 21 settembre 1988 e ratificata con legge n. 389 del 29 novembre 1990. In vigore dal 10 giugno 1991

Cipro
Convenzione firmata a Nicosia il 24 aprile 1974 e ratificata con legge n. 564 del 10 luglio 1982. Dal 23 novembre 2010 è in vigore il Protocollo aggiuntivo per evitare le doppie imposizioni e per prevenire le evasioni fiscali in materia di imposte sul reddito. Lo ha reso noto il Ministero degli Affari Esteri con un comunicato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 3 marzo 2011 n.51. Il protocollo è stato firmato a Nicosia il 4 giugno 2009 e ratificato con legge n.70 del 3 maggio 2010 (G.U. n. del 24 maggio 2010)

Croazia
Convenzione firmata a Roma il 20 ottobre 1999 e ratificata con legge n. 75 del 29 maggio 2009. In vigore dal 15 dicembre 2010

Danimarca
Convenzione firmata a Copenaghen il 5 maggio 1999 e ratificata con legge n. 170 dell’11 luglio 2002. In vigore dal 27 gennaio 2003

Estonia
Convenzione firmata a Tallin il 20 marzo 1997 e ratificata con legge n. 427 del 19 ottobre 1999. In vigore dal 22 febbraio 2000

Finlandia
Convenzione firmata a Helsinki il 12 giugno 1981 e ratificata con legge n. 38 del 25 gennaio 1983. In vigore dal 23 ottobre 1983

Francia
Convenzione firmata a Venezia il 5 ottobre 1989 e ratificata con legge n. 20 del 7 gennaio 1992. In vigore dal 1° maggio 1992

Germania
Convenzione firmata a Bonn il 18 ottobre 1989 e ratificata con legge n. 459 del 24 novembre 1992. La convenzione è entrata in vigore il 26 dicembre 1992

Grecia
Convenzione firmata ad Atene il 3 settembre 1987 e ratificata con legge n. 445 del 30 dicembre 1989. In vigore dal 20 settembre 1991

Irlanda
Convenzione firmata a Dublino l’11 giugno 1971 e ratificata con legge n. 583 del 9 ottobre 1974. In vigore dal 14 febbraio 1975

Islanda
Convenzione firmata a Roma il 10 settembre 2002 e ratificata con legge n. 138 del 4 agosto 2008. In vigore dal 14 ottobre 2008 

Jugoslavia ex (3)
Convenzione firmata a Belgrado il 24 febbraio 1982 e ratificata con L. n. 974 del 18 dicembre 1984 - in vigore dal 3 luglio 1985. (La Convenzione stipulata con la Repubblica Socialista Federativa di Jugoslavia si applica alla Serbia, al Montenegro  e alla Bosnia Herzegovina).
N.B. Croazia e Slovenia, prima indicate tra i Paesi a cui si applicava la Convenzione stipulata con la ex Jugoslavia e a cui si rinvia, hanno sottoscritto una autonoma Convenzione contro le doppie imposizioni.

Lettonia
Convenzione firmata a Riga il 21 maggio 1997 e ratificata con legge n. 73 del 18 marzo 2008. In vigore dal 16 aprile 2008

Lituania
Convenzione firmata a Vilnius il 4 aprile 1996 e ratificata con legge n. 31 del 9 febbraio 1999. In vigore dal 3 giugno 1999

Lussemburgo
Convenzione firmata in Lussemburgo il 3 giugno 1981 e ratificata con legge n. 747 del 14 agosto 1982. In vigore dal 4 febbraio 1983

Macedonia
Convenzione firmata a Roma il 20 dicembre 1996 e ratificata con legge n. 482 del 19 ottobre 1999. In vigore dall’8 giugno 2000

Malta
La convenzione è stata firmata a La Valletta il 16 luglio 1981 (S.O. alla Gazz. Uff. n. 174 del 24 giugno 1983) ed è entrata in vigore l'8 maggio 1985. Il 24 novembre 2010 è entrato in vigore (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 9 febbraio 2011 n.32) il Protocollo che modifica l'accordo del 1981, autorizzato con legge 30 aprile 2010, n. 77, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 123 del 28 maggio 2010. In conformità all'articolo 5, il protocollo è entrato in vigore il 24 novembre 2010.

Moldova
La Convenzione, che si compone di 31 articoli e un protocollo aggiuntivo, è stata firmata a Roma il 3 luglio 2002. L'accordo è stato ratificato per l'Italia con legge n. 8 del 3 febbraio 2011 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.45 del 24 febbraio 2011 - supplemento ordinario) ed entrerà in vigore alla data di ricevimento dell'ultima delle notifiche con le quali i due Stati si informeranno del completamento delle procedure interne di ratifica. Nella G. U. n. 221 del 22 settembre, il ministero degli Affari Esteri ha comunicato l’entrata in vigore della Convenzione a partire dal 14 luglio 2011.

Principato di Monaco
non esistono Convenzioni contro la doppia imposizione sottoscritte con l’Italia

Norvegia
Convenzione firmata a Roma il 17 giugno 1985 e ratificata con legge n. 108 del 2 marzo 1987. In vigore dal 25 maggio 1987

Paesi Bassi
Convenzione firmata a l’Aja l’8 maggio 1990 e ratificata con legge n. 305 del 26 luglio 1993. In vigore dal 3 ottobre 1993

Polonia
Convenzione firmata a Roma il 21 giugno 1985 e ratificata con legge n. 97 del 21 febbraio 1989. In vigore dal 26 settembre 1989

Portogallo
Convenzione firmata a Roma il 14 maggio 1980 e ratificata con legge n. 562 del 10 luglio 1982. In vigore dal 15 gennaio 1983

Regno Unito di Gran Bretagna
Convenzione firmata a Pallanza il 21 ottobre 1988 e ratificata con legge n. 329 del 5 novembre 1990. In vigore dal 31 dicembre 1990

Repubblica ceca
Convenzione firmata a Praga il 5 maggio 1981 e ratificata con legge n. 303 del 2 maggio 1983. In vigore dal 26 giugno 1984

Repubblica slovacca
Convenzione firmata a Praga il 5 maggio 1981 e ratificata con legge n. 303 del 2 maggio 1983. In vigore dal 26 giugno 1984

Romania
Convenzione firmata a Bucarest il 14 gennaio 1977 e ratificata con legge n. 680 del 18 ottobre 1978. In vigore dal 6 febbraio 1979

Russia (Federazione)
Convenzione firmata a Roma il 9 aprile 1996 e ratificata con legge n. 370 del 9 ottobre 1997. In vigore dal 30 novembre 1998. Sulla G.U. n. 153 del 03.07.2012, il ministero degli Affari esteri ha comunicato l’entrata in vigore del protocollo di modifica della Convenzione tra Italia e Russia per evitare le doppie imposizioni in materia di Imposte sul reddito e sul patrimonio e per prevenire le evasioni fiscali, con Protocollo Aggiuntivo del 9 aprile 1996, firmato a Lecce il 13 giugno 2009.

San Marino
Convenzione firmata a Roma il 21 marzo 2002 e non ratificata. Il protocollo aggiuntivo della Convenzione contro le doppie imposizioni tra l’Italia e la Repubblica di San Marino è stato firmato il 13 giugno 2012 a Roma. Il protocollo, che non è stato ratificato dai due Parlamenti, modifica l'accordo del 2002 adeguando l'intesa agli standard dell'Ocse.
La legge n. 88 del 19 luglio 2013, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 177 del 30 luglio, avvia le procedure di ratifica ed esecuzione dell’accordo per evitare le doppie imposizioni in materia d’imposte sul reddito e prevenire le frodi fiscali.
A seguito della comunicazione formale da parte dello Stato italiano, dal 3 ottobre 2013  la Convenzione è entrata in vigore dopo il perfezionamento delle procedure di scambio di notifiche tra i due Paesi, come previsto e autorizzato dalla legge di ratifica ed esecuzione.
A seguito della ratifica della Convenzione tra i due Stati, il ministero dell’Economia e delle Finanze ha comunicato, con nota n. 39 del 12 febbraio 2014, che il ministro dell’Economia e delle Finanze ha firmato il decreto con cui la Repubblica di San Marino viene espunta dalla "black list" italiana dei paradisi fiscali (articolo 1 del Dm 4 maggio 1999 e successive modifiche). La Repubblica del Titano continua a essere inclusa, invece, nel decreto ministeriale del 21 novembre 2001, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 273 del 23 novembre 2001, e attuativo della disciplina sulle controllate estere (Black List Cfc).
Il nuovo decreto del ministero dell'Economia e delle Finanze del 12 febbraio, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 45 del 24 febbraio 2014, introduce modifiche al decreto 4 maggio 1999, relativo all'individuazione di Stati e territori aventi un regime fiscale privilegiato.

Slovenia 
Convenzione firmata a Lubiana l'11 settembre 2001 e ratificata con legge n. 76 del 29 maggio 2009. Entrata in vigore il 12 gennaio 2010

Spagna
Convenzione firmata a Roma l’8 settembre 1977 e ratificata con legge n. 663 del 29 settembre 1980. In vigore dal 24 novembre 1980

Svezia
Convenzione firmata a Roma il 6 marzo 1980 e ratificata con legge n. 439 del 4 giugno 1982. In vigore dal 5 luglio 1983

Svizzera
Convenzione firmata a Roma il 9 marzo 1976 e ratificata con legge n. 943 del 23 dicembre 1978. In vigore dal 27 marzo 1979

Turchia
Convenzione firmata ad Ankara il 27 luglio 1990 e ratificata con legge n. 195 del 7 giugno 1993. In vigore dal 1° dicembre 1993

Ucraina
Convenzione firmata a Kiev il 26 febbraio 1997 e ratificata con legge n. 169 dell’11 luglio 2002. In vigore dal 25 febbraio 2003

Ungheria
Convenzione firmata a Budapest il 16 maggio 1977 e ratificata con legge n. 509 del 23 luglio 1980. In vigore dal 1° dicembre 1980

Unione Sovietica ex (3)
Convenzione firmata a Roma il 26 febbraio 1985 e ratificata con L. n. 311 del 19 luglio 1988 - in vigore dal 30 luglio 1989. Dopo il discioglimento dell'Unione Sovietica, Italia e Russia hanno firmato una autonoma convenzione (vedi sopra Russia). 

Stato del Vaticano
non esistono Convenzioni contro la doppia imposizione sottoscritte con l’Italia

NOTA BENE
La convenzione stipulata con la ex Unione Sovietica si applica attualmente a Kirghisistan, Tagikistan e Turkmenistan.
La convenzione stipulata con la ex Jugoslavia si applica attualmente ai seguenti paesi: Bosnia Herzegovina, Serbia e Montenegro.
Croazia e Slovenia, prima indicate tra i Paesi a cui si applicava la Convenzione stipulata con la ex Jugoslavia e a cui si rinvia, hanno sottoscritto una autonoma Convenzione contro le doppie imposizioni.
(3) I paesi successori delle Federazioni disciolte applicano la Convenzione salvo la stipula e l'entrata in vigore di una propria convenzione.



aggiornamento: febbraio 2014