Analisi e commenti
Borse di studio: il regime Irpef
e i diversi casi di esenzione - 3
Sono escluse dalla base imponibile le somme corrisposte, direttamente o indirettamente, dal governo italiano a favore di cittadini stranieri, in forza di accordi e intese internazionali
Borse di studio: il regime Irpef |e i diversi casi di esenzione - 3
Le borse di studio percepite da persone fisiche non residenti sono imponibili in Italia se corrisposte:
- dallo Stato italiano
- da soggetti residenti in Italia
- da stabili organizzazioni in Italia di soggetti non residenti.

Il criterio di imponibilità sopra richiamato si ricava dalla lettura dell’articolo 23, comma 2, lettera b), Tuir, a norma del quale “si considerano prodotti nel territorio dello Stato, se corrisposti dallo Stato, da soggetti residenti nel territorio dello Stato o da stabili organizzazioni nel territorio stesso di soggetti non residenti (…) i redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente di cui alle lettere c) (…) del comma 1 dell’articolo 50”.
 
Va ricordato, altresì, che, per espressa previsione normativa, sono in ogni caso escluse dalla base imponibile Irpef “le somme corrisposte a titolo di borsa di studio dal Governo italiano a cittadini stranieri in forza di accordi e intese internazionali” (articolo 3, comma 3, lettera d-ter, Tuir).
La portata della disposizione appena ricordata è stata precisata dall’Agenzia delle entrate, che ha avuto modo di chiarire che la condizione prevista dall’articolo 3 del Tuir, in base alla quale, ai fini della non imponibilità Irpef, è necessario che le borse di studio siano “corrisposte” dal governo italiano, deve essere interpretata nel senso che l’erogazione delle borse di studio deve discendere da un’espressa volontà governativa e che le stesse devono essere finanziate, direttamente o indirettamente, dai ministeri o da altri organi del governo italiano, utilizzando le risorse economiche a tale scopo individuate. Inoltre, non assume rilievo il fatto che le borse di studio siano materialmente corrisposte da altri soggetti, nel caso in cui agiscano su disposizione e per conto di un organo del governo italiano. (risoluzione 356/E dell’8 agosto 2008).
 
Nell’ambito di applicazione dell’articolo 3, comma 3, lettera d-ter, del Tuir, sono state ricondotte anche le borse di studio Erasmus Mundus. Sulla questione è intervenuta l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione 109/E del 23 aprile 2009. L’amministrazione finanziaria, infatti, ha ritenuto che le condizioni richieste dal citato articolo 3 siano ravvisabili anche con riferimento a questa particolare tipologia di erogazione, atteso che le borse di studio Erasmus Mundus, finanziate dalla Comunità europea, sono erogate dalle università italiane in qualità di amministrazioni pubbliche deputate alla formazione universitaria e post-universitaria, secondo il sistema di istruzione nazionale. Peraltro, la partecipazione degli istituti universitari è espressamente richiesta dalla normativa di diritto europeo che ha istituito il programma comunitario di cooperazione interuniversitaria Erasmus Mundus.
 
Ciò detto, le Convenzioni per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito, in genere, prevedono che le somme ricevute da “studenti e apprendisti” nello Stato della fonte (Italia) sono assoggettate a tassazione esclusiva nello Stato di residenza del percettore, a condizione che:
  • lo studente o apprendista sia residente dell’altro Stato contraente o lo sia stato prima di trasferirsi per motivi di studio o per completare la propria formazione professionale
  • le somme gli siano corrisposte per sopperire alle spese di mantenimento, d’istruzione o formazione professionale
  • le stesse provengano da fonti situate fuori dallo Stato in cui egli soggiorna per motivi di studio o formazione professionale.
Il principio si applica in maniera speculare nell’ipotesi di studenti italiani che percepiscono borse di studio all’estero.
La condizione di cui all’ultimo punto dell’elenco risulta verificata nel caso in cui le somme siano corrisposte a borsisti non residenti, utilizzando fondi messi a disposizione da enti o soggetti non residenti nello Stato ospitante, pur essendo materialmente corrisposti da un soggetto residente (risoluzione 59/E del 7 maggio 2001).
 
3 – fine.
La prima parte è stata pubblicata mercoledì 28 dicembre
La seconda parte è stata pubblicata giovedì 29 dicembre
 
Gennaro Napolitano
pubblicato Venerdì 30 Dicembre 2016

I più letti

Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
invio dati da computer
Banche, assicurazioni, università statali e private, enti previdenziali, sono chiamati all’appello per inviare, entro il 28 febbraio, i dati da inserire nella dichiarazione dei redditi
In caso di spedizione diretta di raccomandata con ricevuta di ritorno, è sufficiente esibire l’avviso di ricevimento e gli estratti di ruolo cui l’atto riscossivo si riferisce
Dopo l’ufficializzazione delle regole attuative, l’approvazione del modello per la richiesta e la predisposizione del software per trasmetterla, ecco il necessario riepilogo
Il più recente orientamento della Cassazione afferma l’irrilevanza, in ambito tributario, della natura accessoria dei contratti di garanzia, privilegiando l’autonomia dei singoli negozi
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
Le istanze devono essere trasmesse per via telematica tra il 20 febbraio e il 20 marzo 2017. L’applicativo non richiede installazione e garantisce l’uso di una versione sempre aggiornata
Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino