Bilancio e contabilità
In preparazione un nuovo Ias 17.
Entriamo un po’ nella discussione
E’ di oggi la pubblicazione sul sito dell’Ifrs Foundation di un sommario delle lettere di commento ricevute
In preparazione un nuovo Ias 17. |Entriamo un po’ nella discussione
Il 15 dicembre scorso è scaduto il termine fissato da Iasb e Fasb per l’invio dei commenti all’ED “Lease”, la bozza del principio contabile che dovrebbe sostituire - volgendo lo sguardo al versante degli Ias/Ifrs - lo Ias 17. E’ di oggi la pubblicazione sul sito dell’Ifrs Foundation di un sommario dei pareri degli operatori relativi alla proposta di modifica dello standard dedicato al leasing.
 
Il proposito di cambiamento, su cui stanno lavorando insieme i due standard setter, americano ed europeo, prende le mosse dalla considerazione che la distinzione operativo-finanziario, non scevra da componenti valutative e discrezionali, ha condotto a una scarsa comparabilità dei bilanci e a una loro non piena significatività, intesa - da Framework - come capacità di influenzare le decisioni economiche degli utilizzatori, aiutandoli a valutare gli eventi passati, presenti o futuri oppure confermando o correggendo valutazioni da essi effettuate precedentemente.
 
Il nuovo principio contabile è atteso per la seconda metà del 2011. Andiamo a vedere cosa dovrebbe prevedere.
 
Le regole base
Non ci saranno più leasing operativi o finanziari. Per il locatario c’è il right-of-use approach: all’inizio del contratto contabilizzerà nell’attivo il diritto di utilizzare l’asset e nel passivo l’obbligazione di pagare i canoni. Per il locatore, invece, ci sono due modelli: il performance obligation approach and il derecognition approach. La scelta fra l’uno e l’altro dipenderà dai rischi e dai benefici a cui il lessor rimane esposto. Una valutazione questa che deve essere fatta all’inizio del contratto e che non può essere modificata.
 
La contabilità del locatario
All’inizio il locatario rileverà la passività al valore attuale di tutti i pagamenti (compresi quelli per eventuali penalità e canoni “condizionati” che potrebbero esserci – in questo caso l’importo è pesato con la relativa probabilità media) cui è obbligato, calcolato utilizzando il tasso d’interesse applicato dal lessor se determinabile, oppure il cosiddetto lessee’s incremental borrowing rate, cioè il tasso che avrebbe dovuto corrispondere per prendere in prestito i fondi necessari ad acquistare l’asset locato.
 
Il diritto di utilizzare l’asset va, invece, iscritto nell’attivo per un valore pari a quello della relativa passività aumentato dei costi iniziali diretti (principalmente spese legali e commissioni).
 
L’attualizzazione presuppone la stima del lease term definito come la durata più lunga con la più alta probabilità cumulata di rivelarsi effettiva. Nella stima occorre tenere in considerazione possibili rinnovi o estinzioni anticipate. Esempio (tratto dall’ED):
Contratto, non estinguibile in via anticipata, di 10 anni contenente due opzioni quinquennali di rinnovo. Dalle condizioni contrattuali ed extracontrattuali il locatore stima queste probabilità:
durata di 10 anni = 45%
durata di 15 anni = 30%
durata di 20 anni = 25%
Il lease term in questo caso è di 15 anni, dal momento che c’è il 25% di probabilità che il leasing duri 20 anni, il 55% che duri almeno 15 e il 100% che duri 10 anni
 
Contabilizzazione successive
L’attività – il diritto di utilizzo – viene trattata secondo le indicazioni dello Ias 16. Può essere, cioè, scelto il modello del costo o della rivalutazione. Quella del revaluation model è però una strada che il locatore può prendere solo se utilizza tale modello di contabilizzazione per la classe di immobili, impianti o macchinari, di cui fa parte il bene in leasing.
Per l’obbligazione iscritta nel passivo c’è il costo ammortizzato e il metodo dell’interesse effettivo.
 
L’ED richiede il reassessment della passività a seguito di modifiche che dovessero intervenire alla durata del leasing o alle uscite condizionate (penali, canoni eccetera).
Se è il lease term a cambiare, la modifica dell’obbligazione viene bilanciata da quella dell’attività.
Per i cambiamenti negli estimated contingent cash flow, invece, la proposta di Iasb/Fasb va nella direzione per cui se la modifica trae origine da eventi o attività del periodo in corso o di quello precedente, allora l’importo confluisce nel conto economico; gli altri aggiustamenti si contabilizzano bilanciando la passività e l’attività.
 
Consideriamo, ad esempio, un leasing di 10 anni il cui contratto prevede dei canoni dipendenti dal reddito lordo del locatario. Al terzo anno quest’ultimo valuta opportuno rivedere la stima fatta all’inizio, sulla base dei risultati di bilancio dell’anno in corso e di quello precedente. La modifica nella passività originata dai risultati del secondo e terzo anno confluiscono nel conto economico; quella provocata dalle previsioni per gli anni 4-10 troverà contropartita nell’attività.
 
Un esempio
Leasing di 5 anni non estinguibile anticipatamente, con due opzioni quinquennali di rinnovo. Tasso del leasing 7%, canone annuo 1 milione di euro più 1% dei ricavi di vendita (contingent rentals).
 
Per prima cosa occorre determinare il lease term (la durata più lunga con la più alta probabilità cumulata di rivelarsi effettiva). Le probabilità vengono così stimate
 
Durata
5 anni
10 anni
15 anni
Probabilità
40%
35%
25%
Probabilità cumulata
100%
60%1
25%
1. La probabilità cumulata del 60% si ottiene sommando quella associata a una durata di 15 anni alla probabilità stimata per i 10 anni.
 
Il lease term è quindi determinato in 10 anni, in base al quale il valore attuale dei canoni annui è pari a 7.023.581 euro
 
Occorre poi stimare i contingent rentals. Le ipotesi, con le relative probabilità, sono queste (i valori sono arrotondati):
 
Ricavi annui stimati
3.000.000
3.500.000
4.000.000
 
Contingent rentals totali
300.000
350.000
400.000
 
Valore attuale
210.707
245.825
280.943
 
Probabilità
30%
50%
20%
Totale
Contingent rentals “ponderati”
63.212
122.912
56.188
242.312
 
L’obbligazione del passivo e il right of use da iscrivere nell’attivo sarà pari alla somma dei due valori attuali e, cioè, 7.023.581 + 242.312 =7.265.894 euro.
 
Alla fine del primo anno, quindi, le rilevazioni in conto economico saranno queste:
ammortamento right of use = 7.265.894 : 10 = 726.589
interesse sull’obbligazione = 7.265.894 x 7% = 508. 613
Per un totale di componenti negativi pari a 1.235.202
 
Rispetto alla vigente contabilizzazione dei leasing operativi (quelli che maggiormente vedrebbero cambiare le cose), risulta immediato che i costi sono più alti nei primi periodi; situazione che si rovescia specularmente a mano a mano che ci si avvicina alla fine.
 
Più che altro, considerazioni numeriche a parte, il dover tener conto di ogni cambiamento (il reassessment), senza sottovalutare che obbligherebbe le società a metter su adeguati sistemi informativi, potrebbe condurre a stati patrimoniali e conti economici più “sensibili”. Ricordiamo, infatti, che se i cambiamenti nella stima dei pagamenti potenziali si imputano a conto economico, variazioni dell’obbligazione dipendenti da cambiamenti nella durata del leasing (lease term) vanno bilanciati dal right to use dell’attivo.
Alfonso Lucarelli
pubblicato Mercoledì 19 Gennaio 2011

I più letti

testo alternativo per immagine
È il sistema adottato dall’ordinamento fiscale italiano, attualmente regolamentato dall’articolo 165 del Testo unico delle imposte sui redditi, per rimediare alla doppia tassazione internazionale
testo alternativo per immagine
La Cassazione si esprime chiaramente: l’Amministrazione finanziaria può legittimamente revocare i benefici fiscali se il contribuente non abita l’immobile acquistato
fumetto con operaio che tira su un muro
Dopo una lunga serie di segni negativi, la tendenza sembra finalmente essersi invertita. Il quadro che pare delinearsi è, infatti, quello di una nuova stagione di crescita
testo alternativo per immagine
Trascrivere la liberazione dall’ipoteca non è paragonabile, dal punto di vista fiscale, all’acquisto del bene, quindi diversi sono presupposto impositivo e trattamento tributario
agenda e orologio
Valida, inoltre, la notifica del ricorso per cassazione effettuata presso il domicilio eletto in primo grado, se nel frattempo la parte non ha provveduto e revocare tale indirizzo
testo alternativo per immagine
L’adempimento è slittato naturalmente, dall’ordinario 28 febbraio (che quest’anno cade di sabato), a lunedì 2 marzo, non soltanto per il modello Cu, ma anche per la Cupe 2015
immagine
Definite le modalità tecniche per visualizzare e “amministrare” i documenti e la platea dei contribuenti destinatari della novità normativa per il primo anno di avvio sperimentale
testo alternativo per immagine
È il sistema adottato dall’ordinamento fiscale italiano, attualmente regolamentato dall’articolo 165 del Testo unico delle imposte sui redditi, per rimediare alla doppia tassazione internazionale
Dall’Agenzia il quadro sugli adempimenti a carico di Caf e professionisti che prestano assistenza fiscale, alla luce delle modifiche introdotte dal Dl semplificazioni
testo alternativo per immagine
La Cassazione si esprime chiaramente: l’Amministrazione finanziaria può legittimamente revocare i benefici fiscali se il contribuente non abita l’immobile acquistato
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
carte di credito e lucchetto
I due particolari meccanismi puntano a prevenire fenomeni evasivi in settori economici considerati particolarmente "a rischio" e a garantire il versamento dell'imposta all'erario
immagine
Definite le modalità tecniche per visualizzare e “amministrare” i documenti e la platea dei contribuenti destinatari della novità normativa per il primo anno di avvio sperimentale
calcolatrice
Il meccanismo, finalizzato a contrastare le frodi Iva, coinvolge le pubbliche amministrazioni e i loro fornitori. A questi ultimi, il rimedio per uscire dall’impasse del credito costante
testo alternativo per immagine
Il fornitore potrà verificare direttamente nell’anagrafica Ipa la categoria di appartenenza dell’ente pubblico acquirente, ferma restando la facoltà di interpello nei casi dubbi