Archivio Avviso ai litiganti

Con opportunità di dimostrare, ricorrendo, che la deduzione era per acquisti di soggetto passivo d’imposta, assoggettati a Iva e per operazioni imponibili
È consentita l’iscrizione a ruolo dell’importo detratto e la consequenziale emissione di cartella, potendo il Fisco procedere al controllo formale automatizzato, senza profili valutativi e/o estimativi, nonché atti di indagine diversi dal mero raffronto con dati ed elementi già presenti nell’anagrafe tributaria. [...]
Questo quando è obbligatorio sporgere denuncia del crimine, anche nel caso in cui fosse archiviata o non considerata perché presentata fuori tempo
Il raddoppio dei termini, in ipotesi di reato, non è escluso dalla configurabilità di una causa di estinzione del reato stesso, come la prescrizione, né dalla intervenuta archiviazione della denuncia, non rilevando né l’esercizio dell’azione penale da parte del Pm, né la successiva emanazione di una sentenza di condanna o di assoluzione. [...]
È un sistema agevolativo, facoltativo e derogatorio, la cui disciplina deve essere interpretata restrittivamente e applicata in termini rigorosi
In tema di Iva, qualora l’amministrazione contesti, in base a elementi oggettivi e specifici, che il cessionario abbia indebitamente fruito del regime del margine, spetta a quest’ultimo dimostrare la sua buona fede, e cioè non solo di aver agito in assenza della consapevolezza di partecipare a un’evasione fiscale, ma anche di aver usato la diligenza massima esigibile da un operatore accorto. [...]
Avviso ai litiganti
La consegna è prevista dalla norma per debita informazione dell'interessato, pertanto, l'appello presentato è prova certa della avvenuta conoscenza
La nullità della notifica della cartella esattoriale è suscettibile di sanatoria per raggiungimento dello scopo, atteso l’espresso richiamo alle norme sulle notificazioni del...
Avviso ai litiganti
Il cessionario, quindi, deve provare la propria buona fede e dimostrare di aver agito senza essere consapevole di partecipare a un’evasione fiscale
Il regime del margine, per la vendita di beni d’occasione, oggetti d’arte, da collezione o di antiquariato, costituisce un regime d’imposizione speciale, facoltativo e derogatorio...
Avviso ai litiganti
L’atto giunto all’indirizzo del destinatario è ritenuto consegnato con presunzione di conoscenza, superabile solo dall’impossibilità di prenderne cognizione
In tema di notificazione di avvisi di accertamento in assenza di apposite previsioni della disciplina postale, non deve essere redatta alcuna relata di notifica o annotazione...
Avviso ai litiganti
Almeno quelle in senso “tecnico” ex articolo 57 del Dlgs 546/1992, senza limitare il Fisco nel difendersi dalle contestazioni già dedotte in giudizio
Perché, in tema di contenzioso tributario, le difese, le argomentazioni e le prospettazioni dirette a contestare la fondatezza dell’eccezione – proposta in appello per la prima...
Avviso ai litiganti
L’obbligo vale per i tributi di “competenza” Ue mentre, per quelli “non armonizzati”, il vincolo sussiste solo per le ipotesi in cui risulti specificamente sancito
Esclusivamente per i tributi “armonizzati” in caso di verifiche fiscali, l’Amministrazione finanziaria è gravata di un obbligo generale di contraddittorio endoprocedimentale, la...
Avviso ai litiganti
L’esito del giudizio penale, atteso anche il regime di “doppio binario” con il tributario, non ha effetti sul prolungamento dei tempi per la verifica
Ai fini del solo raddoppio dei termini per l’esercizio dell’azione accertatrice, rileva l’astratta configurabilità di un’ipotesi di reato e non rileva né l’esercizio dell’azione...
Avviso ai litiganti
Solo le irregolarità espressamente previste dalla legge sono causa di nullità dell’atto oppure solo in presenza di lesione di specifici diritti e garanzie
In tema di imposte sui redditi e sul valore aggiunto, è valido l’avviso di accertamento che non menzioni le osservazioni presentate dal contribuente ai sensi dell’articolo 12,...
Avviso ai litiganti
Se i parametri dettati non sono rispettati, fanno scattare la presunzione del più basso reddito, calcolato anche secondo il valore di determinati beni aziendali
Per disincentivare la formazione di “società di comodo”, con scopi vari rispetto alla normale dinamica degli enti collettivi commerciali, il Dl 223/2006 ha stabilito un ammontare...
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino