Archivio Giurisprudenza

immagine di una cassetta della posta
Poiché non viene rettificata la dichiarazione fiscale del cessionario, non è necessario far precedere l’atto esattoriale dalla notifica di un apposito avviso di accertamento
Per far valere la responsabilità solidale nei confronti del cessionario, basta appurare il semplice fatto giuridico dell’omesso versamento del dovuto da parte del cedente. Il soggetto, in ogni caso, rimane tutelato dalla possibilità di presentare ricorso giurisdizionale direttamente avverso la cartella di pagamento (Cassazione, 31057/2018). [...]
Nel processo tributario spetta al contribuente provare il fatto costitutivo che consente di scalare i costi e l’esclusiva strumentalità del bene all’attività propria della società
Ai fini della determinazione delle imposte sui redditi, sono interamente deducibili tutti i costi e le spese relative ai soli veicoli strumentali “strictu sensu” e, cioè, indispensabili all’esercizio dell’attività d’impresa, rispetto ai quali l’uso promiscuo non è né presunto né consentito. Lo ha chiarito la Cassazione nell’ordinanza n. 31031/2018. [...]
Il prelievo fiscale sui redditi prodotti oltralpe che non concorrono alla formazione del reddito complessivo nazionale, quindi della base imponibile, non dà diritto a detrazione
L’importo detraibile dal percettore degli utili esteri è solo quello delle imposte assolte nel Paese straniero sulla percentuale degli utili che concorrono a formare reddito imponibile anche in Italia: 40% in caso se percepiti da società con sede in Paesi extracomunitari, 5% per quelli percepiti da società con sede in Paesi comunitari (Cassazione, 18400/2018). [...]
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino