Archivio Giurisprudenza

corte ue
Al centro della controversia, esaminata dagli eurogiudici, un caso di inversione contabile che ha visto protagonisti un cittadino ungherese e l’Amministrazione fiscale nazionale
Le norme comunitarie non ostano a che l’acquirente di un bene sia privato del diritto a detrazione Iva indebitamente versata al venditore secondo fattura redatta in base alle norme relative al regime ordinario, mentre l’operazione rilevante era soggetta al meccanismo dell’inversione contabile, se il venditore ha versato l’imposta all’Erario. [...]
Valide le contestazioni del Fisco, se emergono elementi che non giustificano la disapplicazione degli Sds né convincono le motivazioni sostenute dal contribuente nel contraddittorio
È legittimo l’accertamento basato sugli studi di settore anche qualora l’impresa abbia perso la commessa di un cliente importante, ma nel contempo abbia aumentato nell’anno di riferimento i costi per il personale dipendente. Lo ha stabilito la Corte di cassazione con la sentenza 9484/2017, con cui ha accolto il ricorso dell’Agenzia. [...]
L'applicazione del regime "punitivo" più vantaggioso per il contribuente, in seguito alle ultime modifiche legislative, non opera sempre in maniera automatica e generalizzata
immagine di un gatto messo in punizione faccia al muro
Nell'ipotesi di successione nel tempo di norme sanzionatorie in relazione alla medesima fattispecie, il principio del favor rei non è automaticamente applicabile, perché è onere del contribuente precisare in base a quali fatti concreti la penalità andrebbe rideterminata. È il principio espresso dalla Cassazione nella sentenza n. 9505/2017. [...]
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino