Archivio Giurisprudenza

L’accertata responsabilità dell’intermediario non esonera il contribuente dal versamento dell’imposta; lo stesso non è sanzionabile solo se si rivolge all’autorità giudiziaria
Il contribuente è tenuto al pagamento sia delle imposte che delle sanzioni laddove il mancato invio della dichiarazione dei redditi da parte dell’intermediario non è stato oggetto di accertamento in sede penale a seguito di denuncia del contribuente. Così la Cassazione ha accolto il ricorso dell’Agenzia, con l’ordinanza 24307/2018. [...]
Per godere dell’agevolazione, dev’essere “in gioco” la salute fisica o psichica, non il mero desiderio di migliorare l’aspetto per le ragioni più varie (lavorative, di affermazione sociale)
Il medico può ritenere che una prestazione abbia carattere terapeutico e non semplicemente estetico, ma, quando l’Agenzia delle entrate gli chiede di provare l’esenzione, deve offrire giustificazione, fondata su elementi obiettivi. È il principio di diritto sancito dalla Ctr dell’Emilia Romagna con la sentenza 2328/12/18 dello scorso 2 ottobre. [...]
Se l’attività di verifica si svolge in collaborazione con il contribuente, non serve l’autorizzazione del procuratore della Repubblica. Questa è prevista solo in caso di “apertura coattiva”
Legittima l’acquisizione di documentazione custodita all’interno di una borsa rinvenuta durante una verifica, se la sua apertura è avvenuta con il consenso di un dipendente dell’impresa e, comunque, senza che sia stata sollevata contestazione specifica al momento della dichiarazione resa a chiusura delle operazioni (Cassazione, 24306/2018). [...]
Giurisprudenza
In seguito alla modifica apportata dal Dl 98/2011, tali poste non si possono più escludere dallo stato passivo fallimentare e non è più necessaria la loro iscrizione “particolare”
In caso di fallimento societario, l’Agenzia ha diritto all’estensione del privilegio del proprio credito principale anche agli interessi e alle sanzioni, pur senza l’iscrizione di...
Giurisprudenza
Il documento deve contenere l’indicazione nominativa dei partecipanti all’attività, avere data anteriore all’inizio del periodo d’imposta, essere sottoscritto dal titolare e dai congiunti
Dal punto di vista fiscale, in assenza di atto pubblico o di scrittura privata autenticata che attesti la partecipazione dei familiari all’attività dell’azienda, non è ravvisabile...
Giurisprudenza
In caso di spedizione diretta di raccomandata con ricevuta di ritorno, è sufficiente esibire l’avviso di ricevimento e gli estratti di ruolo cui l’atto riscossivo si riferisce
Nei giudizi in cui è in contestazione la notifica di una cartella di pagamento, l’agente della riscossione non è tenuto a produrre in giudizio anche la copia integrale della...
Giurisprudenza
Né si applica il principio del ne bis in idem quando chi amministra la società che ha prodotto i documenti fittizi è anche legale rappresentante di quella che se ne avvantaggia
L’imprenditore che ha patteggiato la pena per il reato di emissione di fatture false resta punibile per la loro utilizzazione nella dichiarazione annuale. Inoltre, la sentenza di...
Giurisprudenza
Questo in virtù del principio solidaristico, mentre l’eventuale riparto tra gli accusati dell’illecito costituisce fatto interno a questi ultimi e non ha alcun rilievo di carattere penale
Il sequestro finalizzato alla confisca per equivalente può interessare indifferentemente ciascuno dei concorrenti nel reato fiscale, anche per l’intera entità del profitto...
Giurisprudenza
mani aperte
I giudici di legittimità, così come affermato in altre occasioni, hanno dato prevalenza all’aspetto fattuale concreto piuttosto che a quello formale della carica soggettiva
Può essere equiparato all’amministratore “di fatto” e, quindi, rispondere del reato di omessa dichiarazione assieme al titolare dell’impresa, l’institore in possesso di una...
Giurisprudenza
corte ue
La controversia esaminata dalla Corte Ue verte sull’interpretazione dell’articolo 64 del Trattato sul funzionamento dell’Ue e coinvolge un contribuente titolare di un conto corrente estero
L’articolo 64, paragrafo 1, TFUE, deve essere interpretato nel senso positivo di applicazione a una normativa nazionale che impone una restrizione ai movimenti di capitali quale...
Giurisprudenza
immagine di due mezze mele di colore differente
L'eventuale errore qualificatorio dell'ufficio non rileva come violazione di legge, l'importante è la sostanza, cioè la presenza di elementi che determinano un maggiore imponibile
In tema di reddito d'impresa, è legittima la rettifica con metodo analitico, anche in presenza di gravi irregolarità contabili che avrebbero consentito il ricorso all'accertamento...
Giurisprudenza
corte ue
La controversia, giunta a sentenza, verte sull’interpretazione dell’articolo 13 della sesta direttiva con riferimento alla concessione di diritti d’ammissione a proiezioni di film
L’esenzione di “talune prestazioni di servizi culturali”, prevista dalla normativa comunitaria, non è dotata di efficacia diretta per cui, senza trasposizione, la...
Giurisprudenza
Nonostante l’obbligo di risultato chiaro e incondizionato previsto dal Tfue, non è ancora analiticamente tracciato il percorso che il giudice penale deve seguire per conseguire lo scopo
Il dubbio non risolto riguarda le frodi carosello e, in particolare, se il giudice interno non debba applicare, ai reati fiscali, la prescrizione breve prevista dall’ordinamento...
Giurisprudenza
Il legislatore e le sezioni unite della Cassazione intervengono in tempi ravvicinati sulla riducibilità dell’imposta prevista dall’ex articolo 182-ter della legge fallimentare
Superati i dubbi interpretativi, la Cassazione, con le sentenze 26988 del 26 dicembre 2016 e 760 del 13 gennaio 2017, ha stabilito che l’infalcidiabilità del credito Iva trova...
Giurisprudenza
corte ue
È l’interrogativo a cui hanno risposto gli eurogiudici in una controversia tra un cittadino olandese e l'Amministrazione finanziaria per il diniego della deducibilità dei redditi negativi
È contraria al diritto Ue la normativa che nega il beneficio della deducibilità di redditi negativi a un lavoratore autonomo non residente nel caso in cui percepisca, nel...
Giurisprudenza
La diretta connessione delle due imposte faceva sì che la preferenza di rateizzare una plusvalenza, espressa ai fini della prima, assumesse rilievo anche ai fini della seconda
La questione su cui si è pronunciata la Commissione tributaria provinciale di Napoli, accogliendo la tesi dell’ufficio, attiene al principio di correlazione Irap - Ires per i...
Giurisprudenza
Con la dichiarazione unica, ciascun coniuge accetta i rischi inerenti la possibilità di recapito degli atti solo all’altro e le conseguenze proprie delle obbligazioni solidali
In caso di dichiarazione congiunta, la tempestiva notifica di una cartella di pagamento al marito comporta la validità dell’atto recapitato alla moglie, anche se quest’ultima...
Giurisprudenza
Spetta al giudice accertare e valutare i fatti indice che, però, vanno indicati dagli interessati, cioè dai trasgressori prima o dall’ufficio in caso di soccombenza in giudizio
È onere di chi deduca lo stato di oggettiva incertezza normativa - contribuente o ufficio finanziario soccombente - indicare in quali termini lo stato di incertezza venga a...
Giurisprudenza
Il rilascio del titolo di credito rappresenta, quindi, indipendentemente dal fatto che avvenga pro soluto o pro solvendo, il momento rilevante ai fini dell’imposizione Iva
Nelle prestazioni di servizio, la consegna della cambiale coincide con il pagamento per l’effettuazione dell’operazione. Si tratta, infatti, di titolo sostitutivo della moneta,...
Giurisprudenza
Per l’irritualità della procedura di impugnazione, la sanzione di nullità non è prevista dalla legge ed è in contrasto con le pronunce sul punto della Consulta e della Corte suprema
Il deposito di copia dell’appello nella segreteria della commissione tributaria di primo grado, previsto a pena d'inammissibilità, ove il ricorso non sia notificato a mezzo...
Giurisprudenza
Corretto il comportamento dell’ufficio che ha irrogato la pena ordinaria (pari al 30% dell’importo omesso) prevista, in deroga agli istituti del favor rei, per questo tipo di violazione
L’omesso o ritardato versamento di un’imposta già liquidata costituisce un deficit di cassa certo e non potenziale per l’erario; inapplicabile, quindi, a livello sanzionatorio, il...
Giurisprudenza
cassetto portasoldi
La stipula di un nuovo oneroso mutuo, nonostante le consistenti disponibilità finanziarie, e sospetti e ripetuti finanziamenti dei soci sono pesanti indizi di occultamento di ricavi
La società con un’elevata esposizione bancaria, fonte di costi e oneri passivi, in presenza di un ingente saldo positivo del conto cassa, manifesta una palese condotta...
Giurisprudenza
Non è stata provata nemmeno la qualità di imprenditore del cessionario, che peraltro acquistava, in quel momento, una compagine senza alcun immobile e con un rilevante debito
Il reato di omessa dichiarazione, pur essendo un delitto omissivo proprio, non si sottrae alle regole che disciplinano il concorso di persone. Ne consegue che, quando chi vi è...
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino