Attualità
Compensazioni con crediti Iva:
il nuovo limite si applica da aprile
Fino a tutto marzo vale la vecchia soglia di 10mila euro. Entro quell'importo, l’imposta può essere "recuperata" senza la preventiva presentazione della dichiarazione
nastro di partenza
Scatterà dal 1° aprile la nuova disciplina sulle compensazioni Iva introdotta dal decreto “semplificazioni tributarie” (articolo 8, commi 18 e 19, Dl 16/2012). È questa, come anticipa un comunicato dell'Agenzia delle Entrate, una delle principali precisazioni contenute nell’emanando provvedimento direttoriale, con il quale, come previsto dal comma 20 dello stesso articolo 8, saranno indicate le modalità di applicazione della norma.
 
In breve, fino al 31 marzo, se non superiori a 10mila euro annui, le compensazioni dei crediti Iva potranno essere effettuate applicando la vecchia regola, ossia, senza aver già presentato all’Agenzia delle Entrate la dichiarazione o l’istanza dalla quale risulta il credito.
A partire da aprile, invece, la soglia scenderà e i crediti Iva che superano i 5mila euro potranno essere portati in compensazione esclusivamente attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, a decorrere dal sedicesimo giorno del mese successivo a quello di presentazione della dichiarazione/istanza da cui emerge il credito.
 
Un esempio per chiarire: un credito annuo di 8mila euro, emerso dalla dichiarazione Iva per il 2011 presentata entro il prossimo 31 marzo, potrà essere “sfruttato” per intero dal 16 aprile.
r.fo.
pubblicato Martedì 13 Marzo 2012

I più letti

traguardo
Lunedì 27 è l’ultimo giorno a disposizione dei contribuenti per correggere errori od omissioni a proprio danno riscontrati nella dichiarazione presentata nei termini ordinari
testo alternativo per immagine
Possono essere scalati dal reddito dell’azienda solo i costi connessi concretamente all’attività svolta dalla ditta producendo ricavi o altri proventi
tasto rosso tastiera pc con impronta digitale
Il fatto noto costituito dai dati rinvenuti nel personal computer consente di evincere, mediante un processo logico, il fatto ignorato, ovvero la realizzazione di ricavi occulti
mela
Sul sito dell’Agenzia disponibile, inoltre, il pacchetto informatico che consente di verificare che i file predisposti siano conformi ai criteri necessari per terminare la procedura
trasferimento casa
Le dichiarazioni necessarie per fruire delle agevolazioni, quando non rese nella sentenza e negli atti del procedimento, vanno formulate con dichiarazione da allegare alla provvedimento
vignetta
La spesa, detraibile al 19%, può essere documentata con fattura o ricevuta fiscale, ma sono validi anche il bollettino bancario o postale o la quietanza di pagamento
pagina sito Mise
Quando l’Amministrazione finanziaria può procurarsi direttamente i “recapiti”, l’adempimento informativo diventa superfluo. Questo, nell’ottica della semplificazione
traguardo
Lunedì 27 è l’ultimo giorno a disposizione dei contribuenti per correggere errori od omissioni a proprio danno riscontrati nella dichiarazione presentata nei termini ordinari
testo alternativo per immagine
Il contribuente deve annotare sull’apposito registro i documenti comprovanti acquisti e importazioni, altrimenti l’ufficio è legittimato a procedere al recupero d’imposta
trasferimento casa
Le dichiarazioni necessarie per fruire delle agevolazioni, quando non rese nella sentenza e negli atti del procedimento, vanno formulate con dichiarazione da allegare alla provvedimento
testo alternativo per immagine
Le modalità di presentazione via web della delega di pagamento unificato. La versione cartacea sopravvivrà per i versamenti di importi esigui e in qualche ipotesi residua
testo alternativo per immagine
Online, in bozza, il modello che i sostituti d’imposta dovranno utilizzare, dal 2015, per comunicare i dati riguardanti le somme corrisposte nel periodo d’imposta precedente
testo alternativo per immagine
Tutto sull’ok del professionista, tenuto a verificare la corrispondenza fra dichiarazione e scritture contabili anche quando il dare-avere si riferisce a imposte sui redditi e Irap
Occhio ai paragrafi sui contratti di cash pooling, in particolare a quelli che espongono le regole di contabilizzazione della gestione accentrata della tesoreria di gruppo
pagina sito Mise
Quando l’Amministrazione finanziaria può procurarsi direttamente i “recapiti”, l’adempimento informativo diventa superfluo. Questo, nell’ottica della semplificazione