Attualità
Diritto camerale 2012, non si cambia:
importi e criteri di calcolo immutati
Il ministero dello Sviluppo economico conferma le misure fisse del tributo, le fasce di fatturato e le relative aliquote stabilite per lo scorso anno
testo alternativo per immagine
Nel segno della continuità. Regole immutate per il diritto camerale che i soggetti iscritti al Registro delle imprese sono chiamati a versare per ogni anno solare.
Una nota del ministero dello Sviluppo economico, datata 27 dicembre 2011, dà il via libera all’applicazione, anche nell’anno appena iniziato, dei criteri già fissati per il 2011.

L’adempimento riguarda tutte le imprese iscritte o annotate nell’apposito Registro tenuto presso la Cciaa (Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura), anche per le sedi secondarie e le unità locali “staccate”. Il diritto va versato per intero, anche nel caso in cui l’iscrizione duri soltanto per una parte dell’anno. Destinataria è la Camera di commercio nella cui circoscrizione territoriale è ubicata la sede dell’impresa o della società. La stessa regola si applica a ognuna delle eventuali “succursali” e a ciascun dislocamento in Italia di imprese con sede legale all’estero. In caso di trasferimento della sede legale in altra provincia, il tributo è dovuto alla Camera di commercio in cui è ubicata la sede al 1° gennaio.

Il diritto annuale deve essere versato entro il termine previsto per il pagamento del primo acconto delle imposte sui redditi, scadenza che, quest’anno, slitta “naturalmente” da sabato 16 giugno a lunedì 18. Riconosciuta, comunque, la possibilità di differire il pagamento entro i successivi 30 giorni (fino, dunque, al 18 luglio), aggiungendo una maggiorazione dello 0,40 per cento. Lo strumento da utilizzare è il modello F24, con indicazione del codice tributo “3850”.
Invece, le imprese che nel 2012 si iscrivono (o si annotano) per la prima volta nel Registro, sono tenute a versare il tributo entro trenta giorni dalla presentazione della domanda.

Confermate anche le misure transitorie adottate nel 2011 a seguito delle modifiche normative introdotte dal Dlgs 23/2010: gli iscritti nel Repertorio delle notizie economiche e amministrative (associazioni, fondazioni, comitati e altri enti non societari che esercitano attività d’impresa, agricola o commerciale, non esclusiva o prevalente) versano un diritto annuale di 30 euro; il tributo dovuto dalle società semplici non agricole e dalle società tra avvocati è pari alla misura fissa prevista per il primo scaglione di fatturato (200 euro), quello a carico delle società semplici agricole è ridotto alla metà (100 euro).

Due le misure fisse per le imprese individuali: 200 euro se tenute a iscriversi nella sezione ordinaria del Registro, 88 euro quando “destinate” a una sezione speciale.

Per le altre imprese si applicano le aliquote indicate nella tabella che segue, differenziate in base al fatturato realizzato nell’anno precedente
 
 Fatturato 2011 Diritto camerale 2012 (in euro)
oltre euro fino a euro
  100.000 200
100.000 250.000 200 + 0,015% della parte oltre 100.000
250.000 500.000 222,50 + 0,013% della parte oltre 250.000
500.000 1.000.000 225 + 0,010% della parte oltre 500.000
1.000.000 10.000.000 305 + 0,009% della parte oltre 1.000.000
10.000.000 35.000.000 1.115 + 0,005% della parte oltre 10.000.000
35.000.000 50.000.000 2.365 + 0,003% della parte oltre 35.000.000
50.000.000
 
  2.815 + 0,001% della parte oltre 50.000.000
(fino a un massimo di 40.000)
 
Relativamente alle unità locali, il tributo è dovuto, per ciascuna di esse, in misura pari al 20% dell’importo calcolato per la sede principale, fino ad un massimo di 200 euro.
Se si tratta di unità locali o di sedi secondarie di imprese con sede principale all’estero, per ognuna sono dovuti 110 euro.
r.fo.
pubblicato Lunedì 2 Gennaio 2012

I più letti

mezza mela
La modifica non è automatica, ma è conseguente all’andamento del rendimento medio dei titoli di Stato e del tasso di inflazione annuo e va sancita con decreto ministeriale
testo alternativo per immagine
Il comitato di gestione dell’Agenzia delle Entrate ha dato il via libera agli avvicendamenti dei vertici, più un incarico strategico, che interesseranno alcune direzioni regionali
testo alternativo per immagine
In Gazzetta il provvedimento che rinvia il pagamento del tributo al 26 gennaio prossimo, decisione preannunciata qualche giorno fa con comunicato stampa di Palazzo Chigi
trasmissione telematica di dati
Le informazioni inviate da enti previdenziali, banche e assicurazioni troveranno posto automaticamente nella dichiarazione dei redditi di pensionati e lavoratori dipendenti
testo alternativo per immagine
L’imposta sostitutiva andrà assolta con modello F24, utilizzando il debuttante 9046. Per sanzioni e interessi, invece, bisognerà indicare, rispettivamente, i codici 9047 e 9048
mezza mela
La modifica non è automatica, ma è conseguente all’andamento del rendimento medio dei titoli di Stato e del tasso di inflazione annuo e va sancita con decreto ministeriale
immagine
Le dichiarazioni possono essere presentate direttamente dagli operatori interessati , se abilitati ai servizi telematici Entratel o Fisconline, oppure tramite intermediari incaricati
testo alternativo per immagine
Il comitato di gestione dell’Agenzia delle Entrate ha dato il via libera agli avvicendamenti dei vertici, più un incarico strategico, che interesseranno alcune direzioni regionali
trasmissione telematica di dati
Le informazioni inviate da enti previdenziali, banche e assicurazioni troveranno posto automaticamente nella dichiarazione dei redditi di pensionati e lavoratori dipendenti
due chiavi
Presentando la dichiarazione di inizio attività, si può contestualmente richiedere l'inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie
testo alternativo per immagine
In evidenza: meno informazioni negli elenchi riepilogativi Intrastat, operazioni black list da comunicare una sola volta all’anno, immediata l’iscrizione alla banca dati Vies
ciak
Tra le altre: niente dichiarazione di successione per eredità fino a 100mila euro, via la comunicazione per lavori energetici “pluriennali”, rimborsi Iva con meno vincoli
IMU
I proprietari delle aree non più esonerate dal pagamento dovranno versare l’imposta municipale propria, per il 2014, in un’unica soluzione, entro martedì 16 dicembre
immagine
Le dichiarazioni possono essere presentate direttamente dagli operatori interessati , se abilitati ai servizi telematici Entratel o Fisconline, oppure tramite intermediari incaricati
testo alternativo per immagine
A seconda della scelta effettuata dal contribuente (accettazione o modifica, in modo autonomo o delegando altri soggetti), è previsto un diverso iter dei controlli documentali