Attualità
Diritto camerale 2012, non si cambia:
importi e criteri di calcolo immutati
Il ministero dello Sviluppo economico conferma le misure fisse del tributo, le fasce di fatturato e le relative aliquote stabilite per lo scorso anno
testo alternativo per immagine
Nel segno della continuità. Regole immutate per il diritto camerale che i soggetti iscritti al Registro delle imprese sono chiamati a versare per ogni anno solare.
Una nota del ministero dello Sviluppo economico, datata 27 dicembre 2011, dà il via libera all’applicazione, anche nell’anno appena iniziato, dei criteri già fissati per il 2011.

L’adempimento riguarda tutte le imprese iscritte o annotate nell’apposito Registro tenuto presso la Cciaa (Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura), anche per le sedi secondarie e le unità locali “staccate”. Il diritto va versato per intero, anche nel caso in cui l’iscrizione duri soltanto per una parte dell’anno. Destinataria è la Camera di commercio nella cui circoscrizione territoriale è ubicata la sede dell’impresa o della società. La stessa regola si applica a ognuna delle eventuali “succursali” e a ciascun dislocamento in Italia di imprese con sede legale all’estero. In caso di trasferimento della sede legale in altra provincia, il tributo è dovuto alla Camera di commercio in cui è ubicata la sede al 1° gennaio.

Il diritto annuale deve essere versato entro il termine previsto per il pagamento del primo acconto delle imposte sui redditi, scadenza che, quest’anno, slitta “naturalmente” da sabato 16 giugno a lunedì 18. Riconosciuta, comunque, la possibilità di differire il pagamento entro i successivi 30 giorni (fino, dunque, al 18 luglio), aggiungendo una maggiorazione dello 0,40 per cento. Lo strumento da utilizzare è il modello F24, con indicazione del codice tributo “3850”.
Invece, le imprese che nel 2012 si iscrivono (o si annotano) per la prima volta nel Registro, sono tenute a versare il tributo entro trenta giorni dalla presentazione della domanda.

Confermate anche le misure transitorie adottate nel 2011 a seguito delle modifiche normative introdotte dal Dlgs 23/2010: gli iscritti nel Repertorio delle notizie economiche e amministrative (associazioni, fondazioni, comitati e altri enti non societari che esercitano attività d’impresa, agricola o commerciale, non esclusiva o prevalente) versano un diritto annuale di 30 euro; il tributo dovuto dalle società semplici non agricole e dalle società tra avvocati è pari alla misura fissa prevista per il primo scaglione di fatturato (200 euro), quello a carico delle società semplici agricole è ridotto alla metà (100 euro).

Due le misure fisse per le imprese individuali: 200 euro se tenute a iscriversi nella sezione ordinaria del Registro, 88 euro quando “destinate” a una sezione speciale.

Per le altre imprese si applicano le aliquote indicate nella tabella che segue, differenziate in base al fatturato realizzato nell’anno precedente
 
 Fatturato 2011 Diritto camerale 2012 (in euro)
oltre euro fino a euro
  100.000 200
100.000 250.000 200 + 0,015% della parte oltre 100.000
250.000 500.000 222,50 + 0,013% della parte oltre 250.000
500.000 1.000.000 225 + 0,010% della parte oltre 500.000
1.000.000 10.000.000 305 + 0,009% della parte oltre 1.000.000
10.000.000 35.000.000 1.115 + 0,005% della parte oltre 10.000.000
35.000.000 50.000.000 2.365 + 0,003% della parte oltre 35.000.000
50.000.000
 
  2.815 + 0,001% della parte oltre 50.000.000
(fino a un massimo di 40.000)
 
Relativamente alle unità locali, il tributo è dovuto, per ciascuna di esse, in misura pari al 20% dell’importo calcolato per la sede principale, fino ad un massimo di 200 euro.
Se si tratta di unità locali o di sedi secondarie di imprese con sede principale all’estero, per ognuna sono dovuti 110 euro.
r.fo.
pubblicato Lunedì 2 Gennaio 2012

I più letti

tessera sanitaria
Nel 1976 nasceva l’algoritmo che genera i 16 caratteri. Lo stato dell’arte su sviluppi e criticità dell’attuale sistema nell’intervento odierno del direttore dell’Agenzia delle Entrate
immagine di trasmissione di dati
Contenuti nel modello Cu 2016, i dati riferiti ai redditi percepiti nel 2015 confluiranno nel 730 precompilato, che dipendenti e pensionati troveranno on line dal prossimo 15 aprile
Le modifiche al sistema di accertamento, visti gli effetti incisivi apportati alla sfera giuridica del contribuente, non sono da considerare mere norme di carattere procedimentale
Corretta, inoltre, la procedura anche in presenza di un’eventuale difformità tra l’indirizzo indicato nell’atto e quello in cui il destinatario è stato effettivamente raggiunto
catena
La nuova ipotesi di “sosta forzata” del giudizio tributario legato all’esito di un altro può essere anche disposta d’ufficio, senza istanza, ma servono i fatti a provare il nesso
Corretta, inoltre, la procedura anche in presenza di un’eventuale difformità tra l’indirizzo indicato nell’atto e quello in cui il destinatario è stato effettivamente raggiunto
immagine di trasmissione di dati
Contenuti nel modello Cu 2016, i dati riferiti ai redditi percepiti nel 2015 confluiranno nel 730 precompilato, che dipendenti e pensionati troveranno on line dal prossimo 15 aprile
Quando non vi sono dubbi, in particolare nei casi di omessi o tardivi versamenti delle imposte dichiarate dallo stesso contribuente, scatta la cartella con sanzione piena
Le modifiche al sistema di accertamento, visti gli effetti incisivi apportati alla sfera giuridica del contribuente, non sono da considerare mere norme di carattere procedimentale
L’atto con cui l’amministratore dichiara di non voler fruire del compenso fa presupporre la maturazione e il conseguimento giuridico di un credito, da assoggettare a ritenuta fiscale
Il provvedimento con le disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato è formato da un solo articolo, con 999 commi. Tante le novità in ambito tributario
immagine di casa disegnata intorno alle parole: casa, tasi, imu
Esenzione Imu per tutti i terreni agricoli, a prescindere dall’ubicazione, posseduti e condotti da coltivatori diretti o imprenditori professionali iscritti nella previdenza agricola
immagine di casa disegnata intorno alle parole: casa, tasi, imu
Eliminata la Tasi, per possessore e detentore, sull’abitazione principale non “di lusso”. Base imponibile Imu dimezzata per la casa data in comodato a genitori o figli
Per detrarre le spese funebri, non è più richiesto vincolo parentale: il beneficio spetta a chi effettivamente sostiene l’onere, a prescindere dal legame con la persona deceduta
immagine di una tenda a pacchetto
Detrazione del 65% per l’acquisto di dispositivi per il controllo a distanza di impianti di riscaldamento, di produzione dell’acqua calda e di climatizzazione delle abitazioni