Attualità
Diritto camerale 2012, non si cambia:
importi e criteri di calcolo immutati
Il ministero dello Sviluppo economico conferma le misure fisse del tributo, le fasce di fatturato e le relative aliquote stabilite per lo scorso anno
testo alternativo per immagine
Nel segno della continuità. Regole immutate per il diritto camerale che i soggetti iscritti al Registro delle imprese sono chiamati a versare per ogni anno solare.
Una nota del ministero dello Sviluppo economico, datata 27 dicembre 2011, dà il via libera all’applicazione, anche nell’anno appena iniziato, dei criteri già fissati per il 2011.

L’adempimento riguarda tutte le imprese iscritte o annotate nell’apposito Registro tenuto presso la Cciaa (Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura), anche per le sedi secondarie e le unità locali “staccate”. Il diritto va versato per intero, anche nel caso in cui l’iscrizione duri soltanto per una parte dell’anno. Destinataria è la Camera di commercio nella cui circoscrizione territoriale è ubicata la sede dell’impresa o della società. La stessa regola si applica a ognuna delle eventuali “succursali” e a ciascun dislocamento in Italia di imprese con sede legale all’estero. In caso di trasferimento della sede legale in altra provincia, il tributo è dovuto alla Camera di commercio in cui è ubicata la sede al 1° gennaio.

Il diritto annuale deve essere versato entro il termine previsto per il pagamento del primo acconto delle imposte sui redditi, scadenza che, quest’anno, slitta “naturalmente” da sabato 16 giugno a lunedì 18. Riconosciuta, comunque, la possibilità di differire il pagamento entro i successivi 30 giorni (fino, dunque, al 18 luglio), aggiungendo una maggiorazione dello 0,40 per cento. Lo strumento da utilizzare è il modello F24, con indicazione del codice tributo “3850”.
Invece, le imprese che nel 2012 si iscrivono (o si annotano) per la prima volta nel Registro, sono tenute a versare il tributo entro trenta giorni dalla presentazione della domanda.

Confermate anche le misure transitorie adottate nel 2011 a seguito delle modifiche normative introdotte dal Dlgs 23/2010: gli iscritti nel Repertorio delle notizie economiche e amministrative (associazioni, fondazioni, comitati e altri enti non societari che esercitano attività d’impresa, agricola o commerciale, non esclusiva o prevalente) versano un diritto annuale di 30 euro; il tributo dovuto dalle società semplici non agricole e dalle società tra avvocati è pari alla misura fissa prevista per il primo scaglione di fatturato (200 euro), quello a carico delle società semplici agricole è ridotto alla metà (100 euro).

Due le misure fisse per le imprese individuali: 200 euro se tenute a iscriversi nella sezione ordinaria del Registro, 88 euro quando “destinate” a una sezione speciale.

Per le altre imprese si applicano le aliquote indicate nella tabella che segue, differenziate in base al fatturato realizzato nell’anno precedente
 
 Fatturato 2011 Diritto camerale 2012 (in euro)
oltre euro fino a euro
  100.000 200
100.000 250.000 200 + 0,015% della parte oltre 100.000
250.000 500.000 222,50 + 0,013% della parte oltre 250.000
500.000 1.000.000 225 + 0,010% della parte oltre 500.000
1.000.000 10.000.000 305 + 0,009% della parte oltre 1.000.000
10.000.000 35.000.000 1.115 + 0,005% della parte oltre 10.000.000
35.000.000 50.000.000 2.365 + 0,003% della parte oltre 35.000.000
50.000.000
 
  2.815 + 0,001% della parte oltre 50.000.000
(fino a un massimo di 40.000)
 
Relativamente alle unità locali, il tributo è dovuto, per ciascuna di esse, in misura pari al 20% dell’importo calcolato per la sede principale, fino ad un massimo di 200 euro.
Se si tratta di unità locali o di sedi secondarie di imprese con sede principale all’estero, per ognuna sono dovuti 110 euro.
r.fo.
pubblicato Lunedì 2 Gennaio 2012

I più letti

Nel documento di prassi, i casi di esonero dalla prestazione di garanzia, anche se in presenza di avvisi di accertamento o di rettifica, qualora manchino situazioni di rischio
disegno registratore di cassa
Online da oggi gli orientamenti iniziali sulla memorizzazione elettronica e la trasmissione degli incassi giornalieri all’Agenzia delle Entrate dei contribuenti con partita Iva
Per accedere all’area riservata, accettare o modificare e trasmettere la dichiarazione già predisposta, bastano le credenziali di Fisconline o dell’Inps, o utilizzare la Cns o il sistema Spid
cartina
Realizzato dall’Istat e dalle Entrate si basa sui dati delle mappe e degli indirizzari rilevati a livello comunale nel corso del 15° Censimento generale della popolazione e delle abitazioni
Dopo la competenza sul controllo e recupero dei crediti Iva in compensazione, riconosciuta anche la possibilità di emettere gli atti di contestazione e di irrogazione delle sanzioni
disegno registratore di cassa
Online da oggi gli orientamenti iniziali sulla memorizzazione elettronica e la trasmissione degli incassi giornalieri all’Agenzia delle Entrate dei contribuenti con partita Iva
foto di gruppo
Il vice ministro dell’Economia e delle Finanze Luigi Casero ha consegnato le targhe assegnate ai team che maggiormente si sono distinti per l’innovazione delle loro iniziative
Sul sito delle Entrate 19 nuove domande e risposte dedicate alla fase di addebito nella fattura di fornitura elettrica residenziale, che è entrata nel vivo a partire dal 1° luglio
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
L’Agenzia fa il punto sulla disciplina che ha previsto l’imposta in misura ridotta per le prestazioni sociali, sanitarie e educative erogate nei confronti delle categorie più deboli
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
logo dell'applicazione
Da oggi è possibile generare, trasmettere e conservare documenti fiscali dematerializzati in modo semplice e gratuito. Il servizio è utilizzabile anche per le operazioni tra privati
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco
bandiera giappone
Dal 2011 sono state introdotte alcune novità di rilievo nel sistema tributario a seguito di un processo di riforma