Attualità
L’Iva TR si adegua ai tempi.
Prima visione del nuovo modello
In bozza sul sito dell’Agenzia, dovrà essere utilizzato dal prossimo aprile per chiedere il rimborso o utilizzare in compensazione il credito del primo trimestre 2012
testo alternativo per immagine
È disponibile sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate la bozza del modello IVA TR che dovrà essere utilizzato nel prossimo mese di aprile per chiedere il rimborso o utilizzare in compensazione il credito Iva maturato nel primo trimestre del 2012.
 
Il modello è aggiornato alle novità introdotte nella disciplina Iva.
 
Infatti, nei quadri TA e TB i righi riservati, rispettivamente, all’esposizione delle operazioni attive con applicazione dell’aliquota del 20% (TA11) e all’esposizione degli acquisti e delle importazioni con aliquota del 20% (TB11) sono stati modificati per tenere conto della nuova aliquota del 21% che, a decorrere dal 17 settembre 2011, costituisce l’aliquota Iva ordinaria (articolo 2, decreto legge n. 138 del 2011).
 
Nel quadro TE, riservato all’ente o società controllante di un gruppo Iva di cui all’articolo 73 del Dpr 633/1972, sono stati eliminati i righi previsti per l’esposizione dei crediti relativi a periodi precedenti e trasferiti al gruppo dalle controllate nel primo anno di partecipazione alla procedura di liquidazione dell’Iva di gruppo. Sulla base della normativa vigente e delle interpretazioni fornite con diversi documenti di prassi non è più consentito alle controllate il trasferimento al gruppo Iva dei crediti maturati in periodi antecedenti l’ingresso nel gruppo stesso.
 
Inoltre, nel quadro TD è stato previsto il nuovo presupposto “operazioni non soggette” riservato ai contribuenti che hanno effettuato nei confronti di soggetti passivi non stabiliti nel territorio dello Stato, per un importo superiore al 50% dell'ammontare di tutte le operazioni effettuate, determinate prestazioni di servizi per le quali non sussiste il requisito territoriale (lavorazioni relative a beni mobili materiali, prestazioni di trasporto di beni e relative prestazioni di intermediazione, prestazioni di servizi accessorie ai trasporti di beni e relative prestazioni di intermediazione, ovvero prestazioni di servizi di cui all'articolo 19, comma 3, lettera a-bis).
pubblicato Giovedì 8 Marzo 2012

I più letti

immagine di semaforo verde
Continua ad aumentare il numero delle pronunce depositate dalle commissioni tributarie di merito, provinciali e regionali, che danno ragione all'Amministrazione finanziaria
Gli eurogiudici, chiamati a dirimere una controversia tra una società bulgara e la sua Amministrazione fiscale, ricordano che l’ambito di applicazione dell’imposta è amplissimo
nave d'alto mare
Per gli eurogiudici l’esenzione dall’imposta dipende dal momento in cui avviene il passaggio di proprietà del bene all’armatore anche quando nell’operazione interviene un terzo
Questo perché l’Amministrazione, essendo fuori dal rapporto tra cedente e cessionario, non è tenuta a restituire direttamente a quest’ultimo quanto versato in via di rivalsa
bollo datario su busta
Considerata l’equipollenza tra i due tipi di documenti riguardo il momento della notifica, pure nell’ipotesi di deposito del secondo è ammissibile il ricorso o l’appello
immagine di semaforo verde
Continua ad aumentare il numero delle pronunce depositate dalle commissioni tributarie di merito, provinciali e regionali, che danno ragione all'Amministrazione finanziaria
immagine di piccolo condominio
Quando i bonifici sono stati effettuati direttamente dai singoli proprietari, la detrazione non si perde a condizione che venga richiesta l’attribuzione del cf “cumulativo”
immagine di donna lavoratrice
Poiché l'azienda è stata acquisita "in continuità", il contribuente può decidere di optare per la tassazione ordinaria, in un unico esercizio, ovvero per quella separata
vignetta
Tra le precisazioni, la possibilità di accedere alla procedura anche per i contribuenti inseriti nella lista Falciani, a patto che non siano già iniziati controlli o procedimenti penali
Immagine del sito dell'Agenzia delle Entrate
La precisazione scaturisce dalle segnalazioni pervenute dai cittadini che hanno utilizzato, a pagamento, siti diversi per consultare e interrogare le banche dati del “territorio”
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
compilazione modelli
I criteri da applicare per individuare correttamente il modello che deve essere utilizzato quando si svolgono più "mestieri" contraddistinti da diversi codici Ateco
testo alternativo per immagine
Confermati il recupero, fino a un massimo di 300 euro per veicolo, dei contributi versati al Ssn e la deducibilità forfetaria delle spese di trasporto personali non documentate
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
immagine di piccolo condominio
Quando i bonifici sono stati effettuati direttamente dai singoli proprietari, la detrazione non si perde a condizione che venga richiesta l’attribuzione del cf “cumulativo”