Attualità
730 precompilato: c’è più tempo
per inviare le spese sanitarie
Medici, farmacie e strutture avranno la possibilità di trasmettere le informazioni fino a martedì 9 febbraio, senza alcuna conseguenza sul calendario dei lavori sulla dichiarazione 2016
730 precompilato: c’è più tempo|per inviare le spese sanitarie
In attesa della formalizzazione della proroga, l’Agenzia delle Entrate anticipa agli operatori interessati (medici, farmacie, strutture sanitarie, eccetera) che avranno nove giorni in più, rispetto alla scadenza prevista del 31 gennaio (provvedimento 31 luglio 2015), per inviare al “Sistema tessera sanitaria” i dati relativi alle spese sanitarie e ai rimborsi effettuati nel 2015 per prestazioni non erogate o erogate parzialmente (vedi “Spese mediche nella precompilata: sì dal 2016, con l’ok del Garante”).
 
Nove giorni in più per l’invio dei dati…
La concessione di questo extra-time va incontro alle esigenze rappresentate dagli Ordini professionali e dalle associazioni di categoria, anche in considerazione della novità dell’adempimento, grazie al quale i contribuenti potranno trovare già inserite nel proprio 730 precompilato le spese mediche sostenute nell’anno precedente.
Lo slittamento al 9 febbraio, comunque, non comporterà alcuna modifica al calendario di presentazione della dichiarazione da parte dei contribuenti che, pertanto, rimane invariato.
 
… altrettanti per opporsi al loro utilizzo
Conseguentemente, slitta di nove giorni, cioè al 9 marzo, il termine entro il quale i contribuenti potranno manifestare all’Agenzia delle Entrate opposizione all’utilizzo dei dati delle spese sanitarie sostenute nel 2015 per l’elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata.
In tal modo, non viene alterato il sistema di tutela della privacy approvato, in base al quale è possibile esprimere il proprio rifiuto all’utilizzo di quelle informazioni direttamente alla stessa Agenzia, fino al prossimo 31 gennaio, tramite l’apposito modello, scaricabile da internet e disponibile anche in formato editabile, ovvero, dal 10 febbraio al 9 marzo, accedendo all'area autenticata del sito www.sistemats.it.
r.fo.
pubblicato Giovedì 21 Gennaio 2016

I più letti

Il meccanismo dell’inversione contabile trova applicazione esclusivamente per le operazioni effettuate nella fase distributiva che precede il commercio al dettaglio
Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario
Oltre 51mila gli enti del volontariato e le associazioni sportive dilettantistiche che hanno presentato la domanda per essere ammessi alla ripartizione delle quote Irpef
Il regime di favore previsto in caso di assegnazione/cessione ai soci si applica anche all’ipotesi di trasformazione in società semplice, da realizzarsi entro il prossimo 30 settembre
La delega al professionista non esonera da responsabilità penale per il delitto di omessa dichiarazione, finalizzata a un’evasione d’imposta superiore alle soglie di rilevanza penale
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il meccanismo dell’inversione contabile trova applicazione esclusivamente per le operazioni effettuate nella fase distributiva che precede il commercio al dettaglio
Il regime di favore previsto in caso di assegnazione/cessione ai soci si applica anche all’ipotesi di trasformazione in società semplice, da realizzarsi entro il prossimo 30 settembre
La delega al professionista non esonera da responsabilità penale per il delitto di omessa dichiarazione, finalizzata a un’evasione d’imposta superiore alle soglie di rilevanza penale
Le società che effettuano assegnazioni o cessioni agevolate ai soci devono versare il 60% della relativa imposta sostitutiva entro il 30 novembre 2016, il 40% entro il 16 giugno 2017
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
Più tempo per autocertificare la non detenzione di apparecchi televisivi e scadenza unica indipendentemente dalla modalità di trasmissione adottata, on line o cartacea