Attualità
Addizionali comunali Irpef:
in Rete le aliquote aggiornate
Nell’elenco pubblicato, le percentuali deliberate dagli enti locali, comprese le eventuali differenziazioni per scaglioni e le esenzioni, in base alle informazioni fornite dal Df
numeri
Disponibile in bozza, sul sito dell’Agenzia delle Entrate, la tabella con le aliquote relative alle addizionali comunali, che contribuenti e intermediari dovranno utilizzare ai fini della determinazione dell’addizionale comunale Irpef per il calcolo del saldo 2015 e dell’acconto 2016, in occasione della prossima dichiarazioni dei redditi, relativa all’anno d’imposta 2015: in sintesi, la lista dovrà essere tenuta sotto mano per la compilazione dei modelli 730/2016 e Unico Pf/2016.
 
Nella tabella, oltre ai codici catastali di ogni Comune, pubblicate, pertanto, le percentuali di prelievo decise dalle diverse amministrazioni locali, che possono variare dall’applicazione dell’aliquota unica, differenziata per scaglioni di reddito, fino ad arrivare a soglie di esenzione per requisiti specifici.
 
La pubblicazione on line, che ha sostituito l’inserimento dell’elenco all’interno delle istruzioni del modello Unico Pf, consente un aggiornamento continuo delle aliquote sulla base dei cambiamenti deliberati dai Comuni e alle informazioni fornite dal dipartimento delle Finanze, direzione Federalismo fiscale.
r.fo.
pubblicato Giovedì 17 Marzo 2016

I più letti

Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario
L’opzione per l’estromissione da parte della ditta individuale va esercitata entro il 31 maggio 2016, con effetto, però, dal periodo d’imposta in corso alla data del 1° gennaio 2016
La chance riguarda i contribuenti decaduti dal beneficio nei tre anni antecedenti al 15 ottobre 2015 in relazione alle somme dovute a seguito di ricorso agli istituti deflativi
Il meccanismo dell’inversione contabile trova applicazione esclusivamente per le operazioni effettuate nella fase distributiva che precede il commercio al dettaglio
Affrontato, tra l’altro, il tema dell’applicazione dell’imposta nell’ambito delle catene distributive di prestazioni elettroniche e di telecomunicazioni rese con tecnologia “Voip”
Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario
Il meccanismo dell’inversione contabile trova applicazione esclusivamente per le operazioni effettuate nella fase distributiva che precede il commercio al dettaglio
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime di favore previsto in caso di assegnazione/cessione ai soci si applica anche all’ipotesi di trasformazione in società semplice, da realizzarsi entro il prossimo 30 settembre
La delega al professionista non esonera da responsabilità penale per il delitto di omessa dichiarazione, finalizzata a un’evasione d’imposta superiore alle soglie di rilevanza penale
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
Più tempo per autocertificare la non detenzione di apparecchi televisivi e scadenza unica indipendentemente dalla modalità di trasmissione adottata, on line o cartacea