Analisi e commenti
Affitto d’azienda: la mappa delle imposte
Discriminante il mantenimento, per il locatore, della qualifica di imprenditore
casolare
Il contratto d’affitto d’azienda è regolato dagli articoli 2561 e 2562 del Codice civile. Di fatto è un atto con cui un soggetto concede a un altro il diritto di utilizzare la propria azienda – o un ramo di essa – dietro corrispettivo di un canone. In via preliminare, bisogna ricordare il concetto di azienda che l’articolo 2555 cc definisce come "il complesso di beni organizzato dall’imprenditore per l’esercizio dell’impresa". L’affittuario deve gestire l’azienda senza modificarne la denominazione e deve conservare l’efficienza economica dei beni ricevuti.
Tale contratto, così concepito, deve essere obbligatoriamente provato per iscritto, tramite atto pubblico o scrittura privata autenticata, salva l’osservanza delle forme dovute dalla legge per il trasferimento dei singoli beni che compongono l’azienda (immobili, veicoli, eccetera), o per la particolare natura del contratto.

Da un punto di vista fiscale, il regime di tassazione dell’affitto d’azienda è piuttosto complesso e varia a seconda delle situazioni regolate da detto contratto. Ai fini delle imposte dirette, risulta necessario distinguere il caso in cui il locatore sia una società o un imprenditore individuale, che affitta un ramo d’azienda o una fra le più aziende possedute, e il caso in cui sia un imprenditore individuale che affitta l’unica azienda posseduta.
Nella prima fattispecie, infatti, il locatore mantiene la qualifica di imprenditore, nel secondo la perde.

Per la società o imprenditore individuale che affitta una fra più aziende, i canoni di affitto maturati nel singolo periodo di imposta concorrono alla formazione del reddito di impresa. Tali proventi, quindi, sono soggetti a tassazione anche ai fini Irap.
Per il titolare che affitta l’unica azienda e che, pertanto, perde la qualifica di imprenditore, detti proventi rientrano nella categoria dei redditi diversi. In questo caso, il reddito imponibile è dato dalla differenza tra i canoni incassati e le spese documentate – anche di manutenzione ordinaria e straordinaria – ove contrattualmente risultino a carico del proprietario.

La distinzione tra società o imprenditore individuale che affitta un ramo d’azienda o una fra più aziende possedute e l’imprenditore individuale che affitta l’unica azienda posseduta risulta necessaria anche per la tassazione del contratto di affitto d’azienda ai fini delle imposte indirette.
Nel primo caso, l’affitto d’azienda è soggetto a Iva con aliquota ordinaria del 20 per cento e a imposta di registro in misura fissa pari a 168 euro; nel secondo caso, invece, il contratto è escluso dall’applicazione dell’Iva, ma rimane soggetto a imposta di registro in misura proporzionale. In questa seconda situazione, se il contratto prevede canoni separati per la parte immobiliare e per tutti gli altri beni che compongono l’azienda, vanno applicate, rispettivamente, le aliquota del 2 e del 3 per cento. Se il contratto, invece, prevede un unico canone, sia per la componente immobiliare che mobiliare dell’azienda, l’aliquota applicabile è del 3 per cento. L’articolo 23, comma 1, Dpr n. 131/1986, infatti, prevede che "se una disposizione ha per oggetto più beni o diritti, per i quali sono previste aliquote diverse, si applica l’aliquota più elevata, salvo che per i singoli beni o diritti siano stati pattuiti corrispettivi distinti".

Un caso particolare è rappresentato dall’affitto di azienda con prevalenza di fabbricati. Il legislatore, di recente, con l’articolo 35, comma 10-quater, Dl n. 223/2006, ha introdotto una norma antielusiva volta a impedire che i contribuenti occultino sotto la veste formale di affitto d’azienda operazioni che sostanzialmente rappresentano locazioni di immobili. Detto articolo normativo recita testualmente che "le disposizioni di imposte in materia di imposte indirette previste per la locazione di fabbricati si applicano, se meno favorevoli, anche per l’affitto di aziende il cui valore complessivo sia costituito, per più del 50 per cento, dal valore normale di fabbricati, determinato ai sensi dell’articolo 14 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633".
In sostanza, il regime di tassazione previsto per le locazioni immobiliari viene esteso agli affitti di azienda, qualora risulti meno favorevole per il contribuente e si verifichino le seguenti due condizioni:

 

  1. il valore normale dei fabbricati risulti superiore al 50 per cento del valore complessivo dell’azienda
  2. le regole di applicazione delle imposte indirette per gli affitti d’azienda, unitariamente considerate, permettano di ottenere un risparmio di imposta rispetto a quanto dovuto per la locazione di fabbricati.

Con la circolare n. 12/E del 1 marzo 2007, l’Amministrazione finanziaria ha fornito chiarimenti in merito all’applicazione di tale norma antielusiva.
In particolare, per quanto concerne la prima condizione, è stato chiarito che il valore complessivo dell’azienda deve essere determinato non già in considerazione del valore contabile della stessa, ma del suo valore corrente. Tale necessità sorge per rendere omogeneo, e pertanto comparabile, il valore dell’azienda affittata con gli immobili che ne fanno parte e che vengono stimati al valore di mercato.
In merito alla seconda condizione, infine, l’agenzia delle Entrate ha concluso che la tassazione dell’affitto di azienda risulta sempre più vantaggiosa rispetto a quella riservata agli immobili, nella considerazione che nel complesso aziendale siano ricompresi i fabbricati strumentali.

Filippo Gagliardi
pubblicato Lunedì 30 Luglio 2007

I più letti

lavagna
Sono 204, aggiornati con i correttivi anticrisi e, allegati a Unico 2015, vanno trasmessi tramite i servizi telematici Entratel o Fisconline, direttamente o avvalendosi di intermediari
studio del disegno di pepperino
Revisione congiunturale speciale per lo scorso periodo d’imposta: interessate le attività economiche delle manifatture, dei servizi, delle professioni e del commercio
due tasti del pc
I database delle due agenzie fiscali interessate alle nuove modalità di trasmissione delle dichiarazioni di chi effettua operazioni con l’estero, ora parlano la stessa lingua
visti
Autorizzazione a scadenza per i capitali in Svizzera, Liechtenstein e nel Principato di Monaco, Paesi con i quali sta per partire lo scambio automatico di informazioni
testo alternativo per immagine
Due decreti pubblicati in Gazzetta per aggiornare l’elenco dei Paesi a regime privilegiato e che non consentono un adeguato scambio di informazioni con l’Amministrazione italiana
somma su lavagna
I costi dei servizi sono deducibili nell’anno in cui la prestazione è portata a termine, a prescindere dal momento in cui viene emessa la fattura o è effettuato il pagamento
logo del modello di dichiarazione Unico SC 2015, anno d'imposta 2014
Previste due nuove colonne, una per l'incremento della società quotata, l'altra per sfruttare in diminuzione del tributo regionale la quota di agevolazione non utilizzata per il reddito del periodo
immagine del simbolo del dollaro che si scioglie
Respinta la tesi volta a giustificare la condotta dell’imputato con le sue pessime condizioni economiche e con il mancato pagamento delle fatture da parte dei clienti
Foto del direttore dell'Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi
Al centro dell’intervento del direttore delle Entrate a palazzo Madama tre schemi di decreti legislativi tesi all’attuazione di parte della legge delega di riforma fiscale
fila di camion
Aggiornate le istruzioni per predisporre la delega di pagamento in caso di fruizione in compensazione del bonus spettante agli operatori del settore per l’acquisto del carburante
logo del modello di dichiarazione Unico SC 2015, anno d'imposta 2014
Previste due nuove colonne, una per l'incremento della società quotata, l'altra per sfruttare in diminuzione del tributo regionale la quota di agevolazione non utilizzata per il reddito del periodo
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
immagine
Sono escluse dall’applicazione del meccanismo le attività di pulizia specializzata di impianti e macchinari industriali, in quanto questi strumenti non rientrano nella nozione di edifici
faq
Chiarimenti su operazioni con soggetti residenti in Paesi della black list, caselle “Autofattura” e “reverse charge”, fatture emesse registrate tra i corrispettivi. E altro ancora
carte di credito e lucchetto
I due particolari meccanismi puntano a prevenire fenomeni evasivi in settori economici considerati particolarmente "a rischio" e a garantire il versamento dell'imposta all'erario