Attualità
Argomenti di discussione analizza
i legami tra evasione e criminalità
In rete, da oggi, il terzo numero del 2015 della pubblicazione delle Entrate che approfondisce tematiche core dell’Agenzia, grazie anche ai contributi di accademici del settore
copertina della pubblicazione
“Evasione fiscale e i crimini economici. Evidenza empirica per l’Italia” è il focus del terzo numero del 2015 di “Argomenti di discussione”, la pubblicazione dell’Agenzia delle Entrate che ospita, questa volta soltanto in lingua inglese, contributi e analisi su argomenti di economia, statistica, econometria e scienza delle finanze, per favorire il dibattito scientifico su tematiche strategiche per la mission dell’Agenzia. 
L’ultima monografia dell’anno focalizza l’attenzione sulla relazione tra l’evasione fiscale e un certo tipo di attività criminali in Italia. In particolare, prende in esame tre illeciti: le frodi, l’usura e i reati contro la proprietà, come i furti, le rapine e i furti d’auto.
 
Il lavoro, grazie alla metodologia utilizzata, ha il pregio di analizzare l’impatto esercitato simultaneamente da tutte le variabili considerate e di verificarne la persistenza nel tempo.
I dati sono stati elaborati a livello provinciale e si riferiscono agli anni che vanno dal 2006 al 2010.
 
Dallo studio emerge, con evidenza, che l’evasione fiscale, per i soggetti economici con problemi di liquidità, rappresenta una fonte alternativa di finanziamento rispetto alle frodi o al finanziamento illecito (usura), mentre, con riferimento ai crimini contro la proprietà, questi risultano maggiori nelle province dove l’evasione fiscale è più alta.
 
L’elevato livello di pressione fiscale, secondo gli autori, rappresenta un potenziale “complice” di questo quadro dell’illecito, incrementando il grado di sostituzione tra evasione e frodi e usura, soprattutto per le numerose piccole e piccolissime imprese; inoltre, l’atteggiamento criminale, una volta radicato, tende a rimanere tale nel corso degli anni.
 
Gli autori dell’approfondimento sono di estrazione accademica: Amedeo Argentiero del dipartimento di Economia dell’Università di Perugia, Bruno Chiarini ed Elisabetta Marzano del dipartimento di Studi economici e giuridici dell’Università di Napoli.
r.fo.
pubblicato Lunedì 28 Dicembre 2015

I più letti

Per evitare l’illegittimo ricorso al regime del margine, l’Agenzia delle Entrate ha fornito precisi chiarimenti e istruzioni rivolti sia agli operatori nazionali sia agli uffici locali
I destinatari che presentano la dichiarazione di aggiornamento catastale potranno beneficiare dell’istituto del ravvedimento operoso, con un notevole risparmio sulle sanzioni
L’Agenzia delle Entrate interviene ancora sulla cooperative compliance, indicando le modalità di svolgimento della procedura e individuando il proprio ufficio competente
Nata a fine 2015, permette di comunicare con il fisco in maniera, veloce, semplice e diretta e si può scaricare facilmente dallo store del sistema operativo che si sta utilizzando
Per non incorrere nel reato di evasione fiscale, le ritenute devono essere versate entro la data di scadenza per la presentazione della relativa dichiarazione dei sostituti d’imposta
I destinatari che presentano la dichiarazione di aggiornamento catastale potranno beneficiare dell’istituto del ravvedimento operoso, con un notevole risparmio sulle sanzioni
immagine con una freccia che indica la via in mezzo a un groviglio di strade
Il "principio di derivazione rafforzata" è stato esteso ai soggetti, diversi dalle micro imprese, che redigono il bilancio in conformità alle nuove disposizioni del codice civile
Il programma informatico reso disponibile gratuitamente sul sito delle Entrate permette di generare file conformi a quanto previsto da specifiche tecniche e regole di compilazione
Il contribuente, prima di trasferire la residenza, ha la possibilità di presentare un interpello probatorio, che gli permette di verificare il possesso dei requisiti di accesso al regime
Tre gradi di giudizio, tre “sconfitte”, per un’associazione di esperti fiscali che evita di parlare con l’amministrazione e, contestualmente, suggerisce rimedi impraticabili
Il programma informatico reso disponibile gratuitamente sul sito delle Entrate permette di generare file conformi a quanto previsto da specifiche tecniche e regole di compilazione
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
immagine della facciata di palazzo Chigi
Dal regime di tassazione delle locazioni brevi alla definizione delle liti pendenti: sono numerose e significative le disposizioni tributarie contenute nella manovra correttiva
Con una circolare, l’Agenzia delle Entrate illustra dettagliatamente la disciplina di riforma introdotta dal decreto legislativo 158/2015 in attuazione della legge di delega fiscale
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino