Attualità
Attenzione: contribuenti Iva
alla cassa per l’acconto 2015
Sta per scadere il termine ultimo per il pagamento dell’anticipo fiscale derivante dalle liquidazioni periodiche di chiusura dell’ultimo mese o dell’ultimo trimestre dell’anno
immagine generica
Scade lunedì 28 dicembre il termine per il pagamento dell’acconto Iva 2015 (lo slittamento di un giorno si deve al fatto che il 27 è domenica).
I contribuenti titolari di partita Iva, per determinare l’importo da versare, possono scegliere di utilizzare uno dei tre diversi criteri: storico, previsionale o analitico.

L’obbligo di pagamento in acconto dell’imposta sul valore aggiunto, da assolvere prima della fine dell’anno, trova il suo perché nell’allineamento – in tema di entrate tributarie – dei risultati di cassa con i risultati di competenza, con riferimento, ovviamente, all’anno d’imposta.
 
I contribuenti interessati e non
Sono obbligati al versamento dell’acconto tutti i contribuenti Iva, tranne coloro che non sono tenuti a effettuare le liquidazioni periodiche (mensili o trimestrali) – per esempio, gli agricoltori esonerati e chi ha aderito al regime per le nuove iniziative produttive – e gli enti pubblici territoriali che esercitano attività rilevanti ai fini Iva (erogazione di servizi quali acqua, luce e gas).
 
Inoltre, non sono tenuti al versamento dell’acconto, i contribuenti per i quali non esiste uno dei due dati (storico o previsionale) su cui si basa il calcolo.
È il caso dei soggetti che:
  • hanno cessato l’attività entro il 30 novembre 2015, se mensili, ovvero entro il 30 settembre 2015, se trimestrali
  • hanno iniziato l’attività nel 2015
  • hanno chiuso i conteggi Iva dell’anno scorso con un credito d’imposta o prevedono di chiudere quest’anno con un’eccedenza (secondo lo “storico” 2014 o il “presunto” 2015).
E, ancora, sono esonerati dal versamento dell’acconto Iva i contribuenti che, nel 2015, hanno applicato il regime dei minimi o il nuovo regime forfettario, oppure il regime agricolo di esonero o quello agevolato in favore delle associazioni sportive dilettantistiche, delle associazioni senza fini di lucro e delle pro loco (legge 398/1991), coloro che hanno esercitato esclusivamente attività d’intrattenimento (articolo 74, Dpr 633/1972) o che hanno effettuato esclusivamente operazioni esenti o non imponibili.
 
I sistemi di calcolo
Come accennato, l’acconto Iva può essere calcolato, in base alla convenienza, con uno dei tre metodi a disposizione: storico, previsionale o analitico.
Generalmente, si fa riferimento al dato storico. La base cui applicare l’aliquota dell’88% è costituita: per i contribuenti mensili, dall’Iva dovuta per il mese di dicembre dell’anno precedente; per i contribuenti trimestrali, dall’Iva dovuta per l’ultimo trimestre dell’anno precedente.
 
Diversamente, con il metodo previsionale, l’acconto è pari all’88% dell’Iva che si “prevede” di dover versare per il mese di dicembre (o per l’ultimo trimestre) di quest’anno.
 
Con il metodo analitico, invece, va presa in considerazione l’Iva che si dovrebbe versare tenendo conto delle operazioni attive e passive eseguite dal 1° dicembre (ovvero dal 1° ottobre, se si tratta di contribuenti trimestrali) al 20 dicembre. In questo caso, deve essere versato il 100% di quanto calcolato.
 
In ogni caso, i contribuenti mensili che affidano la contabilità a terzi, possono calcolare l’acconto in misura pari al 66% dell’Iva dovuta per la liquidazione per il mese di dicembre.
 
I contribuenti con contabilità separata (articolo 36 del Dpr 633/1972) devono determinare distintamente l’importo riferibile a ogni attività svolta e, quindi, sono tenuti a effettuare distinte liquidazioni dell'imposta.
Pertanto, l’acconto Iva deve essere calcolato sommando i dati relativi a ogni attività, compensando in questo modo gli importi a debito con quelli a credito.
 
Il versamento
Il versamento, che non va eseguito se l’importo dovuto è inferiore a 103,29 euro, dovrà essere effettuato, in modalità esclusivamente telematica, entro il 28 dicembre, con il modello F24, indicando uno dei seguenti codici tributo:
6013 – per i contribuenti mensili
6035 – per quelli trimestrali.
 
L’ammontare dell’acconto, unitamente all’indicazione circa il metodo adottato per la sua determinazione, andrà indicato al rigo VH13 del modello Iva 2016.
È possibile compensare l’importo dovuto a titolo d’acconto con eventuali crediti di imposte o contributi di cui il contribuente abbia disponibilità.
A differenza di quanto previsto per le liquidazioni periodiche, i contribuenti trimestrali ordinari non devono applicare la maggiorazione degli interessi dell’1%.
L’acconto versato andrà sottratto dall’Iva dovuta per il mese di dicembre (contribuenti mensili), in sede di dichiarazione annuale Iva (contribuenti trimestrali) o da quanto dovuto per la liquidazione del quarto trimestre (contribuenti trimestrali speciali).
Sonia Angeli
pubblicato Giovedì 24 Dicembre 2015

I più letti

postino e posta elettronica certificata
Altra tornata di comunicazioni dell'amministrazione finanziaria per evidenziare possibili errori nei redditi dichiarati e consentire ai cittadini di rimediare o dialogare prima dell’accertamento
immagine di postino con busta in mano
La regolamentazione positiva delle due modalità di invio previste presenta punti di contatto, ma anche alcune differenze, che generano anche vivaci dibattiti interpretativi
La “scissione dei pagamenti” aveva determinato problemi di liquidità, solo in parte attenuati dalla possibilità di chiedere il rimborso dell’eccedenza Iva in via prioritaria
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
Per escludere ogni profilo di negligenza, bisogna provare di aver controllato l’operato del consulente o di essere stato vittima di un comportamento fraudolento da parte sua
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
immagine di postino con busta in mano
La regolamentazione positiva delle due modalità di invio previste presenta punti di contatto, ma anche alcune differenze, che generano anche vivaci dibattiti interpretativi
Corretto considerarla “plusvalenza” e legittimo, quindi, l’avviso di accertamento dell’ufficio. Né è annullabile la sentenza d’appello perché “fotocopia” di quella della commissione provinciale
Sono sul sito dell’Agenzia delle Entrate le bozze dei documenti tecnici per l’utilizzo del Sistema di interscambio, la piattaforma già in uso per i clienti Pubbliche amministrazioni
Più tempo a disposizione dei contribuenti interessati dagli studi di settore per versare le imposte risultanti dalla dichiarazione. Spetta anche a contribuenti minimi e forfetari
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
Firmato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri che posticipa il termine per versare le imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi, anche unificata, e da quella Irap
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef