Attualità
Attenzione: contribuenti Iva
alla cassa per l’acconto 2015
Sta per scadere il termine ultimo per il pagamento dell’anticipo fiscale derivante dalle liquidazioni periodiche di chiusura dell’ultimo mese o dell’ultimo trimestre dell’anno
immagine generica
Scade lunedì 28 dicembre il termine per il pagamento dell’acconto Iva 2015 (lo slittamento di un giorno si deve al fatto che il 27 è domenica).
I contribuenti titolari di partita Iva, per determinare l’importo da versare, possono scegliere di utilizzare uno dei tre diversi criteri: storico, previsionale o analitico.

L’obbligo di pagamento in acconto dell’imposta sul valore aggiunto, da assolvere prima della fine dell’anno, trova il suo perché nell’allineamento – in tema di entrate tributarie – dei risultati di cassa con i risultati di competenza, con riferimento, ovviamente, all’anno d’imposta.
 
I contribuenti interessati e non
Sono obbligati al versamento dell’acconto tutti i contribuenti Iva, tranne coloro che non sono tenuti a effettuare le liquidazioni periodiche (mensili o trimestrali) – per esempio, gli agricoltori esonerati e chi ha aderito al regime per le nuove iniziative produttive – e gli enti pubblici territoriali che esercitano attività rilevanti ai fini Iva (erogazione di servizi quali acqua, luce e gas).
 
Inoltre, non sono tenuti al versamento dell’acconto, i contribuenti per i quali non esiste uno dei due dati (storico o previsionale) su cui si basa il calcolo.
È il caso dei soggetti che:
  • hanno cessato l’attività entro il 30 novembre 2015, se mensili, ovvero entro il 30 settembre 2015, se trimestrali
  • hanno iniziato l’attività nel 2015
  • hanno chiuso i conteggi Iva dell’anno scorso con un credito d’imposta o prevedono di chiudere quest’anno con un’eccedenza (secondo lo “storico” 2014 o il “presunto” 2015).
E, ancora, sono esonerati dal versamento dell’acconto Iva i contribuenti che, nel 2015, hanno applicato il regime dei minimi o il nuovo regime forfettario, oppure il regime agricolo di esonero o quello agevolato in favore delle associazioni sportive dilettantistiche, delle associazioni senza fini di lucro e delle pro loco (legge 398/1991), coloro che hanno esercitato esclusivamente attività d’intrattenimento (articolo 74, Dpr 633/1972) o che hanno effettuato esclusivamente operazioni esenti o non imponibili.
 
I sistemi di calcolo
Come accennato, l’acconto Iva può essere calcolato, in base alla convenienza, con uno dei tre metodi a disposizione: storico, previsionale o analitico.
Generalmente, si fa riferimento al dato storico. La base cui applicare l’aliquota dell’88% è costituita: per i contribuenti mensili, dall’Iva dovuta per il mese di dicembre dell’anno precedente; per i contribuenti trimestrali, dall’Iva dovuta per l’ultimo trimestre dell’anno precedente.
 
Diversamente, con il metodo previsionale, l’acconto è pari all’88% dell’Iva che si “prevede” di dover versare per il mese di dicembre (o per l’ultimo trimestre) di quest’anno.
 
Con il metodo analitico, invece, va presa in considerazione l’Iva che si dovrebbe versare tenendo conto delle operazioni attive e passive eseguite dal 1° dicembre (ovvero dal 1° ottobre, se si tratta di contribuenti trimestrali) al 20 dicembre. In questo caso, deve essere versato il 100% di quanto calcolato.
 
In ogni caso, i contribuenti mensili che affidano la contabilità a terzi, possono calcolare l’acconto in misura pari al 66% dell’Iva dovuta per la liquidazione per il mese di dicembre.
 
I contribuenti con contabilità separata (articolo 36 del Dpr 633/1972) devono determinare distintamente l’importo riferibile a ogni attività svolta e, quindi, sono tenuti a effettuare distinte liquidazioni dell'imposta.
Pertanto, l’acconto Iva deve essere calcolato sommando i dati relativi a ogni attività, compensando in questo modo gli importi a debito con quelli a credito.
 
Il versamento
Il versamento, che non va eseguito se l’importo dovuto è inferiore a 103,29 euro, dovrà essere effettuato, in modalità esclusivamente telematica, entro il 28 dicembre, con il modello F24, indicando uno dei seguenti codici tributo:
6013 – per i contribuenti mensili
6035 – per quelli trimestrali.
 
L’ammontare dell’acconto, unitamente all’indicazione circa il metodo adottato per la sua determinazione, andrà indicato al rigo VH13 del modello Iva 2016.
È possibile compensare l’importo dovuto a titolo d’acconto con eventuali crediti di imposte o contributi di cui il contribuente abbia disponibilità.
A differenza di quanto previsto per le liquidazioni periodiche, i contribuenti trimestrali ordinari non devono applicare la maggiorazione degli interessi dell’1%.
L’acconto versato andrà sottratto dall’Iva dovuta per il mese di dicembre (contribuenti mensili), in sede di dichiarazione annuale Iva (contribuenti trimestrali) o da quanto dovuto per la liquidazione del quarto trimestre (contribuenti trimestrali speciali).
Sonia Angeli
pubblicato Giovedì 24 Dicembre 2015

I più letti

immagine di saracinesca con cartello: chiuso per cessata attività
La chiusura della partita Iva d'ufficio, conseguente al mancato esercizio per le tre annualità precedenti, non comporta più alcuna "disapprovazione" e l'F24 finisce in soffitta
immagine di una casa che poggia su colonne di monete
È necessario, però, che vengano rispettati tutti gli adempimenti previsti in materia di applicazione della ritenuta e di trasmissione telematica dei dati relativi ai bonifici
Due sezioni, una introduttiva, l’altra più specifica, con il dettaglio sull’architettura dell’Omi e i processi di costruzione e catalogazione delle sue informazioni, nelle diverse fasi
Al centro del confronto fra Entrate e commercialisti le disposizioni introdotte dall'ultima legge di bilancio
I valori sono rilevanti fiscalmente per la determinazione del reddito imponibile, pertanto, in presenza dei requisiti, non vengono considerate le somme effettivamente corrisposte
Una volta inviato il file, si attiva un sistema complesso di ricevute telematiche per tenere aggiornato il contribuente sullo stato di lavorazione della propria posizione
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
immagine di saracinesca con cartello: chiuso per cessata attività
La chiusura della partita Iva d'ufficio, conseguente al mancato esercizio per le tre annualità precedenti, non comporta più alcuna "disapprovazione" e l'F24 finisce in soffitta
Se occorre integrare, sostituire o modificare una denuncia prodotta con il modello 4 cartaceo, va utilizzata tale modulistica, seguendo le relative modalità di presentazione
Ritoccata la dichiarazione Iva, rispetto alla versione di prova, con l’arrivo dell’opzione di gruppo da esprimere nell’anno precedente a quello di prima applicazione del regime
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
Alcuni andranno indicati nel modello F24 “ordinario”, altri nella delega di pagamento unitario riservata agli enti pubblici. Efficacia operativa delle fusioni: 1° gennaio 2017
Se occorre integrare, sostituire o modificare una denuncia prodotta con il modello 4 cartaceo, va utilizzata tale modulistica, seguendo le relative modalità di presentazione
Il nuovo modello, da compilare e trasmettere online all’Agenzia, consentirà di provvedere agli adempimenti con una sola operazione, direttamente dal web. Si parte il 23 gennaio
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino