Attualità
Attilio Befera guiderà l'agenzia delle Entrate
Ieri al Cdm di Napoli l'avvio della procedura di nomina a direttore
foto Attilio Befera
Attilio Befera il prossimo direttore dell'agenzia delle Entrate. Lo ha deciso ieri il Consiglio dei Ministri, tenuto a Napoli, su proposta del neoministro dell'Economia Giulio Tremonti, avviando la procedura per la nomina dell'attuale amministratore di Equitalia alla guida dell'Agenzia dopo le dimissioni di Massimo Romano. L'insediamento avverrà dopo il completamento dell'iter burocratico che richiederà alcune settimane. Nell'attesa, da lunedì prossimo la reggenza sarà affidata all'attuale direttore dell'Accertamento, Villiam Rossi.

La successione di Massimo Romano si completerà solo dopo una serie di passaggi formali. Il Dpr contenente l'incarico dovrà infatti passare in primis attraverso la Conferenza Stato - Regioni per poi tornare a palazzo Chigi per il sì definitivo, che dovrà essere ulteriormente corroborato dalla firma del presidente della Repubblica e dalla registrazione alla Corte dei conti. Un percorso formale che, solo per compiere la prima tappa alla Conferenza Stato-Regioni, richiederà circa un mese.

Il volto di Befera non è nuovo all'Agenzia. Nato a Roma il 29 giugno del '46 e laureato con lode in Economia, dal primo ottobre 2001 alla fine del 2007 ha infatti ricoperto l'incarico di direttore centrale Amministrazione delle Entrate. L'attuale amministratore delegato di Equitalia ha inoltre svolto la carica di reggente nella fase di nomina di Massimo Romano, allora successore di Raffaele Ferrara. Regista della nascita di Equitalia, prima società di riscossione pubblica dopo l'unità d'Italia, Befera vanta una carriera trentennale in Efibanca, all'interno della quale ha svolto tutte le funzioni aziendali fino a diventare direttore centrale, responsabile delle strutture che presidiavano le aree amministrativa, fiscale, informatica e organizzativa dell'istituto di credito. Nel '95, dopo la nomina a ispettore tributario del Secit, diventa due anni più tardi dirigente generale alle Finanze, con l'incarico di direttore centrale per la riscossione del dipartimento delle Entrate. Nel 2001 entra alle Entrate dove ricopre prima l'incarico di direttore centrale per i Rapporti con gli enti esterni e poi di direttore Amministrazione. Da ottobre 2006 è al comando di Equitalia e si accinge, tra poche settimane, a rivestire il doppio incarico assumendo anche la guida delle Entrate.
Giulia Marconi
pubblicato Giovedì 22 Maggio 2008

I più letti

Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Nel processo tributario spetta al contribuente provare il fatto costitutivo che consente di scalare i costi e l’esclusiva strumentalità del bene all’attività propria della società
tax foundation
Cipro, Irlanda e Liechtenstein applicano le aliquote più basse; gli Emirati arabi tassano maggiormente le imprese.
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino