Attualità
Bollettino delle entrate tributarie:
on line gennaio-novembre
I primi undici mesi del 2017 hanno registrato un gettito di 407,9 miliardi di euro, con un incremento dello 0,9 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente
Bollettino delle entrate tributarie:|on line gennaio-novembre
Le entrate totali ammontano a 407.948 milioni di euro (+3.801 milioni di euro, pari a +0,9%). Le imposte dirette si attestano a 224.810 milioni di euro (+319 milioni di euro, pari a +0,1%) e le imposte indirette risultano pari a 183.138 milioni di euro (+3.482 milioni di euro, pari a +1,9 per cento). On line, sul sito del Df, il bollettino delle entrate tributarie, le appendici statistiche e la nota tecnica, relativi al periodo gennaio-novembre 2017.

L’analisi delle imposte dirette rileva un gettito Irpef di 167.336 milioni di euro (+2.530 milioni di euro, con un incremento dell’1,5 per cento). Il dato riflette l’andamento positivo delle ritenute da lavoro dipendente e da pensione che mostrano un aumento di 2.562 milioni di euro (+2, per cento).
Il risultato, inoltre, è stato influenzato anche dagli effetti di alcune misure introdotte dalla legge di Bilancio 2017 (legge n.232/2016), in particolare dall’aumento delle detrazioni per i pensionati di età inferiore a 75 anni, ora equiparate a quelle previste per i pensionati di età pari o superiore ai 75 anni (articolo 1, comma 210) e dalle revisioni al regime della tassazione dei premi di produttività (articolo 1, comma 160).

L’Ires è risultata pari a 34.749 milioni di euro, con una flessione di 26 milioni di euro rispetto al precedente periodo (- 0,1 per cneto). Il decremento è dovuto agli effetti finanziari dei provvedimenti che hanno alleggerito il carico fiscale per le imprese, tra i quali la riduzione dell’aliquota dal 27,5% al 24%, la maggiorazione degli ammortamenti e la più vantaggiosa deducibilità della svalutazione e delle perdite sui crediti delle banche e delle imprese di assicurazione.

Il gettito delle imposte indirette nel periodo gennaio-novembre 2017 ammonta a 183.138 milioni di euro, con un aumento dell’1,9% (+3.482 milioni) rispetto allo stesso periodo del 2016.
Le entrate Iva sono pari a 110.647 milioni di euro, con un incremento di 3.824 milioni (+3,6 per cento). L’andamento positivo è dovuto agli scambi interni (+2,2%) e al maggior numero di contribuenti soggetti allo split payment e di quelli che effettuano importazioni (+16 per cento).
Aumenta il gettito del canone Tv, che ammonta a 1.810 milioni di euro (+0,8% rispetto allo stesso periodo del 2016).

Le entrate totali relative ai giochi sono risultate pari a 12.950 milioni di euro (-316 milioni di euro). Il gettito dell’imposta sul consumo dei tabacchi ammonta a 9.701 milioni di euro (-159 milioni di euro) e l’imposta sulle successioni e donazioni ha fatto registrare entrate per 665 milioni di euro (+36 milioni di euro).
Le entrate derivanti dall’attività di accertamento e controllo, riferite solo ai ruoli dei tributi erariali, si sono attestate a 10.226 milioni di euro e si presentano in crescita rispetto allo stesso periodo del 2016 (+2.375 milioni di euro).
 
r.fo.
pubblicato Martedì 9 Gennaio 2018

I più letti

Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
È obbligatorio esibire la documentazione in originale per le richieste relative ai mezzi acquistati in regime di Iva del margine o utilizzati come beni strumentali dell’attività di impresa
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Deve essere rilasciata dalle organizzazioni firmatarie dell’accordo concluso su base locale ed è necessaria per il riconoscimento delle agevolazioni fiscali previste dalla legge
Quando un soggetto è identificato ai fini dell’imposta sul valore aggiunto in più di uno Stato membro, deve considerarsi solo il codice con cui ha effettuato l’acquisto intracomunitario
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Scade il 15 maggio il termine per aderire alla definizione agevolata e pagare l’importo residuo delle somme dovute senza corrispondere le sanzioni e gli interessi di mora
Il 730 potrà essere modificato e inviato dal 2 maggio al 23 luglio, mentre il modello Redditi potrà essere modificato dal 2 maggio e trasmesso dal 10 maggio al 31 ottobre
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Previsti tre diversi metodi di determinazione della base imponibile a seconda della natura dei beni rivenduti, delle modalità di esercizio dell’attività e dei soggetti rivenditori
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino