Attualità
Maternità e famiglia numerosa:
assegni in crescita per il 2010
L'ammontare dei contributi deve essere rivalutato annualmente in base agli indici al consumo registrati dall'Istat
cicogna con bebè
Aumentano dello 0,7%, nel 2010, gli assegni mensili diretti ai nuclei familiari numerosi e quelli di maternità. La correzione degli importi al rialzo è stata calcolata sulla base delle variazioni dei prezzi al consumo, per le famiglie di operai e impiegati, rilevati dall'Istat e a cui i contributi devono essere annualmente adeguati.
A comunicarlo una nota della presidenza del Consiglio dei ministri, dipartimento per le Politiche della famiglia, pubblicata ieri, 15 febbraio, sulla Gazzetta Ufficiale n. 37, serie generale.

L'assegno a sostegno delle famiglie numerose, se dovuto per intero, diventa così pari a 129,79 euro mensili. Il comunicato precisa anche che, per le domande relative al 2010, il valore dell'indicatore della situazione economica (Ise) è di 23.362,70 euro in caso di nuclei formati da cinque componenti.
Il bonus è stato introdotto con la legge n. 448/1998 ed è riservato alle famiglie composte da cittadini residenti in Italia, con almeno tre figli minori a carico e con un reddito e un patrimonio complessivi familiari che non superino i limiti stabiliti dai parametri Ise, che tengono conto sia del numero dei componenti, sia delle situazioni particolari, come la presenza di inabili.
Il contributo è a carico del Comune di residenza, presso il quale va presentata la domanda entro il 31 dicembre dell'anno di riferimento, ed è pagato dall'Inps.

La rivalutazione, come specifica il comunicato della presidenza del Consiglio dei ministri, riguarda anche il cosiddetto assegno di maternità, previsto per le nascite, gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento (Dlgs 151/2001), il quale va a raggiungere quota 311,27 euro. Anche in questo caso sono i criteri Ise a mettere i paletti al beneficio. Per i nuclei familiari composti da tre persone, il limite di reddito è di 32.448,22 euro.
L'assegno può essere richiesto, per intero, al Comune di residenza, dalla mamma che non lavora, ma anche dalla mamma lavoratrice se non ha diritto all'indennità dell'Inps o alla retribuzione per il periodo di maternità. In caso di indennizzo inferiore all'importo dell'assegno, può essere richiesto un bonus ridotto per "pareggiare" la differenza.
Va ricordato che il sostegno spetta alle cittadine italiane o comunitarie residenti nel nostro Paese o extracomunitarie con carta di soggiorno.
La domanda deve essere presentata al proprio Comune di residenza entro sei mesi dal lieto evento o dall'ingresso in famiglia del minore adottato/affidato.
Anna Maria Badiali
pubblicato Martedì 16 Febbraio 2010

I più letti

Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
In quel tipo di strutture, per le Sezioni unite della Cassazione, è insita la sussistenza dei parametri che configurano l’autonoma organizzazione: non è ammessa dimostrazione contraria
immagine generica di testa a cui vengono idee
Per i criteri di determinazione del contributo economico al reddito di impresa derivante dall'utilizzo diretto dei beni immateriali, occorre riferirsi agli standard internazionali dell'Ocse
immagine di bilancia
Il versamento incompleto lascia parzialmente insoluta l'obbligazione fiscale, risultando irrilevante la disponibilità di un credito potenzialmente idoneo a compensarla integralmente
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef
Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
Un vademecum dell’Agenzia per illustrare le misure del Dlgs 159/2015 in tema di pagamento delle somme dovute a seguito di comunicazione degli esiti o in base agli istituti definitori
I soggetti passivi trasferiscono sui clienti l'Iva sulle operazioni attive, mentre recuperano l'imposta sulle operazioni passive (acquisti effettuati) scalandola da quella dovuta
Le associazioni, per mantenere il regime agevolativo loro riconosciuto, devono, in ogni caso, avere una documentazione attendibile che non lasci dubbi su uscite e movimenti bancari
Pubblicata, sull’apposita pagina web dell’Agenzia, una nuova selezione di quesiti ricorrenti da risolvere prima del debutto, nella bolletta della luce, dell’abbonamento alla televisione
Più tempo per autocertificare la non detenzione di apparecchi televisivi e scadenza unica indipendentemente dalla modalità di trasmissione adottata, on line o cartacea
In via telematica o tramite raccomandata, deve essere inviato all’Agenzia delle Entrate per superare la presunzione di detenzione dell’apparecchio tv introdotta dalla stabilità 2016
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
Il provvedimento con le disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato è formato da un solo articolo, con 999 commi. Tante le novità in ambito tributario