Attualità, A portata di mouse
Bonus pro enti previdenziali:
per l’istanza, c’è il software Cep
Le domande vanno presentate direttamente o tramite intermediari abilitati all’Agenzia delle Entrate esclusivamente in via telematica attraverso i canali Entratel o Fisconline
Bonus pro enti previdenziali: |per l’istanza, c’è il software Cep
Il credito d’imposta dedicato agli enti previdenziali, che investono risorse in attività di carattere finanziario a medio e lungo termine, dopo il modello (approvato con provvedimento del 28 settembre 2015), trova il software Cep per trasmetterlo. Da ieri, 1° marzo, e fino al 30 aprile 2016, casse e fondi pensione possono infatti chiedere, in via telematica, l’attribuzione del bonus, specificandone l’ammontare (commi da 91 a 94, legge 190/2014).
 
La disposizione contenuta nella Stabilità per il 2015 riconosce a decorrere dal periodo d’imposta 2015, agli enti di previdenza obbligatoria, “un credito d'imposta pari alla differenza tra l'ammontare delle ritenute e imposte sostitutive applicate nella misura del 26 per cento sui redditi di natura finanziaria dichiarate e certificate dai soggetti intermediari o dichiarate dagli enti medesimi e l'ammontare di tali ritenute e imposte sostitutive computate nella misura del 20 per cento a condizione che i proventi assoggettati alle ritenute e imposte sostitutive siano investiti in attività di carattere finanziario a medio o lungo termine individuate con apposito decreto del Ministro dell'economia e delle finanze”.
Inoltre, il bonus spetta anche alle forme di previdenza complementare, alle quali però spetta un beneficio pari al 9% dell’ammontare del risultato netto di gestione assoggettato all’imposta sostitutiva e investito in attività di carattere finanziario a medio o lungo termine.
Il Dm che individua queste ultime è arrivato il 19 giugno dello scorso anno.
 
La percentuale del credito spettante a ciascun richiedente verrà calcolata dall’Agenzia delle Entrate sulla base del rapporto tra le risorse stanziate e il totale del bonus richiesto e comunicata con provvedimento entro 60 giorni dalla scadenza del termine di presentazione delle domande.
I beneficiari, a partire dal giorno successivo alla pubblicazione del provvedimento, potranno utilizzare il credito d’imposta solo in compensazione, presentando l’F24 esclusivamente tramite i servizi telematici delle Entrate.
 
Le domande, come anticipato, vanno presentate all’Amministrazione fiscale, compilando l’apposito modello, tramite Entratel o Fisconline, dal 1° marzo al 30 aprile di ciascun anno.
L’invio può essere effettuato:
  • direttamente
  • tramite una società del gruppo, se il richiedente fa parte di un gruppo societario (si considerano appartenenti al gruppo l’ente o la società controllante e le controllate. Sono controllate le società per azioni, in accomandita per azioni e a responsabilità limitata le cui azioni o quote sono possedute dall’ente o società controllante, o tramite altra società controllata, per una percentuale superiore al 50% del capitale)
  • tramite gli intermediari abilitati (professionisti, associazioni di categoria, Caf e altri soggetti).
 
Il software consente la compilazione delle richieste e la predisposizione del relativo file da trasmettere. Per farlo “girare”, è sufficiente cliccare su “CEP”, indipendentemente dal sistema operativo e dal metodo di avvio prescelto. Questo perché l’applicazione si connette al server per verificare l’esistenza di una versione più recente del software e, in caso positivo, procede all’eventuale aggiornamento. In tal modo, l’utente ha la garanzia di utilizzare sempre l’ultima versione dell’applicazione senza dover eseguire complesse procedure di aggiornamento.
 
 
r.fo.
pubblicato Mercoledì 2 Marzo 2016

I più letti

L’imposta sostitutiva, pari all’8% del valore risultante dalla necessaria perizia giurata, può essere versata, tramite modello F24, in un’unica soluzione oppure in tre rate annuali
I titolari di reddito d’impresa dovranno inviare il modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta tramite i servizi telematici dell'Agenzia: Fisconline o Entratel
Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il decreto ministeriale che detta le disposizioni attuative per questa nuova forma di interlocuzione tra amministrazione finanziaria e imprese
Quelli versati dai partecipanti al momento della costituzione, per l’ente non hanno rilevanza reddituale, cioè non concorrono alla determinazione del suo reddito imponibile
La procedura è stata definita dopo un proficuo confronto nell’ambito del Forum italiano sulla fatturazione elettronica e una serie di incontri con l’associazione di categoria Confida
postino e posta elettronica certificata
Altra tornata di comunicazioni dell'amministrazione finanziaria per evidenziare possibili errori nei redditi dichiarati e consentire ai cittadini di rimediare o dialogare prima dell’accertamento
In GU, la legge in materia di assistenza in favore delle persone con gravi disabilità e prive del sostegno familiare. Agevolazioni dal 2017, quelle in tema di deducibilità già nel 2016
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
immagine di postino con busta in mano
La regolamentazione positiva delle due modalità di invio previste presenta punti di contatto, ma anche alcune differenze, che generano anche vivaci dibattiti interpretativi
Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il decreto ministeriale che detta le disposizioni attuative per questa nuova forma di interlocuzione tra amministrazione finanziaria e imprese
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
bandiera giappone
Dal 2011 sono state introdotte alcune novità di rilievo nel sistema tributario a seguito di un processo di riforma
Firmato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri che posticipa il termine per versare le imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi, anche unificata, e da quella Irap