Attualità
La bozza Irap 2014 arriva sul web:
le novità sono nell’appendice
Aggiornata la tabella delle aliquote applicabili, per il periodo d’imposta 2013, nelle diverse regioni e province autonome dovute a norme locali e a maggiorazioni statali
immagine
Nel mondo delle bozze dei modelli di dichiarazione fa il suo ingresso Irap 2014, con le sue istruzioni, reperibili entrambi sul sito dell’Agenzia delle Entrate.
Il modello, indirizzato a persone fisiche, società ed enti - sia pubblici che privati - che esercitano abitualmente attività autonomamente organizzate dirette alla produzione o allo scambio di beni o alla prestazione di servizi, va “sfogliato fino in fondo” per arrivare ad individuare le novità di quest’anno che si trovano tutte nell’appendice.
 
È stata aggiornata la tabella delle aliquote Irap applicabili, per l’anno d’imposta 2013, nelle diverse regioni e province autonome, per effetto sia di norme regionali e/o provinciali sia di maggiorazioni statali. Di conseguenza, anche l’elenco completo delle aliquote applicabili in ciascuna regione e nelle province di Trento e Bolzano è stato riveduto alla luce delle novità introdotte.
 
Anche la tabella delle deduzioni e delle detrazioni Irap presenta alcune novità con l’immissione delle nuove deduzioni previste dalle regioni Umbria e Toscana e dalla provincia autonoma di Bolzano, che si affiancano a quelle preesistenti della regione Piemonte e della provincia di Trento.

I codici assegnati alle diverse deduzioni e detrazioni dovranno essere specificati, con il relativo ammontare, e andranno inseriti in una apposita sezione inserita ad hoc nel quadro IS.
r.fo.
pubblicato Giovedì 12 Dicembre 2013

I più letti

Uniformati, per il 2017, i termini per l’invio opzionale dei dati delle fatture con quelli per l’invio obbligatorio dei dati delle fatture emesse e ricevute stabiliti dal “milleproroghe”
La disposizioni speciali possono essere applicate sia dai rivenditori abituali sia da quelli occasionali e comprendono anche gli oggetti d’arte, da collezione e di antiquariato
Confermata l’esclusione per amministrazioni pubbliche e autonome. Chi ha già trasmesso i dati al Sistema tessera sanitaria, non è tenuto a inviare di nuovo quelle stesse informazioni
Imminente l’appuntamento, per informare l’Agenzia dei cambiamenti intervenuti, per gli enti associativi che, operano con fini non commerciali, già beneficiano di agevolazioni fiscali
Le imprese e i professionisti che hanno dichiarato un volume d’affari inferiore rispetto ai dati comunicati dai propri clienti potranno regolarizzare tramite ravvedimento operoso
Uniformati, per il 2017, i termini per l’invio opzionale dei dati delle fatture con quelli per l’invio obbligatorio dei dati delle fatture emesse e ricevute stabiliti dal “milleproroghe”
Confermata l’esclusione per amministrazioni pubbliche e autonome. Chi ha già trasmesso i dati al Sistema tessera sanitaria, non è tenuto a inviare di nuovo quelle stesse informazioni
Le imprese e i professionisti che hanno dichiarato un volume d’affari inferiore rispetto ai dati comunicati dai propri clienti potranno regolarizzare tramite ravvedimento operoso
L’importo base su cui commisurare la riduzione è quantitativamente determinata in maniera diversa a seconda dell’arco temporale in cui la violazione viene regolarizzata
La disposizioni speciali possono essere applicate sia dai rivenditori abituali sia da quelli occasionali e comprendono anche gli oggetti d’arte, da collezione e di antiquariato
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
L’importo base su cui commisurare la riduzione è quantitativamente determinata in maniera diversa a seconda dell’arco temporale in cui la violazione viene regolarizzata
immagine parziale della copertina della guida
Tutte le novità sulle detrazioni spettanti quando si fanno lavori dentro casa o sulle parti comuni condominiali. Nuove regole per gli interventi antisismici fiscalmente agevolati
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
immagine generica illustrativa
Pubblicata la circolare delle Entrate che fornisce importanti precisazioni e indicazioni operative sulla disciplina della definizione agevolata introdotta dal Dl 193/2016
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino