Attualità
Bozze modelli Iva anno 2015:
sfilano il tradizionale e il base
Le rinnovate dichiarazioni fanno spazio alle ultime modifiche normative che hanno interessato la disciplina dell’imposta. Appaiono, per questo, nuove caselle, righi, campi
ritaglio del frontespizio della bozza Iva 2015, anno d'imposta 2014
Disponibili da oggi, sul sito dell’Agenzia delle Entrate, le bozze dei modelli Iva e Iva base, con le relative istruzioni, da utilizzare nel 2015, per l’anno d’imposta 2014. Le novità delle due dichiarazioni, veicolate come sempre da modifiche legislative, riguardano, tra le altre e in particolare, i quadri dei rimborsi, del plafond, delle opzioni.
 
Rimborsi
Il quadro VX, che li ospita, è stato opportunamente modificato per recepire le nuove modalità di esecuzione dei rimborsi, introdotte dall’articolo 13 del decreto semplificazioni (Dlgs 175/2014). In sostanza, le nuove disposizioni hanno elevato, da 5mila a 15mila euro, l’asticella dell’ammontare dei rimborsi Iva eseguibili senza alcun adempimento. Oltre i 15mila euro, poi, la garanzia è richiesta solo nei casi ritenuti “particolarmente a rischio” per gli interessi erariali (contribuenti a inizio o a fine attività, contribuenti cui sono notificati avvisi di accertamento, dichiarazioni senza visto di conformità), nelle altre ipotesi è sufficiente il visto di conformità e un’autocertificazione che attesti la solidità della situazione patrimoniale. Pertanto, non sono più previsti i campi per i contribuenti virtuosi: ora c’è una sola casella, nel campo 6, per individuare gli esonerati dalla prestazione delle garanzie.
 
Plafond
Nel quadro VE, rigo VE30, gli esportatori abituali indicheranno gli stessi dati contenuti nel nuovo modello di lettera d’intento, approvato con provvedimento del 12 dicembre scorso. È stato previsto, infatti, un nuovo campo, il 5, per indicare le operazioni assimilate alle cessioni all’esportazione. La nuova procedura fissata dall’articolo 20 del Dlgs semplificazioni, che di fatto trasferisce l’obbligo di comunicare all’Agenzia delle Entrate i dati delle lettere di intento dal fornitore all’esportatore abituale, vuole che tutto venga “registrato” nella dichiarazione Iva.
 
Opzioni
Nel quadro VO, infine, sono state previste le caselle relative alle opzioni per la determinazione agevolata del reddito delle società agricole. Si tratta di benefici introdotti dalla Finanziaria per il 2007 (commi 1093 e 1094, legge 296/2006) e ripescate dalla Stabilità per il 2014. È così che:
  • le società di persone, le srl e le cooperative che rivestono la qualifica di società agricola possono ancora optare per la determinazione del reddito su base catastale
  • le società di persone e le srl costituite da imprenditori agricoli che esercitano esclusivamente la manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione di prodotti agricoli ceduti dai soci possono di nuovo scegliere di determinare il reddito applicando ai ricavi il coefficiente del 25 per cento.
 Entrambe le opzioni, una volta esercitate, sono vincolanti per almeno un triennio.
r.fo.
pubblicato Lunedì 22 Dicembre 2014

I più letti

Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Per l’ordinaria amministrazione è competente il singolo componente, come nel caso del dovere che insorge per le somme trattenute dalle retribuzioni corrisposte ai dipendenti
immagine di mani di artigiano al lavoro
Con due circolari vengono comunicate le aliquote, i massimali e i minimali, i termini e le modalità di versamento per professionisti, collaboratori, artigiani e commercianti
In tal caso, per l’applicabilità della disciplina agevolata non è richiesta la sussistenza di particolari requisiti in capo a chi rileva il credito e subentra nella relativa garanzia
La particolarità della fattispecie tributaria impone una restrittiva interpretazione dell’articolo 1224, comma 2, del codice civile, riguardo al calcolo degli interessi
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Recepiscono le numerose e significative misure di semplificazione procedimentale introdotte lo scorso anno e sostituiscono quelle già approvate nel febbraio del 2015
immagine di mani di artigiano al lavoro
Con due circolari vengono comunicate le aliquote, i massimali e i minimali, i termini e le modalità di versamento per professionisti, collaboratori, artigiani e commercianti
Prevista la soppressione dei modelli trimestrali relativi agli acquisti di beni e servizi; diminuisce il numero dei contribuenti soggetti all’obbligo di comunicazione all'Amministrazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Più tempo il prossimo anno per presentare i modelli Redditi, Irap e 770: scadenza unica al 31 ottobre. Slitta al 23 luglio il termine per consegnare il 730 ad un intermediario
Scatta dal 2019 l’obbligo di fatturazione elettronica anche tra soggetti privati; nasce l’imposta sulle transazioni digitali per le prestazioni di servizi effettuate tramite mezzi elettronici
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino