Attualità
Certificazione unica 2016:
invio entro lunedì 7 marzo
L’appuntamento riguarda sostituti d’imposta e intermediari incaricati tenuti a trasmettere in via telematica all’Agenzia delle Entrate il modello relativo ai redditi 2015
spdizione lettera con fionda
I sostituti d’imposta hanno tempo fino al 7 marzo per inviare la Certificazione unica 2016, che attesta i redditi di lavoro dipendente e assimilati e i redditi di lavoro autonomo, le provvigioni e alcuni redditi diversi. Per l’invio telematico si deve utilizzare il nuovo modello “ordinario”, approvato con provvedimento del 15 gennaio scorso.
Da quest’anno il software per la compilazione “Certificazione Unica 2016” consente di importare i dati anagrafici dei singoli percipienti contenuti nelle Certificazioni dell’anno scorso.
I dati trasmessi confluiranno nel 730 “precompilato” che, a partire dal 15 aprile prossimo, sarà reso disponibile, on line, per lavoratori dipendenti e pensionati.
 
“Sintetico” ai dipendenti, “ordinario” all’Agenzia
La Certificazione unica doveva essere rilasciata ai contribuenti entro il 29 febbraio, utilizzando il modello “sintetico”.
Invece, l’invio telematico alle Entrate, in scadenza il 7 marzo, deve avvenire attraverso il modello “ordinario”.
Quest’ultimo è composto:
  • dal frontespizio e dal quadro CT relativo alla comunicazione della sede telematica per la ricezione dei 730-4 relativi ai conguagli (entrambi non presenti nel modello sintetico)
  • dalla parte relativa ai dati del sostituto d’imposta e del contribuente-sostituito (lavoratore dipendente o autonomo o pensionato), identica a quella contenuta nel modello sintetico
  • dalla parte relativa alla certificazione dei redditi di lavoro dipendente, assimilati e all’assistenza fiscale, suddivisa tra dati fiscali, dati previdenziali e assistenziali, dati assicurativi Inail
  • dalla parte relativa alla certificazione dei redditi di lavoro autonomo, delle provvigioni e dei redditi diversi. 
Il modello ordinario non contiene, invece, la scheda per la scelta della destinazione del 2, 5 e 8 per mille dell’Irpef, presente nel modello sintetico da consegnare al contribuente.
 
Anche quest’anno, l’invio delle Certificazioni uniche che non contengono dati da utilizzare per l’elaborazione della dichiarazione precompilata potrà avvenire anche dopo il 7 marzo senza applicazione di sanzioni, purché entro il termine di presentazione del modello 770.
Patrizia De Juliis
pubblicato Venerdì 4 Marzo 2016

I più letti

Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Con un altro provvedimento, anch’esso pronto per la firma, slitta al 31 ottobre il termine per la presentazione della dichiarazioni dei redditi, Irap e dei modelli dei sostituti, i 770/2017
Secondo l’Agenzia delle Entrate, nella fattispecie non sussistono i presupposti per l’applicazione della disciplina dell’articolo 10-bis dello Statuto dei diritti del contribuente
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
Il principio di diritto, già espresso dalla Corte di Cassazione e ora confermato, è l’imprescindibilità della sottoscrizione e della compilazione del documento in ogni sua parte
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Il principio di diritto, già espresso dalla Corte di Cassazione e ora confermato, è l’imprescindibilità della sottoscrizione e della compilazione del documento in ogni sua parte
Dopo aver ribadito i requisiti previsti dal Tuir per la deducibilità dei costi, l’Agenzia delle Entrate mette in chiaro le modalità per la loro conservazione dematerializzata
Il provvedimento interviene sul Dm del 27 giugno emanato a seguito delle novità normative della “manovrina”, apportando correzioni minime nella forma, ma di una certa rilevanza sostanziale
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino