Attualità
Cessione o triangolazione intracomunitaria?
Il caso di una società belga che ha acquistato prodotti da un fornitore spagnolo per rivenderli in Italia
_2068.jpg

È possibile regolarizzare in Italia gli effetti di acquisti intracomunitari che il fornitore residente in un altro Stato ha erroneamente trattato come cessioni intracomunitarie anziché classificarli come una triangolazione intracomunitaria?
A questo interrogativo ha risposto l'agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 321/E del 9 novembre emanata in risposta a una istanza di interpello. Secondo l'Amministrazione finanziaria, se la natura dell'operazione e il cedente non mutano, è sufficiente annotare le variazioni nei registri contabili piuttosto che procedere all'annullamento delle originarie operazioni di acquisto, integrazione e registrazione delle nuove fatture.

Il caso al centro dell'interpello
Il pronunciamento dell'Amministrazione fiscale prende le mosse da una istanza di interpello presentata da una società belga con due partite Iva (italiana e spagnola) che provvede ad acquistare prodotti da un fornitore spagnolo e a rivenderli in Italia utilizzando la partita Iva spagnola.
A sua volta, la società belga emette fatture non imponibili per cessioni intracomunitarie e presenta i modelli Intra. Il trasporto dei beni viene poi effettuato dalla società spagnola per conto di quella belga e la prima risulta destinataria delle fatture emesse dal vettore per il trasporto realizzate dalla Spagna in Italia.
L'istante afferma che il destinatario finale dei beni ha provveduto a registrare le fatture relative ai loro acquisti con la partita Iva spagnola della società belga indicandola nei modelli Intra come fornitore dei modelli presentati.
Di diverso avviso è l'Amministrazione finanziaria spagnola per la quale, invece, le operazioni dovevano essere considerate triangolari anzichè cessioni intracomunitarie. E questo perché affidando il trasporto a un terzo non era legittimo utilizzare la partita Iva spagnola della società belga.

La posizione del Fisco italiano
In linea di principio, se si cambia la partita Iva del cedente cambia la natura dell'operazione e di conseguenza il destinatario finale dei beni dovrebbe annullare e registrare nuovamente le fatture. Ma per l'amministrazione italiana, la procedura di regolarizzazione prevista dalla normativa nazionale non può applicarsi al caso in esame poiché non viene meno la cessione intracomunitaria nei confronti del destinatario finale dei beni né muta il ruolo del cedente cambiando la partita Iva. Quindi, il destinatario finale dei beni dovrà provvedere ad annotare a margine dei registri la modifica della posizione Iva.

Secondo l'Agenzia, la regolarizzazione, comunque, non comporta l'applicazione di sanzioni nei confronti degli acquirenti italiani, in quanto all'epoca si sono comportati correttamente. E ciò anche tenendo conto che la correzione viene effettuata a seguito di un'iniziativa di un'autorità fiscale estera per esigenze di coordinamento normativo e di controllo negli scambi intracomunitari.

Gianluca Di Muro
pubblicato Venerdì 9 Novembre 2007

I più letti

immagine di saracinesca con cartello: chiuso per cessata attività
La chiusura della partita Iva d'ufficio, conseguente al mancato esercizio per le tre annualità precedenti, non comporta più alcuna "disapprovazione" e l'F24 finisce in soffitta
Al centro del confronto fra Entrate e commercialisti le disposizioni introdotte dall'ultima legge di bilancio
Una volta inviato il file, si attiva un sistema complesso di ricevute telematiche per tenere aggiornato il contribuente sullo stato di lavorazione della propria posizione
Due sezioni, una introduttiva, l’altra più specifica, con il dettaglio sull’architettura dell’Omi e i processi di costruzione e catalogazione delle sue informazioni, nelle diverse fasi
immagine di una casa che poggia su colonne di monete
È necessario, però, che vengano rispettati tutti gli adempimenti previsti in materia di applicazione della ritenuta e di trasmissione telematica dei dati relativi ai bonifici
Una volta inviato il file, si attiva un sistema complesso di ricevute telematiche per tenere aggiornato il contribuente sullo stato di lavorazione della propria posizione
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
Se occorre integrare, sostituire o modificare una denuncia prodotta con il modello 4 cartaceo, va utilizzata tale modulistica, seguendo le relative modalità di presentazione
immagine di saracinesca con cartello: chiuso per cessata attività
La chiusura della partita Iva d'ufficio, conseguente al mancato esercizio per le tre annualità precedenti, non comporta più alcuna "disapprovazione" e l'F24 finisce in soffitta
Ritoccata la dichiarazione Iva, rispetto alla versione di prova, con l’arrivo dell’opzione di gruppo da esprimere nell’anno precedente a quello di prima applicazione del regime
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
Alcuni andranno indicati nel modello F24 “ordinario”, altri nella delega di pagamento unitario riservata agli enti pubblici. Efficacia operativa delle fusioni: 1° gennaio 2017
Se occorre integrare, sostituire o modificare una denuncia prodotta con il modello 4 cartaceo, va utilizzata tale modulistica, seguendo le relative modalità di presentazione
Il nuovo modello, da compilare e trasmettere online all’Agenzia, consentirà di provvedere agli adempimenti con una sola operazione, direttamente dal web. Si parte il 23 gennaio
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino