Attualità
Cinque per mille 2010: on line
gli elenchi dei candidati destinatari
Oltre alla pubblicazione delle liste, sul web, un motore di ricerca ad hoc per facilitarne la consultazione
mondo con scritto 5 per mille
In rete, sul sito dell'Agenzia delle Entrate, i quattro elenchi dei soggetti che hanno chiesto di beneficiare del 5 per mille 2010. Riguardano gli enti del volontariato, le associazioni sportive dilettantistiche riconosciute dal Coni, gli enti della ricerca scientifica e di quella sanitaria. In totale, 47.264 iscritti.

Per le prime due categorie si tratta, in un certo senso, di liste provvisorie suscettibili di modifiche derivanti dalla correzione di eventuali errori anagrafici, la cui segnalazione potrà essere inviata dagli stessi interessati, entro e non oltre il prossimo 20 maggio, tramite il legale rappresentante dell'ente o dell'associazione (o di un suo incaricato), alla direzione regionale delle Entrate territorialmente competente. La versione definitiva di detti elenchi sarà messa in rete entro il 25 maggio, una volta completate le operazioni di riscontro.

Va ricordato che gli stessi legali rappresentanti degli enti del volontariato e delle associazioni sportive dilettantistiche dovranno, obbligatoriamente entro il 30 giugno, inviare a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno, rispettivamente alla direzione regionale dell'Agenzia ovvero all'ufficio del Coni, nel cui ambito territoriale si trova la sede legale degli organismi interessati, una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà che attesti la persistenza dei requisiti.
Alla dichiarazione, che va redatta su apposito modello reperibile sul sito delle Entrate, è necessario allegare copia del documento di riconoscimento di colui che sottoscrive.
Per agevolare la compilazione e l'invio della dichiarazione sostitutiva, la procedura telematica consente la stampa del modello di dichiarazione, parzialmente precompilato con le informazioni fornite dagli interessati nel momento dell'iscrizione. Il modulo va completato da parte del rappresentante legale dell'ente inserendo le sole informazioni mancanti.

Un motore di ricerca ad hoc
L'Agenzia, per facilitare la consultazione, mette a disposizione degli interessati un motore di ricerca che permette di individuare i soggetti sia dalla denominazione sia dal codice fiscale. Una vera agevolazione, se si tiene conto del fatto che a iscriversi al 5 per mille per l'esercizio finanziario 2010 sono stati in 47.264.
Al numero vanno aggiunti anche gli 8.100 Comuni italiani per i quali non è prevista la pubblicazione di alcun elenco, in quanto potranno ricevere le "preferenze" direttamente dai propri cittadini residenti, per le iniziative sociali messe in campo.

Gli elenchi sono in ordine alfabetico e, in particolare, riguardano:
  • 40.570 enti del volontariato, onlus, associazioni di promozione sociale iscritte nei registri nazionale, regionali e delle province autonome di Trento e Bolzano, associazioni e fondazioni riconosciute in possesso dei requisiti previsti dall'articolo 10 del Dlgs 460/1997
  • 6.358 associazioni sportive dilettantistiche riconosciute dal Coni, che svolgono una rilevante attività di interesse sociale
  • 239 enti della ricerca scientifica e dell'università
  • 97 enti della ricerca sanitaria.
Paola Pullella Lucano
pubblicato Mercoledì 12 Maggio 2010

I più letti

testo alternativo per immagine
Snc e suoi componenti sono coobbligati al pagamento delle imposte e, quindi, dopo la cessazione dell’attività tocca ai secondi versare i tributi non assolti dall’azienda
testo alternativo per immagine
Una delle principali scadenze fiscali dell’anno, il versamento della seconda o unica rata dell’“anticipo” Irpef, cade di domenica (30 novembre) e, perciò, slitta al dì successivo
testo alternativo per immagine
L’anomala situazione commerciale giustifica la rettifica sulla base di sole presunzioni semplici, con conseguente inversione dell’onere della prova a carico del contribuente
testo alternativo per immagine
In prossimità della scadenza del termine per la trasmissione telematica dei modelli, i chiarimenti del dipartimento delle Finanze sull’adempimento pro esenzione
testo alternativo per immagine
Nel processo amministrativo è previsto normativamente e qualificato come vera e propria obbligazione dovuta ex lege, ma non altrettanto succede nel diritto tributario
testo alternativo per immagine
A differenza del vecchio Cud, contenente solo i dati dei redditi di lavoro dipendente e assimilati, il nuovo schema accoglie anche quelli di lavoro autonomo e diversi e le provvigioni
testo alternativo per immagine
Snc e suoi componenti sono coobbligati al pagamento delle imposte e, quindi, dopo la cessazione dell’attività tocca ai secondi versare i tributi non assolti dall’azienda
testo alternativo per immagine
Una delle principali scadenze fiscali dell’anno, il versamento della seconda o unica rata dell’“anticipo” Irpef, cade di domenica (30 novembre) e, perciò, slitta al dì successivo
Dito su calendario
La regola vale qualora l’interessato non contesti di non aver avuto la cartella con la pretesa tributaria, ma si limiti a metterne in discussione la data di consegna
testo alternativo per immagine
In prossimità della scadenza del termine per la trasmissione telematica dei modelli, i chiarimenti del dipartimento delle Finanze sull’adempimento pro esenzione
testo alternativo per immagine
A differenza del vecchio Cud, contenente solo i dati dei redditi di lavoro dipendente e assimilati, il nuovo schema accoglie anche quelli di lavoro autonomo e diversi e le provvigioni
testo alternativo per immagine
Più facile, inoltre, aggiornare la propria situazione economica in caso di rilevante diminuzione del reddito, con la possibilità di ottenere l’indicatore “corrente”
immagine generica
La deduzione dal reddito è pari al 20% del prezzo di acquisto risultante dall’atto di compravendita, comunque entro il limite massimo complessivo di spesa di 300mila euro
mela
Sul sito dell’Agenzia disponibile, inoltre, il pacchetto informatico che consente di verificare che i file predisposti siano conformi ai criteri necessari per terminare la procedura
testo alternativo per immagine
Le modalità di presentazione via web della delega di pagamento unificato. La versione cartacea sopravvivrà per i versamenti di importi esigui e in qualche ipotesi residua