Attualità
Cipro, l’euro non fa paura al Fisco
Le entrate fiscali corrono verso il traguardo dei 5 miliardi di euro, giudicato impensabile fino a qualche anno fa

L’ingresso di Cipro nell’Euroclub, già annunciato lo scorso anno e oggi in dirittura d’arrivo, non sembra aver ostacolato la crescita progressiva delle entrate fiscali. Questo significa, in termini pratici, che l’euro non spaventa il fisco, anzi, lo alimenta. L’ingresso di Cipro nell’Euroclub, già annunciato lo scorso anno e oggi in dirittura d’arrivo, non sembra aver ostacolato la crescita progressiva delle entrate fiscali. Nel 2006, infatti, l’erario cipriota ha centrato l’obiettivo dei 4 miliardi di euro e nell’anno in corso, ma si tratta di stime, dovrebbe approcciare la soglia dei 5 miliardi di euro. Un vero e proprio primato per un Paese la cui popolazione non oltrepassa gli 800 mila abitanti. Dunque, nonostante le valutazioni negative e i moniti espressi al momento del varo dell’iniziativa pro-euro da diversi esperti fiscali, l’arrivo dell’euro, accompagnato da misure che richiederanno, a partire dal 2008, un maggior rigore sui conti e una più stretta sinergia con Bruxelles nella definizione delle norme strettamente fiscali, non sembra affatto aver funzionato da freno riguardo alle risorse assicurate annualmente all’erario nazionale, anzi, tutto il contrario.

L’offshore non tramonta e salgono i profitti
In altre parole, l’euro non ha scacciato né ridotto i vantaggi offerti dall’offshore. Infatti, mentre gli incassi del fisco crescono in media del 12 per cento l’anno, il gettito dell’imposta sui profitti vola a un passo più che doppio, registrando un’impennata nel biennio passato contabilizzabile in un incremento di circa il 30 per cento rispetto al dato del 2005. Al contempo, la registrazione di nuove controllate estere sul mercato domestico non accenna a ridursi come pure l’afflusso dei capitali stranieri.                      





Andamento delle entrate fiscali nel periodo 2000-2007
Per il 2007 si tratta di stime

Fonte: Eurostat (i valori riportati in tabella sono espressi in milioni di euro)

Resta quindi ridimensionato il dogma contabile in base al quale l’euro non premierebbe le entrate fiscali, soprattutto se il nuovo terreno da sottoporre alla cura della moneta unica risulta aver alloggio in giurisdizioni le cui infrastrutture si fondano su aliquote basse e su di una tassazione piuttosto mite.

Dalle entrate fiscali più risorse per i bassi redditi
Il maggior gettito, registrato in coincidenza con il varo dell’euroiniziativa, ha anche consentito di avviare un pacchetto di misure in favore dei redditi bassi. Tra queste, l’ulteriore innalzamento oltre 19 mila euro dell’asticella della no-tax area dovrebbe garantire, a partire da quest’anno, il versamento di zero imposte a una quota significativa dei lavoratori dipendenti la cui occupazione è legata soprattutto al settore privato. Nessuna modifica invece è in scaletta in relazione allo status fiscale privilegiato riservato ai non ciprioti che non risiedono nel Paese e che continueranno a vedere i guadagni, derivanti da investimenti esteri, tassati applicando un’aliquota del 5 per cento. A patto che questi soggetti non siano titolari di attività economiche all’interno della giurisdizione cipriota.
Stefano Latini
pubblicato Mercoledì 5 Dicembre 2007

I più letti

Il legislatore nazionale, adeguandosi alla normativa europea, ha previsto regole speciali di applicazione del tributo per evitare fenomeni di doppia o reiterata imposizione
La comunicazione va presentata in via telematica, entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo a ogni trimestre, direttamente dal contribuente o tramite intermediari abilitati
L’importo base su cui commisurare la riduzione è quantitativamente determinata in maniera diversa a seconda dell’arco temporale in cui la violazione viene regolarizzata
L’accesso è consentito a coloro che non sono stati fiscalmente residenti in Italia in almeno nove dei dieci periodi d’imposta precedenti l’inizio del periodo di validità dell’opzione
A differenza di quella di funzioni, non comporta alcun trasferimento di competenze tra autorizzante e autorizzato: il primo continua a mantenere la paternità di quanto sottoscritto
L’importo base su cui commisurare la riduzione è quantitativamente determinata in maniera diversa a seconda dell’arco temporale in cui la violazione viene regolarizzata
La comunicazione va presentata in via telematica, entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo a ogni trimestre, direttamente dal contribuente o tramite intermediari abilitati
Il legislatore nazionale, adeguandosi alla normativa europea, ha previsto regole speciali di applicazione del tributo per evitare fenomeni di doppia o reiterata imposizione
immagine parziale della copertina della guida
Tutte le novità sulle detrazioni spettanti quando si fanno lavori dentro casa o sulle parti comuni condominiali. Nuove regole per gli interventi antisismici fiscalmente agevolati
logo di Redditi SC 2017
Ancora una chance, per le società che non utilizzano i principi contabili internazionali, di rivalutare i beni d'impresa, tranne quelli alla cui produzione o scambio è destinata l'attività
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
immagine parziale della copertina della guida
Tutte le novità sulle detrazioni spettanti quando si fanno lavori dentro casa o sulle parti comuni condominiali. Nuove regole per gli interventi antisismici fiscalmente agevolati
L’importo base su cui commisurare la riduzione è quantitativamente determinata in maniera diversa a seconda dell’arco temporale in cui la violazione viene regolarizzata
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
immagine generica illustrativa
Pubblicata la circolare delle Entrate che fornisce importanti precisazioni e indicazioni operative sulla disciplina della definizione agevolata introdotta dal Dl 193/2016
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino