Attualità
Comitato europeo del Catasto:
la presidenza passa alla Bulgaria
Il cambio al vertice verrà celebrato a Tallin, in Estonia, dove dal 15 al 18 novembre è in programma la riunione plenaria dei rappresentanti delle amministrazioni nazionali interessate
Comitato europeo del Catasto: |la presidenza passa alla Bulgaria
I rappresentanti delle istituzioni che gestiscono il catasto nei paesi europei si incontreranno la prossima settimana a Tallin per fare il punto sulle ultime novità in ambito catastale e delineare gli scenari futuri a livello comunitario. Nel corso della plenaria, in programma dal 15 al 18 novembre, verrà effettuato anche il passaggio di consegne tra l’Estonia e la Bulgaria. A quest’ultima andrà, infatti, la presidenza per il prossimo semestre.
 
Il catasto estone
Il comitato europeo del catasto torna a riunirsi a Tallin, in Estonia, che per la prima volta detiene il semestre di presidenza europeo del PCC (Permanent Committee on Cadastre in the European Union).
Durante la plenaria, i rappresentanti delle amministrazioni catastali comunitarie avranno l’opportunità di confrontarsi e discutere sulle ultime novità relative al governo del territorio e allo sviluppo del catasto, condividendo conoscenze e best practice.
Nel corso della prima giornata verrà illustrato il funzionamento catastale in Estonia, alla presenza del direttore generale dell’amministrazione catastale estone, Tambet Tiits. L’Estonia ha avviato nel 1991 un’importante riforma del proprio sistema catastale, con la collaborazione del governo delle contee, degli enti locali e dell’amministrazione catastale, la Land Board. L’obiettivo perseguito è stato quello di rimediare agli effetti dell’occupazione sovietica del 1940, quando fu abolita la proprietà privata e le terre furono nazionalizzate. Grazie a questa riforma i terreni in precedenza espropriati sono stati restituiti agli ex proprietari (o ai loro successori legali) oppure sono stati compensati.
 
Tre giorni di confronto sul catasto europeo
Tra gli altri temi in agenda c’è anche la sessione ispirata al “Catasto nel 2035” (Views of the future cadastre), una sessione in cui si cercherà di fare il punto della situazione sull’evoluzione dei progetti più innovativi dei sistemi catastali europei. Un altro intervento si concentrerà, invece, su come migliorare l’efficienza del processo di valutazione catastale, grazie a valori della proprietà immobiliare continuamente aggiornati, mentre un altro speech analizzerà la collaborazione pubblico-privato nelle indagini catastali.
Anche l’Italia parteciperà alla plenaria. A rappresentarla sarà l’ing. Franco Maggio, direttore centrale Catasto, cartografia e pubblicità immobiliare dell’Agenzia delle entrate.
 
Cos’è il Comitato permanente del Catasto
Nato nel 2002, il Comitato permanente del Catasto nell’Unione europea è un’organizzazione internazionale che raggruppa amministrazioni e istituzioni che gestiscono il catasto nei diversi Stati membri dell’Ue. Oggi rappresenta il principale punto di riferimento e di confronto tra le varie amministrazioni catastali, che si incontrano non solo per condividere best practice e scenari futuri, ma anche per elaborare reference documents di supporto all’attività istituzionale del governo europeo, in modo da creare dei collegamenti fra le istituzioni catastali e gli organi Ue.
Alla sua fondazione ha preso parte anche l’ex Agenzia del Territorio, oggi confluita nell’Agenzia delle entrate.
 
La presidenza del Comitato passa alla Bulgaria
Dopo il semestre di presidenza dell’Estonia, il Comitato permanente del Catasto nell’Ue sarà guidato dalla Bulgaria: la presidenza, infatti, viene assunta a turno dai Paesi che ne fanno parte. Alla fine della tre giorni ci sarà il passaggio ufficiale e l’introduzione del semestre di presidenza bulgara, che sarà incentrato sul tema dei dati utili alla costruzione di una società digitale (Data as a Basis of the Digital Society). L’introduzione al nuovo semestre sarà affidata a Stefan Petrov, dell’Agenzia per il catasto e la cartografia bulgara.
Fabio Brocceri
pubblicato Venerdì 10 Novembre 2017

I più letti

L'innovazione attua quanto previsto dalla direttiva europea Inspire sulla politica ambientale che garantisce conoscenza, disponibilità e interscambio delle informazioni territoriali
Corte di Giustizia Ue
I giudici europei chiariscono quali sono i limiti che la normativa nazionale può imporre alla rettifica da parte del contribuente della base imponibile Iva in caso di mancato incasso
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il sistema di navigazione dinamico mostra i risultati registrati anno per anno. Nuove informazioni a disposizione del contribuente, per un dialogo all’insegna della trasparenza
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
L'innovazione attua quanto previsto dalla direttiva europea Inspire sulla politica ambientale che garantisce conoscenza, disponibilità e interscambio delle informazioni territoriali
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino