Attualità
Compliance 2013, atto secondo:
in partenza altre 100mila lettere
Chi riceve la comunicazione può percorrere due strade: fornire gli elementi sconosciuti al Fisco che giustifichino le anomalie o regolarizzare con una dichiarazione integrativa
Compliance 2013, atto secondo:|in partenza altre 100mila lettere
Stanno per essere recapitate nelle cassette postali o alla casella Pec di circa 100mila cittadini, altrettante lettere di compliance. Si tratta degli alert preventivi, con cui l’Agenzia delle Entrate segnala che, dagli incroci dei dati presenti nelle proprie banche dati, risultano non dichiarati, in tutto o in parte, redditi percepiti nel 2013.
Le modalità di comunicazione del Fisco e quelle che i contribuenti devono seguire per sanare o spiegare, eventualmente, gli errori o le omissioni riscontrate, sono state definite nel provvedimento del 12 maggio 2017 (vedi articolo “Compliance redditi 2013: debutta l’integrativa assistita”).
 
Per questa nuova tranche, stesse regole e criteri fissati per le 100mila comunicazioni partite nelle scorse settimane; tanto per cominciare, quindi, l’anno d’imposta considerato è il 2013 e i redditi interessati sono:
  • di fabbricati, derivanti dalla locazione di immobili a tassazione ordinaria o soggetti al regime opzionale della cedolare secca
  • di lavoro dipendente e assimilati, compresi gli assegni periodici al coniuge o ex coniuge
  • prodotti in forma associata derivanti dalla partecipazione in società di persone o in associazioni tra artisti e professionisti oppure derivanti dalla partecipazione in Srl “trasparenti”
  • di capitale, da partecipazione qualificata in società di capitali
  • da lavoro autonomo abituale e professionale
  • alcuni tipi di redditi diversi e redditi derivanti da lavoro autonomo abituale e non professionale
  • d’impresa, con riferimento alle rate annuali delle plusvalenze/sopravvenienze attive.  
Ricapitolando
I contribuenti, ricevuta la comunicazione, possono chiedere ulteriori informazioni o spiegare il perché delle anomalie emerse dai controlli incrociati rivolgendosi ai Cam (Centri di assistenza multicanale) e agli uffici territoriali delle Entrate. L’eventuale documentazione può essere trasmessa all’Agenzia utilizzando il canale di assistenza Civis.
Nel caso in cui gli errori riscontrati siano effettivi, i destinatari possono regolarizzare la loro posizione avvalendosi del ravvedimento operoso, istituto che la legge di stabilità 2015 ha profondamente modificato, prevedendo, tra l’altro, la possibilità, in assenza di cause ostative, di sanare la propria posizione senza limiti temporali, ossia fino al termine per l’accertamento, con il beneficio della riduzione delle sanzioni in misura graduata a seconda dell’intervallo intercorso tra la data della violazione e l’intervento correttivo.
 
Nel cassetto fiscale tutto quel c’è da sapere e da fare
I contribuenti abilitati troveranno nel loro Cassetto fiscale un dettagliato prospetto informativo con i dati riguardanti le anomalie segnalate. L’interessato, conoscendo il quadro completo della situazione, può agire di conseguenza, fornendo elementi sconosciuti al Fisco che giustifichino i rilievi oppure presentando una dichiarazione integrativa “riparatrice”.
Da quest’anno, inoltre, un aiuto in più per i destinatari delle lettere ai quali è chiesto di ricontrollare ed eventualmente aggiornare i dati dichiarati relativi ai redditi di lavoro dipendente e assegni periodici, i redditi di partecipazione, i redditi assimilati a quelli di lavoro autonomo e i redditi diversi. Per loro infatti, l’Agenzia rende disponibile un prospetto precompilato relativo al quadro da rettificare o completare, contenente i dati utili da inserire nella dichiarazione integrativa.
 
Nella maggior parte dei casi, inoltre, gli interessati troveranno nel Cassetto fiscale un foglio “Avvertenze”, che li guiderà nelle mosse successive al ricevimento della comunicazione, e due link ad hoc: il primo consente di scaricare il file relativo alla dichiarazione presentata per l’anno d’imposta 2013, il secondo permette di accedere al software di compilazione UnicoOnLine, per predisporre e inviare la dichiarazione integrativa, e stampare il modello F24 per il pagamento degli importi dovuti.
r.fo.
pubblicato Venerdì 30 Giugno 2017

I più letti

Con un altro provvedimento, anch’esso pronto per la firma, slitta al 31 ottobre il termine per la presentazione della dichiarazioni dei redditi, Irap e dei modelli dei sostituti, i 770/2017
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Secondo l’Agenzia delle Entrate, nella fattispecie non sussistono i presupposti per l’applicazione della disciplina dell’articolo 10-bis dello Statuto dei diritti del contribuente
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
Il principio di diritto, già espresso dalla Corte di Cassazione e ora confermato, è l’imprescindibilità della sottoscrizione e della compilazione del documento in ogni sua parte
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Il principio di diritto, già espresso dalla Corte di Cassazione e ora confermato, è l’imprescindibilità della sottoscrizione e della compilazione del documento in ogni sua parte
Dopo aver ribadito i requisiti previsti dal Tuir per la deducibilità dei costi, l’Agenzia delle Entrate mette in chiaro le modalità per la loro conservazione dematerializzata
Con un altro provvedimento, anch’esso pronto per la firma, slitta al 31 ottobre il termine per la presentazione della dichiarazioni dei redditi, Irap e dei modelli dei sostituti, i 770/2017
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Dal 21 luglio e fino al 20 agosto, i versamenti potranno essere eseguiti con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse: lo prevede un Dpcm in corso di pubblicazione in Gazzetta
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino