Attualità
Comunicazione annuale dati Iva
invio in scadenza il 28 febbraio
Consente di quantificare le “risorse proprie” che ciascuno Stato membro deve versare al bilancio comunitario
Comunicazione annuale dati Iva| invio in scadenza il 28 febbraio
Scadenza in arrivo per la comunicazione annuale dati Iva. Entro il 28 febbraio, i titolari di partita Iva dovranno provvedere all’invio in modalità telematica, tramite l’apposito modello disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate o su quello del ministero dell’Economia e Finanze.
Le informazioni inviate servono a quantificare le “risorse proprie” che ogni Stato deve versare al bilancio Ue.
 
Sono esonerati dall’adempimento, i contribuenti che anticipano la dichiarazione Iva, presentandola entro febbraio. La novità di quest’anno è che tale possibilità è estesa a tutti i contribuenti, a prescindere se hanno un saldo a credito o a debito: la circolare 1/2011, infatti, ha eliminato la disparità di trattamento che si veniva a creare tra i soggetti che, avendo un credito Iva potevano trasmettere la dichiarazione in via autonoma ed essere esonerati dalla Comunicazione dati e coloro che, invece, avendo un debito d’imposta, non potevano usufruire di tale agevolazione.
 
Nella comunicazione vanno indicate tutte le operazioni effettuate nel corso dell’anno e, quindi, le risultanze delle liquidazioni periodiche o annuali, in modo da determinare l’Iva eventualmente dovuta o da utilizzare a credito senza tener conto delle possibili operazioni di rettifica e di conguaglio. Non si dovranno, invece, indicare le compensazioni effettuate nel corso dell’anno, l’Iva a credito risultante dal periodo precedente, i rimborsi infrannuali.
 
L’adempimento riguarda i titolari di partita Iva tenuti alla presentazione della dichiarazione annuale, anche se nell’anno non hanno effettuato operazioni imponibili.
Alcune categorie sono, invece, esonerate dall’invio, come i contribuenti che per il 2010 non sono obbligati alla presentazione della dichiarazione annuale Iva (quelli che effettuano solo operazioni esenti, produttori agricoli con un volume inferiore a 7mila euro, esercenti di giochi che non hanno optato per l’Iva ordinaria, eccetera), le amministrazioni dello Stato, i Comuni, i consorzi, le comunità montane eccetera (vedi articolo 74, comma 1, del Tuir), coloro che sono sottoposti a procedure concorsuali, le persone fisiche che nel 2010 hanno avuto un volume d’affari non superiore a 25mila euro, i contribuenti che si avvalgono del regime dei minimi e, come già ricordato, quelli che presentano la dichiarazione annuale Iva entro il 28 febbraio.
 
Il mancato invio della comunicazione, o la sua presentazione con dati incompleti o inesatti, comporta una sanzione amministrativa da 258 a 2.065 euro.
Patrizia De Juliis
pubblicato Mercoledì 23 Febbraio 2011

I più letti

La delega al professionista non esonera da responsabilità penale per il delitto di omessa dichiarazione, finalizzata a un’evasione d’imposta superiore alle soglie di rilevanza penale
Il regime di favore previsto in caso di assegnazione/cessione ai soci si applica anche all’ipotesi di trasformazione in società semplice, da realizzarsi entro il prossimo 30 settembre
Le persone fisiche e gli enti non commerciali possono utilizzarlo nella dichiarazione dei redditi, i titolari di redditi d’impresa, invece, esclusivamente tramite modello F24
La tesi volta a sostenere la superfluità della fattura in quanto mero supporto cartaceo delle registrazioni e privo di alcuna rilevanza giuridica e probatoria è palesemente infondata
È applicabile sia dai soggetti mensili che da quelli trimestrali; in ogni caso, deve trattarsi di operatori d’impresa, il contratto deve avere la forma scritta… e così via
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Le società che effettuano assegnazioni o cessioni agevolate ai soci devono versare il 60% della relativa imposta sostitutiva entro il 30 novembre 2016, il 40% entro il 16 giugno 2017
immagine di beni
In caso di assegnazione, sulla differenza tra il valore normale e il costo fiscalmente riconosciuto, si applica un'imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell'Irap nella misura dell'8%
La tesi volta a sostenere la superfluità della fattura in quanto mero supporto cartaceo delle registrazioni e privo di alcuna rilevanza giuridica e probatoria è palesemente infondata
La potenziale platea di soggetti interessati dalla disciplina agevolativa dell’assegnazione / cessione ai soci è molto ampia: tutte le società “commerciali”, sia di persone che di capitali
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
Più tempo per autocertificare la non detenzione di apparecchi televisivi e scadenza unica indipendentemente dalla modalità di trasmissione adottata, on line o cartacea