Attualità
Comunicazione annuale dati Iva:
l’ultima replica entro fine febbraio
Poi, sull’adempimento, calerà definitivamente il sipario, in quanto, dal 2017 è previsto, entro quello stesso termine, l’obbligo generalizzato di presentare la dichiarazione annuale
Comunicazione annuale dati Iva:|l’ultima replica entro fine febbraio
L’anno bisestile concede un giorno in più ai contribuenti tenuti all’invio della comunicazione dei dati Iva per l’anno d’imposta 2015. Scade lunedì 29 febbraio il tempo utile per effettuare l’adempimento, che quest’anno abbandona definitivamente la scena. In un primo momento, era stato fermato ai box dalla legge di Stabilità dell’anno scorso; poi, rimesso in pista per un altro giro dal successivo “decreto milleproroghe”. Il “ritiro”, a fine mese, appare ormai definitivo.
Stesso adempimento, quindi, stesso modello. Quello reperibile gratuitamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate, in formato elettronico, con le relative istruzioni, approvate lo scorso 15 gennaio con apposito provvedimento.
 
La comunicazione annuale dati Iva, da presentare entro il mese di febbraio di ciascun anno, nasce dall’esigenza di eseguire, nei termini previsti dalla normativa comunitaria, il calcolo delle “risorse proprie” che ciascun Stato membro deve versare al bilancio della Ue.
Il contribuente deve sostanzialmente riportare nel modello l’indicazione complessiva delle risultanze delle liquidazioni periodiche, per determinare l’Iva dovuta o a credito, senza tener conto delle eventuali operazioni di rettifica e di conguaglio (ad esempio, calcolo definitivo del pro rata), oltre ad altri dati sintetici relativi alle operazioni effettuate nel 2015.
Invece, i dati riguardanti le compensazioni, il riporto del credito Iva dell’anno precedente, i rimborsi infrannuali richiesti, nonché l’eventuale credito Iva per il 2015, che il contribuente intende richiedere a rimborso, vanno inseriti direttamente nella dichiarazione annuale, per la liquidazione definitiva dell’imposta.
 
Gli obbligati
In linea di massima, la comunicazione deve essere trasmessa telematicamente all’Agenzia delle Entrate, entro lunedì 29, da tutti i titolari di partita Iva tenuti alla presentazione della dichiarazione annuale, anche se nel 2015 non hanno registrato operazioni imponibili o non hanno dovuto effettuare liquidazioni periodiche.
Questa è la norma generale che, come ogni regola che si rispetti, ha le sue eccezioni, debitamente riportate e dettagliatamente descritte nelle istruzioni al modello. La più rilevante è quella che riguarda i contribuenti che, entro febbraio, presentano la dichiarazione annuale Iva in forma autonoma (cioè, sganciata dal modello Unico) che, per questo motivo, sono esonerati dall’invio della comunicazione.
 
L’adempimento può essere effettuato direttamente o tramite intermediari abilitati. In tale seconda ipotesi, questi ultimi, oltre a dover consegnare al dichiarante, entro trenta giorni dal termine previsto per la presentazione, l’originale della comunicazione trasmessa e copia dell’attestazione di avvenuto ricevimento da parte dell’Agenzia, sono tenuti a conservare “copia delle comunicazioni trasmesse, anche su supporti informatici, per lo stesso periodo previsto” per l’accertamento, cioè entro il 31 dicembre del quarto anno successivo a quello di presentazione (articolo 43, Dpr 600/1973).
 
In caso di irregolarità
Ad ogni buon conto, è bene ricordare che la natura non dichiarativa della comunicazione non la rende soggetta all’applicazioni delle sanzioni previste in caso di omessa o infedele dichiarazione nonché delle disposizioni di cui all’articolo 13 del Dlgs 472/1997, in materia di ravvedimento in caso di violazione degli obblighi di dichiarazione.
L’omissione della comunicazione oppure l’invio della stessa con dati incompleti o inesatti comporta, invece, una sanzione amministrativa compresa tra un minimo di 250 euro e un massimo di 2mila euro (articolo 11, Dlgs 471/1997, modificato dall’articolo 15 del Dlgs 158/2015).
Poiché non è possibile rettificare o integrare una comunicazione già presentata, i dati corretti e definitivi dovranno essere indicati, senza errori, nella dichiarazione annuale Iva.
Sonia Angeli
pubblicato Venerdì 26 Febbraio 2016

I più letti

La chance riguarda i contribuenti decaduti dal beneficio nei tre anni antecedenti al 15 ottobre 2015 in relazione alle somme dovute a seguito di ricorso agli istituti deflativi
L’opzione per l’estromissione da parte della ditta individuale va esercitata entro il 31 maggio 2016, con effetto, però, dal periodo d’imposta in corso alla data del 1° gennaio 2016
Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario
carte di debito e credito
La domanda di pronuncia pregiudiziale, esaminata dalla Corte di giustizia dell’Unione europea, verte sull’interpretazione di una disposizione normativa della direttiva sull’Iva
Il regime di favore previsto in caso di assegnazione/cessione ai soci si applica anche all’ipotesi di trasformazione in società semplice, da realizzarsi entro il prossimo 30 settembre
Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario
Il meccanismo dell’inversione contabile trova applicazione esclusivamente per le operazioni effettuate nella fase distributiva che precede il commercio al dettaglio
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime di favore previsto in caso di assegnazione/cessione ai soci si applica anche all’ipotesi di trasformazione in società semplice, da realizzarsi entro il prossimo 30 settembre
La chance riguarda i contribuenti decaduti dal beneficio nei tre anni antecedenti al 15 ottobre 2015 in relazione alle somme dovute a seguito di ricorso agli istituti deflativi
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
Più tempo per autocertificare la non detenzione di apparecchi televisivi e scadenza unica indipendentemente dalla modalità di trasmissione adottata, on line o cartacea