Attualità
Continua il gioco di squadra
tra Fip e Agenzia delle Entrate
Dal Fisco alla Federbasket, entro giugno, l'esito dei controlli effettuati utili alla valutazione dell'equilibrio finanziario delle società in vista della prossima stagione sportiva
Continua il gioco di squadra|tra Fip e Agenzia delle Entrate
Rinnovato l'accordo tra Amministrazione finanziaria e Federazione italiana pallacanestro. Firmato dal direttore dell'Agenzia, Rossella Orlandi, e dal presidente della Fip, Giovanni Petrucci, il protocollo d'intesa relativo allo scambio di informazioni finalizzato alla verifica dell'equilibrio finanziario delle società professionistiche, che intendono iscriversi alla stagione sportiva 2016-2017. L'accordo ha validità fino al 28 febbraio 2017.

La norma (articolo 12, legge 91/1981 e successive modificazioni), infatti, stabilisce che le federazioni si accertino del corretto comportamento in ambito fiscale di ciascuna società. Proprio in forza di tale disposizione si è stabilito un canale di comunicazione con l'Agenzia per ottenere le informazioni necessarie ai controlli previsti.

L'attività richiesta
L'Agenzia accerta che le società in questione abbiano:
  • presentato la dichiarazione relativa all'anno fiscale 2014
  • pagato Ires, Irap, Iva e le ritenute Irpef sui redditi di lavoro dipendente
  • effettuato il versamento rateale delle somme dovute a seguito della liquidazione delle imposte e delle ritenute riguardanti le dichiarazioni con periodi d'imposta chiusi al 31 dicembre 2009, 2010, 2011, 2012 e 2013
  • pagato, anche ratealmente, le imposte e le ritenute di cui alla lettera relative ad atti divenuti definitivi, con cartelle notificate entro il 30 aprile 2016.
Lo scambio dei dati dovrà rispettare le misure di sicurezza e i vincoli di riservatezza previsti dal codice della privacy. Le parti si impegnano a garantire la protezione delle informazioni, che saranno utilizzate esclusivamente per lo scopo dichiarato e trattate in forma crittografata.

In particolare, la Fip invia all'Agenzia l'elenco con i nomi delle società sportive professionistiche (denominazione sociale completa, codice fiscale/partiva Iva) per le quali chiede di conoscere la situazione fiscale ed entro giugno le Entrate daranno riscontro sull'esito dei controlli effettuati.
 
r.fo.
pubblicato Venerdì 5 Febbraio 2016

I più letti

Il meccanismo dell’inversione contabile trova applicazione esclusivamente per le operazioni effettuate nella fase distributiva che precede il commercio al dettaglio
Il regime di favore previsto in caso di assegnazione/cessione ai soci si applica anche all’ipotesi di trasformazione in società semplice, da realizzarsi entro il prossimo 30 settembre
Oltre 51mila gli enti del volontariato e le associazioni sportive dilettantistiche che hanno presentato la domanda per essere ammessi alla ripartizione delle quote Irpef
La delega al professionista non esonera da responsabilità penale per il delitto di omessa dichiarazione, finalizzata a un’evasione d’imposta superiore alle soglie di rilevanza penale
Le persone fisiche e gli enti non commerciali possono utilizzarlo nella dichiarazione dei redditi, i titolari di redditi d’impresa, invece, esclusivamente tramite modello F24
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime di favore previsto in caso di assegnazione/cessione ai soci si applica anche all’ipotesi di trasformazione in società semplice, da realizzarsi entro il prossimo 30 settembre
La delega al professionista non esonera da responsabilità penale per il delitto di omessa dichiarazione, finalizzata a un’evasione d’imposta superiore alle soglie di rilevanza penale
Le società che effettuano assegnazioni o cessioni agevolate ai soci devono versare il 60% della relativa imposta sostitutiva entro il 30 novembre 2016, il 40% entro il 16 giugno 2017
Il meccanismo dell’inversione contabile trova applicazione esclusivamente per le operazioni effettuate nella fase distributiva che precede il commercio al dettaglio
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
Più tempo per autocertificare la non detenzione di apparecchi televisivi e scadenza unica indipendentemente dalla modalità di trasmissione adottata, on line o cartacea