Attualità
Contratti di locazione breve 2017:
dati da inviare entro il 20 agosto
Gli intermediari intervenuti nella stipula devono comunicare nome, cognome e codice fiscale di chi affitta, durata, importo del corrispettivo lordo e indirizzo dell’immobile
Contratti di locazione breve 2017:|dati da inviare entro il 20 agosto
Scade il prossimo 20 agosto il termine entro cui i soggetti, che hanno agito da intermediari nella stipula di contratti di locazione breve conclusi dal 1° giugno al 31 dicembre nel 2017, devono trasmettere l’apposita comunicazione annuale.
Il termine previsto a regime dalla legge, in realtà, è il 30 giugno dell’anno successivo a quello di conclusione del contratto, ma, per il 2017, si è deciso di concedere più tempo ai soggetti interessati perché le specifiche tecniche da utilizzare per l’invio telematico sono state rese disponibili il 12 giugno, quindi a pochi giorni dalla scadenza “ordinaria” (cfr provvedimento 20 giugno 2018 e “Comunicazioni locazioni brevi 2017: scadenza prorogata al 20 agosto”).
 
Si ricorda che per locazioni brevi si intendono i contratti di locazione di immobili a uso abitativo di durata non superiore a 30 giorni (inclusi quelli che prevedono la prestazione dei servizi di fornitura di biancheria e di pulizia dei locali) stipulati da persone fisiche al di fuori dell’esercizio di attività d’impresa, direttamente o tramite soggetti che esercitano attività di intermediazione immobiliare, ovvero soggetti che gestiscono portali telematici, mettendo in contatto persone in cerca di un immobile con persone che dispongono di unità immobiliari da locare.
 
Sul regime fiscale delle locazioni brevi, vedi: articolo 4, Dl 50/2017, circolare 24/E del 12 ottobre 2017, “Regime delle locazioni brevi: arriva la circolare esplicativa”, nonché la guida, il video e le slide disponibili sul sito dell’Agenzia delle entrate.
 
Chi deve trasmettere la comunicazione
Obbligati a trasmettere la comunicazione sono i soggetti che esercitano attività di intermediazione immobiliare, nonché quelli che gestiscono portali telematici, mettendo in contatto persone in ricerca di un immobile con persone che dispongono di unità immobiliari da locare.
Tuttavia, non tutti gli intermediari che favoriscono l’incontro tra domanda e offerta di locazione sono tenuti all’invio dei dati; obbligati, infatti, sono soltanto coloro che, oltre a tale attività, forniscono anche un supporto professionale o tecnico informatico nella fase del perfezionamento dell’accordo. In altri termini, l’intermediario deve trasmettere la comunicazione se il conduttore ha accettato la proposta di locazione tramite l’intermediario stesso oppure ha aderito all’offerta di locazione attraverso la piattaforma on line. Invece, se il locatore si avvale dell’intermediario solo per formulare la proposta di locazione, ma poi il conduttore comunica l’accettazione direttamente al locatore, l’intermediario non è tenuto a comunicare i dati; in questo caso, infatti, egli ha solo contribuito a mettere in contatto le parti, rimanendo estraneo alla conclusione dell’accordo (cfr circolare 24/E, paragrafo 2.2.1).
 
Quali dati trasmettere
I dati che devono essere comunicati, individuati con il provvedimento 12 luglio 2017, sono i seguenti:
  • nome, cognome e codice fiscale del locatore
  • durata del contratto
  • importo del corrispettivo lordo
  • indirizzo dell’immobile.
Come va trasmessa la comunicazione
I dati devono essere predisposti e trasmessi attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle entrate, utilizzando i software di compilazione e di controllo (nonché le relative specifiche tecniche) predisposti dall’Agenzia delle entrate.
Per i contratti relativi allo stesso immobile e stipulati dal medesimo locatore, la comunicazione può essere effettuata anche in forma aggregata.
 
La comunicazione deve essere inviata sia dagli intermediari residenti in Italia sia da quelli non residenti. Questi ultimi:
  • se in possesso di una stabile organizzazione in Italia, adempiono all’obbligo attraverso la stabile organizzazione
  • se, invece, privi di stabile organizzazione, si avvalgono di un rappresentante fiscale, in qualità di responsabile d’imposta (individuato tra i soggetti indicati nell’articolo 23, Dpr 600/1973), che provvede anche alla richiesta di attribuzione del codice fiscale dei soggetti rappresentati qualora non ne siano in possesso.
Recesso dal contratto di locazione
In caso di recesso dal contratto di locazione breve, gli intermediari non sono tenuti a trasmettere i dati del contratto. Se il recesso si verifica dopo l’invio, l’intermediario deve rettificare la comunicazione.
 
Mancata trasmissione: le sanzioni
In caso di omessa, incompleta o infedele comunicazione dei dati, si applica la sanzione da 250 a 2mila euro, ridotta alla metà se la trasmissione è effettuata entro i quindici giorni successivi alla scadenza ovvero se, nello stesso termine, vengono trasmessi i dati corretti.
Non è sanzionabile la incompleta o errata comunicazione dei dati del contratto, se causata dal comportamento del locatore.
 
Gennaro Napolitano
pubblicato Venerdì 17 Agosto 2018

I più letti

immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Nei confronti di chi versa l’imposta, con riferimento all’anno in cui avviene la cessione del prodotto non si applica la ritenuta del 23% ordinariamente prevista sul 78% dei corrispettivi
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
Hanno valenza fiscale e previdenziale e possono essere applicate esclusivamente ai settori produttivi indicati nelle tabelle allegate al decreto ministeriale che le ha determinate
Il trasferimento è efficace ai fini fiscali solo in presenza della successiva indicazione in dichiarazione, della conseguente richiesta di rimborso e della notifica dell’atto
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
fatture elettroniche
Per quelle emesse in ciascun trimestre solare, l’imposta deve essere versata entro il giorno 20 del primo mese successivo; l’importo dovuto è reso noto dall’Agenzia delle entrate
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino