Attualità
Contributi Inps per colf e badanti.
In arrivo la prima scadenza 2010
È alle porte sabato 10 aprile, ultimo giorno utile per pagare le somme relative al trimestre gennaio/marzo
Contributi Inps per colf e badanti.| In arrivo la prima scadenza 2010
Pochi giorni ancora per non saltare la rata che tiene a battesimo il pagamento dei contributi previdenziali 2010, dovuti per i lavoratori domestici. Il periodo di riferimento è il trimestre gennaio/marzo. L’ultima data utile è sabato 10 aprile.

Gli appuntamenti annuali da tenere in calendario a questo proposito sono in tutto 4:
► 1-10 aprile, per il primo trimestre
► 1-10 luglio, per il secondo trimestre
► 1-10 ottobre, per il terzo trimestre
► 1-10 gennaio, per il quarto trimestre.

Si tratta, in pratica, di somme utilizzate da Inps e Inail per liquidare la pensione, l’indennità di maternità e di disoccupazione, gli assegni familiari e altre forme di tutela assistenziale a favore di questa particolare categoria di lavoratori dipendenti che, secondo le diverse necessità, affiancano le famiglie - ma anche comunità religiose o caserme, orfanotrofi e ricoveri per anziani - con la loro attività, essenzialmente assistenziale, in modo continuativo. Per essere più chiari, parliamo di colf, badanti o baby sitter, governanti, camerieri, cuochi e altro personale che spesso ci troviamo accanto nelle nostre case.

Il calcolo
Per sapere quanto pagare è disponibile sul sito dell’Inps un pratico simulatore di calcolo; in ogni caso, l’operazione non è difficile, si tratta semplicemente di moltiplicare il contributo orario per tutti i giorni comunque retribuiti, ciò significa comprese le ore di assenza per malattia, ferie, festività infrasettimanali, congedo eccetera, per le quali il datore continua a corrispondere una retribuzione.
Se l’orario di lavoro non supera le 24 ore a settimana, il contributo orario è commisurato a tre diverse fasce di retribuzione; se l’orario di lavoro è di almeno 25 ore settimanali, il contributo è fisso per tutte le ore retribuite.
Ecco la tabella predisposta dall’Inps per calcolare la somma da versare:
 
Retribuzione effettiva oraria
Importo contributo orario
 
con quota assegni familiari
senza quota assegni familiari
Fino a euro 7,22
€ 1,34 (0,32)*
€ 1,34 (0,32)**
Oltre € 7,22 e fino a € 8,81
€ 1,51 (0,36)*
€ 1,51 (0,36)**
Oltre € 8,81
€ 1,85 (0,44)*
€ 1,84 (0,44)**
Lavoro superiore a 24 ore settimanali***
€ 0,98 (0,23)*
€ 0,97 (0,23)**

*La cifra tra parentesi è la quota a carico del lavoratore.
** Il contributo senza la quota degli assegni familiari è dovuto quando il lavoratore è coniuge del datore di lavoro oppure è parente o affine entro il terzo grado e convive con il datore di lavoro.
*** Gli importi contributivi della quarta fascia sono indipendenti dalla retribuzione oraria corrisposta, si riferiscono ai servizi domestici effettuati presso uno stesso datore di lavoro con un minimo di 25 ore settimanali e vanno applicati sin dalla prima delle ore lavorate nel corso della settimana.

Confrontando le quote contributive dovute per l’anno 2010, si nota un lieve aumento rispetto al 2009. Le fasce retributive hanno infatti subito una modesta variazione in base alle rilevazioni effettuate dall’Istat.

Come pagare
In realtà, soltanto in alcuni casi occorre procedere al calcolo dell’importo da versare perché, in via ordinaria, è l’Inps stessa a inviare i bollettini precompilati a casa del datore di lavoro: automaticamente all’inizio del rapporto, dopo la denuncia di assunzione, su richiesta in seguito.
I pagamenti possono essere effettuati presso gli uffici postali, le banche e, grazie al circuito “Reti Amiche”, anche in qualsiasi ricevitoria o tabaccheria convenzionata con la Lottomatica.
Possibile, inoltre, il pagamento via web attraverso la procedura “Pagamento online contributi lavoratori domestici” predisposta dall’Istituto di previdenza, accessibile dopo il preventivo rilascio di un Pin.

Agevolazioni fiscali
Sul fronte fisco, va bene forse ricordare che chi dà lavoro a una colf o una badante ha diritto ad alcuni sconti d’imposta:
  • i contributi previdenziali e assistenziali versati per i lavoratori domestici possono essere dedotti dal reddito fino a un importo massimo di 1.549,37 euro l’anno
  • le spese sostenute per la badante, per un importo massimo di 2.100 euro l’anno, valgono una detrazione dall’imposta lorda pari al 19%. Usufruiscono dell’agevolazione i soggetti non autosufficienti assistiti dal collaboratore o i familiari che sostengono il costo, a condizione che il reddito complessivo non superi i 40mila euro.
Anna Maria Badiali
pubblicato Giovedì 8 Aprile 2010

I più letti

postino e posta elettronica certificata
Altra tornata di comunicazioni dell'amministrazione finanziaria per evidenziare possibili errori nei redditi dichiarati e consentire ai cittadini di rimediare o dialogare prima dell’accertamento
In GU, la legge in materia di assistenza in favore delle persone con gravi disabilità e prive del sostegno familiare. Agevolazioni dal 2017, quelle in tema di deducibilità già nel 2016
La “scissione dei pagamenti” aveva determinato problemi di liquidità, solo in parte attenuati dalla possibilità di chiedere il rimborso dell’eccedenza Iva in via prioritaria
Con il primo dovranno riversare all’erario le somme riscosse per l’abbonamento alla televisione, con il secondo potranno recuperare gli eventuali rimborsi effettuati ai clienti
Per escludere ogni profilo di negligenza, bisogna provare di aver controllato l’operato del consulente o di essere stato vittima di un comportamento fraudolento da parte sua
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
postino e posta elettronica certificata
Altra tornata di comunicazioni dell'amministrazione finanziaria per evidenziare possibili errori nei redditi dichiarati e consentire ai cittadini di rimediare o dialogare prima dell’accertamento
immagine di postino con busta in mano
La regolamentazione positiva delle due modalità di invio previste presenta punti di contatto, ma anche alcune differenze, che generano anche vivaci dibattiti interpretativi
Corretto considerarla “plusvalenza” e legittimo, quindi, l’avviso di accertamento dell’ufficio. Né è annullabile la sentenza d’appello perché “fotocopia” di quella della commissione provinciale
La “scissione dei pagamenti” aveva determinato problemi di liquidità, solo in parte attenuati dalla possibilità di chiedere il rimborso dell’eccedenza Iva in via prioritaria
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
Firmato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri che posticipa il termine per versare le imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi, anche unificata, e da quella Irap
bandiera giappone
Dal 2011 sono state introdotte alcune novità di rilievo nel sistema tributario a seguito di un processo di riforma