Attualità
Contributi Inps per colf e badanti.
Gli importi dovuti per il 2010
Nella circolare n. 11 dell'ente previdenziale, le nuove tabelle con le quote da versare per il lavoro domestico
Contributi Inps per colf e badanti.| Gli importi dovuti per il 2010
Pubblicati, nella circolare Inps n. 11 del 28 gennaio, i contributi per colf e badanti in vigore dal 1° gennaio 2010. Gli importi sono stati aggiornati alle nuove fasce di retribuzione, rilevate dalla variazione annuale Istat sui consumi che, tra il 2008 e il 2009, è risultata dello 0,7 per cento. Modesto l'aumento dell'importo contributivo che, ad esempio, nella prima fascia di retribuzione oraria (fino a 7,22 euro l'ora) registra un +0,01% rispetto al 2009.
Nella tabella, i nuovi importi che decorrono dal 1° gennaio al 31 dicembre 2010. Si ricorda che quando il lavoratore è coniuge del datore di lavoro oppure è parente o affine entro il terzo grado nonché convivente, il contributo è dovuto senza la quota degli assegni familiari.

Retribuzione effettiva oraria
Importo contributo orario
      con quota assegni familiari     senza quota assegni familiari
Fino a euro 7,22     € 1,34 (0,32)*     € 1,34 (0,32)*
Oltre € 7,22 e fino a € 8,81     € 1,51 (0,36)*     € 1,51 (0,36)*
Oltre € 8,81     € 1,85 (0,44)*     € 1,84 (0,44)*
Lavoro superiore a 24 ore settimanali     € 0,98 (0,23)*     € 0,97 (0,23)*

*la cifra tra parentesi è la quota a carico del lavoratore.

La circolare dell'Inps riporta inoltre, per il medesimo periodo, la tabella con i coefficienti di ripartizione delle quote versate.

I datori di lavoro possono dedurre dal proprio reddito la parte dei contributi previdenziali e assistenziali (rimasta a loro carico) versati per i lavoratori domestici, per un massimo di 1.549,37 euro annui. Per fruire dell'agevolazione fiscale in sede di dichiarazione dei redditi, è necessario conservare i bollettini Inps dei versamenti.

I contributi si pagano ogni trimestre alle seguenti scadenze:

  • dal 1° al 10 aprile per il 1° trimestre
  • dal 1° al 10 luglio per il 2° trimestre
  • dal 1° al 10 ottobre per il 3° trimestre
  • dal 1° al 10 gennaio per il 4° trimestre.

Il versamento può essere effettuato presso gli uffici postali, le tabaccherie o tramite il servizio telematico dell'Inps "Pagamento online contributi lavoratori domestici", all'interno dei "Servizi on line" del sito.

Patrizia De Juliis
pubblicato Venerdì 29 Gennaio 2010

I più letti

testo alternativo per immagine
La scadenza riguarda anche i finanziamenti e le capitalizzazioni effettuate a favore dell’impresa, ma soltanto se di importo complessivo non inferiore a 3.600 euro
pacco dono con banconote
Legittima nel primo caso se sussistono i presupposti, cioè se il contribuente fornisce la prova dell’inerenza all’attività svolta; va invece esclusa nel secondo caso
immagine
Fornendo le coordinate bancarie si accorciano i tempi per la restituzione delle somme a credito che arrivano al beneficiario in maniera più celere e sicura. L’appello è via Pec
testo alternativo per immagine
Sconti anche sui contributi obbligatori assicurativi e previdenziali. In un unico decreto il meccanismo che regola gli incentivi a favore del reinserimento dei condannati
testo alternativo per immagine
Il rapporto evidenzia meno abitazioni ultrapopolari e rurali, più villini e abitazioni civili e signorili; più uffici e studi privati, meno officine e laboratori per arti e mestieri
testo alternativo per immagine
La scadenza riguarda anche i finanziamenti e le capitalizzazioni effettuate a favore dell’impresa, ma soltanto se di importo complessivo non inferiore a 3.600 euro
pacco dono con banconote
Legittima nel primo caso se sussistono i presupposti, cioè se il contribuente fornisce la prova dell’inerenza all’attività svolta; va invece esclusa nel secondo caso
mela
Sul sito dell’Agenzia disponibile, inoltre, il pacchetto informatico che consente di verificare che i file predisposti siano conformi ai criteri necessari per terminare la procedura
vignetta
La spesa, detraibile al 19%, può essere documentata con fattura o ricevuta fiscale, ma sono validi anche il bollettino bancario o postale o la quietanza di pagamento
pagina sito Mise
Quando l’Amministrazione finanziaria può procurarsi direttamente i “recapiti”, l’adempimento informativo diventa superfluo. Questo, nell’ottica della semplificazione
testo alternativo per immagine
Le modalità di presentazione via web della delega di pagamento unificato. La versione cartacea sopravvivrà per i versamenti di importi esigui e in qualche ipotesi residua
testo alternativo per immagine
Online, in bozza, il modello che i sostituti d’imposta dovranno utilizzare, dal 2015, per comunicare i dati riguardanti le somme corrisposte nel periodo d’imposta precedente
testo alternativo per immagine
Tutto sull’ok del professionista, tenuto a verificare la corrispondenza fra dichiarazione e scritture contabili anche quando il dare-avere si riferisce a imposte sui redditi e Irap
pagina sito Mise
Quando l’Amministrazione finanziaria può procurarsi direttamente i “recapiti”, l’adempimento informativo diventa superfluo. Questo, nell’ottica della semplificazione
Occhio ai paragrafi sui contratti di cash pooling, in particolare a quelli che espongono le regole di contabilizzazione della gestione accentrata della tesoreria di gruppo