Attualità
Controversie di lavoro: geografia nazionale delle cause avviate nel 2003
Dalle ultime rilevazioni ufficiali dell'Istat, uno spaccato sui procedimenti in materia


Nel 2003 sono stati 451.398 i nuovi processi in materia di lavoro, di cui 288.639 riguardano l'assistenza e la previdenza e 162.759 il rapporto di lavoro vero e proprio, in media nazionale durano non meno di due anni, ma possono sfiorare i tre se il contendere è la previdenza o l'assistenza, se poi si va in Piemonte la durata media è di otto mesi, mentre in Calabria o in Puglia si superano i tre anni. In quasi la metà dei casi, il ricorrente è una donna.

E' questo lo spaccato che emerge dalle ultime rilevazioni ufficiali dell'Istat nel campo dei procedimenti in materia di lavoro che riguarda appunto l'anno 2003.
I dati rielaborati e confrontati con altre rilevazioni ufficiali dell'Istat, quali i lavoratori occupati nello stesso anno, offrono poi chiavi di lettura ulteriormente interessanti: c'è un procedimento ogni 54 lavoratori circa, con picchi che riguardano l'Italia meridionale (in Puglia c'è una causa ogni 14 lavoratori, in Campania 16, in Calabria ogni 17 occupati) e, dall'altra parte, le regioni dell'Italia settentrionale (in Trentino Alto Adige c'è di media un processo ogni 432 lavoratori).
Ma entriamo nel dettaglio delle informazioni Istat e delle rielaborazioni effettuate.

La situazione del 2003
Le cause in materia di lavoro vengono suddivise in due settori: 1) controversie di lavoro, 2) liti in materia assistenziale e previdenziale.
Il maggiore incremento di procedimenti si è registrato in Campania, ben 113.878. Nella sola provincia di Caserta (circondario del tribunale di Santa Maria Capua Vetere), i nuovi processi relativi al rapporto di lavoro sono stati di poco superiori a quelli dell'intera ragione Veneto (4.868 contro 4.808) e, se si sommano anche quelli relativi agli aspetti previdenziali e assistenziali, i procedimenti del casertano sono pari a quelli della Lombardia e del Veneto insieme.

Le regioni che presentano un maggior numero di nuove cause in materia di rapporto di lavoro (tab.1) sono:

Campania31.724
Lazio23.973
Lombardia16.001
Sicilia15.468
Puglia14.316


Per quanto concerne invece le province, abbiamo:
Roma19.707
Napoli19.289
Milano10.255
Torino9.762
Bari6.736
Cosenza5.201


Presentano il più basso numero di nuovi processi nel 2003 le seguenti regioni:
Valle d'Aosta143
Trentino Alto Adige724
Molise988


Per quanto concerne invece le province, abbiamo:
Sondrio122
Belluno129
Aosta143
Verbania135
Nuoro156


Aggiungendo invece le cause anche in materia assistenziale e previdenziale, le regioni con maggiori procedimenti sono:
Campania113.878
Puglia94.280
Lazio49.945
Sicilia49.239
Calabria36.824


E le province:
Napoli62.655
Bari52.596
Roma38.235
Caserta27.955


Il rapporto tra occupati e cause di lavoro
Un importante elemento che si è pensato di introdurre è stato quello del numero di occupati secondo le stime Istat nelle varie province italiane (ovviamente il riferimento è sempre al 2003). Tale dato appare una scriminante significativa, in quanto è verosimile che vi sia un legame tra i potenziali ricorrenti in cause di rapporto di lavoro e gli occupati di quella zona. Avendo riguardo alle province e alle sole nuove cause in materia di lavoro (con esclusione di quelle relative all'assistenza e alla previdenza), il rapporto più alto (tab.2), sintomatico di un basso livello di "litigiosità", viene conseguito da:

ProvinciaMedia tra lavoratori occupati e processi
Modena865,15
Trento781,49
Belluno767,44
Piacenza740,49
Forlì733,59
Media Nazionale149,14


RegioneMedia tra lavoratori occupati e processi
Trentino Alto Adige639,36
Emilia Romagna543,13
Veneto447,52
Valle d'Aosta413,99
Friuli Venezia Giulia351,76
Media nazionale149,14


Chi presenta invece un più alto quoziente tra occupati e processi (verosimilmente sintomatico di un alto livello di litigiosità) sono:

RegioneMedia tra lavoratori occupati e processi
Calabria46,08
Campania58,33
Puglia94,31
Sicilia98,33
Media nazionale149,14


ProvinciaMedia tra lavoratori occupati e processi
Crotone28,36
Reggio Calabria36,70
Enna45,97
Cosenza46,53
Media nazionale149,14


Avendo riguardo, invece, a tutti i processi in materia lavoro (comprensivi quindi anche di quelli attinenti l'assistenza e la previdenza), i migliori quozienti si rinvengono (tab.3) nelle seguenti regioni e province:

RegioneMedia tra lavoratori occupati e processi
Trentino432,21
Valle d'Aosta293,07
Veneto278,03
Emilia Romagna252,91
Media nazionale53,77


ProvinciaMedia tra lavoratori occupati e processi
Trento526,62
Treviso464,48
Como457,73
Belluno447,96
Media nazionale53,77


Al contrario, un basso numero di occupati per ogni causa si presenta invece in:

ProvinciaMedia tra lavoratori occupati e processi
Caserta9,05
Bari10,56
Reggio Calabria11,81
Crotone12,93
Media nazionale53,77


RegioneMedia tra lavoratori occupati e processi
Puglia14,32
Campania16,25
Calabria17,62
Basilicata 23,03
Sicilia35,42
Media nazionale53,77


Alcune curiosità
Dall'esame dei dati emergono alcune situazioni particolari: i nuovi processi instaurati nel 2003 nella sola provincia di Napoli sono pari a tutti quelli intrapresi complessivamente in Lombardia, Liguria, Piemonte, Emilia Romagna e Veneto; nella provincia di Taranto sono stati iniziati più procedimenti di tutta l'Emilia Romagna o del Veneto; nella provincia di Vibo Valentia sono iniziate più cause dell'intero Friuli.
A parità quasi di occupati nelle province di Cosenza, Udine e Bolzano, a Cosenza sono iniziati 11.141 nuovi processi, mentre a Udine 707 e a Bolzano 654.

Le caratteristiche dei ricorrenti
Ogni 2,6 processi su cento, secondo la media nazionale, il ricorrente è più di 1 (tab.4).
La regione che presenta una maggiore percentuale di processi con più di un ricorrente è la Basilicata, con quasi il 45% dei processi (come dire: L'unione fa la forza...), seguono Emilia Romagna (7,5%) e Valle d'Aosta (6,8%). Sono invece assolutamente per le azioni individuali il Lazio (0,4%), la Puglia (0,6%) e la Sardegna (1,1%).
Le donne invece sono le ricorrenti nel 54% delle cause in Basilicata, nel 52,1% in Calabria e nel 49,8% nel Lazio. Le regioni che presentano invece una percentuale più bassa di ricorrenti donne sono il Piemonte, il Trentino e la Valle d'Aosta.
Passando all'età, a fronte di una media nazionale pari a 45 anni (Cause lavoro) e ai 56 anni (assistenza e previdenza), la situazione è la seguente:

Cause lavoro, i più anziani ricorrenti
RegioneEtà
Basilicata54
Calabria52,1
Lazio49,8
Media nazionale45


Cause lavoro, i più giovani ricorrenti
RegioneEtà
Lombardia40
Veneto41
Toscana41
Media nazionale45


Cause assistenza e previdenza, i più anziani ricorrenti
RegioneEtà
Liguria61
Toscana61
Umbria61
Marche61
Media nazionale56


Cause assistenza e previdenza, i più giovani ricorrenti
RegioneEtà
Calabria53
Puglia54
Basilicata55
Campania55
Veneto55
Media nazionale56


La durata dei processi in primo grado nel 2003
La durata (tab.4) varia a seconda delle regioni: in materia di rapporto di lavoro, si passa dagli otto mesi circa del Piemonte agli oltre tre anni di Puglia, Calabria e Abruzzo; la media nazionale è di circa 2 anni e 4 mesi.
Sono in media, invece, più lunghi i processi in materia di assistenza e previdenza: si passa dagli 11 mesi circa della Valle d'Aosta ai quasi 3 anni e 9 mesi della Calabria.

Rosanna Acierno
pubblicato Sabato 4 Febbraio 2006

I più letti

Nella corrispondenza, che contiene il logo dell'Agenzia delle entrate, si comunica il riconoscimento di un rimborso fiscale, per ottenere il quale bisogna scaricare un modulo allegato
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
immagine generica con mappa del globo
Tra le modifiche più rilevanti si segnala l'introduzione del concetto di significativa e continuativa presenza economica quale indice della sussistenza di una permanent establishment
Diventa definitiva la proroga dei termini per la ripresa dei versamenti di imposte, contributi e canone tv prevista a favore delle popolazioni di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria
Le sole opere di urbanizzazione non sono sufficienti a garantire, all’acquirente originario, la riduzione dei tributi sui trasferimenti di terreni, previsti dalla legge finanziaria 2001
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il provvedimento, assegnato alle Commissioni riunite Finanze e Lavoro della Camera dei deputati, inizierà subito l'iter parlamentare per la sua conversione in legge
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Il Mef ha stabilito gli importi delle deduzioni forfettarie e la misura del recupero del contributo al Ssn; dall’Agenzia arrivano le indicazioni per la loro esposizione nel modello Redditi
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
Modifica del redditometro, rinvio al 28 febbraio 2019 del termine entro cui trasmettere lo spesometro relativo al terzo trimestre 2018, abolizione dello split payment per i professionisti
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino