Attualità
Dalla carta al digitale: l’evoluzione
della dichiarazione di successione
Domani, cerimonia d’inaugurazione della mostra storico-documentaria con il direttore dell’Archivio di Stato di Roma Buonora, il vice ministro Mef Casero e il direttore Entrate Orlandi
Dalla carta al digitale: l’evoluzione|della dichiarazione di successione
Domani, mercoledì 15 febbraio, sarà inaugurata la mostra storico-documentaria “Chiamati all’eredità. Dalla carta al digitale. L’evoluzione della dichiarazione di successione”, allestita presso la sede del Palazzo della sapienza, Biblioteca alessandrina dell’Archivio di Stato di Roma, e realizzata dall’Agenzia in collaborazione con il Consiglio nazionale del notariato e l’Archivio di Stato di Roma, con il patrocinio del ministero dell’Economia e delle Finanze e del ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo.
L’evento culturale è nato nell’ambito dell’avvio della nuova dichiarazione telematica di successione e domanda di volture catastali, il cui modello è stato approvato con provvedimento del 27 dicembre 2016, ed è finalizzato a tracciare l’evoluzione nel tempo della dichiarazione di successione.
 
Alla cerimonia d’inaugurazione, ad aprire i lavori, il direttore dell’Archivio di Stato di Roma, Paolo Buonora, il vice ministro dell’Economia e delle Finanze, Luigi Casero, il direttore dell’Agenzia, Rossella Orlandi. A seguire, gli interventi del consigliere del Consiglio nazionale del notariato, Roberto Martino, e del presidente del Consiglio nazionale dei geometri, Maurizio Savoncelli.
 
La mostra avrà libero accesso fino al 15 marzo 2017, dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 17.30.
 
Un’esperienza importante sotto più punti di vista
L’iniziativa ha permesso di approfondire il nostro patrimonio documentario, abbracciando diversi momenti significativi, dalla ricerca storica delle fonti in archivi di diverse istituzioni italiane all’analisi approfondita delle norme e dell’imposta.
Risultato di tale studio è un percorso documentario che, arricchito anche da una guida gratuita con un’introduzione in tre lingue (italiano, inglese, francese) e da due filmati sul percorso documentario e sul nuovo modello telematico di dichiarazione di successione, illustrerà la storia dell’imposta di successione dall’antichità a oggi, proponendo un iter evolutivo che, grazie alla combinazione di documenti d’epoca, testamenti, mappe e strumenti di rilevazione, ne ripercorrerà le tappe fondamentali nel corso delle differenti epoche. Sarà fornita una vasta panoramica dell’adempimento tributario durante un lungo lasso di tempo.
 
Scopo cardine dell’evento sarà diffondere fra il grande pubblico la comprensione di un’imposta quanto mai articolata, attraverso rimandi a fonti storiche e a una ricca selezione di dichiarazioni di successione, disposizioni testamentarie e oggetti scientifici rappresentativi.
L’analisi della disciplina, comunque, non mancherà di incuriosire anche gli specialisti della materia, mettendo in luce i caratteri peculiari che il tributo ha assunto negli anni nelle sue diverse forme e ripercussioni.

Disponibile on line il catalogo della mostra.
Cristiana Carta
pubblicato Martedì 14 Febbraio 2017

I più letti

L’accesso è consentito a coloro che non sono stati fiscalmente residenti in Italia in almeno nove dei dieci periodi d’imposta precedenti l’inizio del periodo di validità dell’opzione
Le imprese e i professionisti che hanno dichiarato un volume d’affari inferiore rispetto ai dati comunicati dai propri clienti potranno regolarizzare tramite ravvedimento operoso
Confermata l’esclusione per amministrazioni pubbliche e autonome. Chi ha già trasmesso i dati al Sistema tessera sanitaria, non è tenuto a inviare di nuovo quelle stesse informazioni
Ispezioni e visure sono a costo zero solo se a richiederle è un intestatario del bene, mentre hanno un costo le “indagini” eseguite su immobili di cui sono titolari altri soggetti
immagine generica illustrativa con una calcolatrice che indica "zero"
La presunzione di cessione in nero opera, inoltre, anche con differenze inventariali negative minime, non vigendo una soglia minima del potere accertativo da parte del Fisco
L’importo base su cui commisurare la riduzione è quantitativamente determinata in maniera diversa a seconda dell’arco temporale in cui la violazione viene regolarizzata
L’accesso è consentito a coloro che non sono stati fiscalmente residenti in Italia in almeno nove dei dieci periodi d’imposta precedenti l’inizio del periodo di validità dell’opzione
La comunicazione va presentata in via telematica, entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo a ogni trimestre, direttamente dal contribuente o tramite intermediari abilitati
Il legislatore nazionale, adeguandosi alla normativa europea, ha previsto regole speciali di applicazione del tributo per evitare fenomeni di doppia o reiterata imposizione
Confermata l’esclusione per amministrazioni pubbliche e autonome. Chi ha già trasmesso i dati al Sistema tessera sanitaria, non è tenuto a inviare di nuovo quelle stesse informazioni
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
L’importo base su cui commisurare la riduzione è quantitativamente determinata in maniera diversa a seconda dell’arco temporale in cui la violazione viene regolarizzata
immagine parziale della copertina della guida
Tutte le novità sulle detrazioni spettanti quando si fanno lavori dentro casa o sulle parti comuni condominiali. Nuove regole per gli interventi antisismici fiscalmente agevolati
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
immagine generica illustrativa
Pubblicata la circolare delle Entrate che fornisce importanti precisazioni e indicazioni operative sulla disciplina della definizione agevolata introdotta dal Dl 193/2016
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino