Attualità
Decreti ingiuntivi esecutivi La revoca cancella l’imposta di registro proporzionale
Il tutto se la sentenza del giudizio di opposizione interviene prima che l’ufficio abbia proceduto alla liquidazione e alla notifica alle parti dell’avviso di pagamento
_1197.jpg

Con la risoluzione n. 122/E del 7 novembre 2006, l’Agenzia delle entrate ha precisato il corretto trattamento ai fini dell’imposta di registro dei decreti ingiuntivi esecutivi revocati in sede di giudizio di opposizione, a norma dell’articolo 645 del Codice di procedura civile.
I decreti ingiuntivi esecutivi sono soggetti all’imposta di registro ai sensi dell’articolo 37 del Testo unico dell’imposta di registro, approvato con Dpr n. 131 del 26 aprile 1986, anche qualora al momento della registrazione siano stati impugnati o siano ancora impugnabili. E’ previsto, però, che sia operato il conguaglio della maggior imposta dovuta, o sia disposto il rimborso di quanto pagato in più, in base alla successiva sentenza passata in giudicato.

L’opposizione al decreto ingiuntivo, presentata dal soggetto “ingiunto”, instaura un procedimento ordinario dinanzi al giudice adito, seppur con i termini procedurali ridotti alla metà, in seguito al quale viene emessa una sentenza che conferma il decreto ingiuntivo oppure lo revoca.
L’imposta versata per la registrazione del decreto ingiuntivo, in termine fisso ex articolo 8 della tariffa, parte I, allegata al citato Testo unico del registro, è considerata, dunque, pagata a titolo provvisorio, secondo l’interpretazione data dall’Agenzia delle entrate con la risoluzione in commento, fino al passaggio in giudicato della sentenza che decide sull’opposizione al decreto stesso.

L’articolo 13 del medesimo Testo unico, relativo ai termini per la richiesta di registrazione, prevede che i cancellieri richiedano la registrazione dei decreti ingiuntivi entro cinque giorni da quello in cui il decreto è stato pubblicato. La registrazione è, poi, eseguita, previo pagamento dell’imposta liquidata dall’ufficio dell’Agenzia delle entrate competente per territorio, indicando come data quella in cui è stata richiesta, come previsto dall’articolo 16 del Dpr n. 131/86. La riscossione dell’imposta avviene mediante invio di apposito avviso di liquidazione alle parti in causa, che devono provvedere al versamento entro sessanta giorni dall’invito, ai sensi dell’articolo 54 dello stesso Testo unico.

Alla luce della normativa vigente, l’Agenzia delle entrate ha ritenuto opportuno sottolineare che il presupposto impositivo, ai fini dell’imposta di registro, si realizza per il semplice fatto che il decreto ingiuntivo sia munito del visto di esecutività, come affermato anche dalla Corte di cassazione con sentenza n. 11663 del 17 settembre 2001, senza che acquisti rilevanza la circostanza che il decreto sia realmente portato a esecuzione, cosa che non avviene quando è presentata opposizione al decreto stesso.
Solo quando il giudizio di opposizione è terminato, l’ufficio può procedere a calcolare la tassazione definitiva che può determinare il diritto al rimborso o l’obbligo di un conguaglio in capo al contribuente.

La fattispecie, oggetto dell’interpello da cui è scaturita la risoluzione in esame, si verifica quando tra il decreto ingiuntivo e la liquidazione della relativa imposta proporzionale, intercorre un lasso di tempo superiore a quello in cui è deciso con sentenza il giudizio di opposizione.
Pertanto, pur considerando che il decreto e la sentenza sono due atti giudiziari entrambi soggetti a registrazione, l’eventuale sentenza che revoca il decreto comporta, secondo l’Agenzia, il venir meno dell’obbligazione tributaria relativa alla registrazione con imposta proporzionale del decreto ingiuntivo.

In tal caso, se la sentenza è intervenuta prima che l’ufficio delle Entrate abbia liquidato l’imposta e abbia notificato, a norma dell’articolo 52 del Dpr n. 131/86, alle parti in giudizio l’avviso di pagamento, queste ultime sono liberate dal pagamento dell’imposta proporzionale, dovendo, perciò, versare solo l’imposta dovuta in misura fissa, pari a 168 euro per la registrazione di ciascun atto giudiziario emanato, decreto e sentenza, ai sensi degli articoli 37 e 41 del Testo unico sul registro.

Annamaria Crisconio
pubblicato Venerdì 10 Novembre 2006

I più letti

testo alternativo per immagine
Raccolti in un unico documento di prassi, i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate su varie questioni interpretative in materia di Irpef prospettate dai Caf e da altri soggetti
immagine generica
Le Amministrazioni pubbliche, tenute a versare l'Iva, invece che al fornitore, direttamente all'erario, possono anche utilizzare l'importo dovuto in compensazione verticale
immagine
Ad affermarlo, sono le prime pronunce delle Commissioni tributarie provinciali chiamate a decidere sulle controversie in materia dopo la sentenza della Corte costituzionale
immagine
Disponibili per tutti i comuni italiani, consentono di avere un’indicazione di massima del valore degli immobili nel settore residenziale, commerciale, terziario e produttivo
testo alternativo per immagine
Tra le operazioni escluse, quelle a cui si applicano regimi speciali che prevedono sì l’addebito Iva in fattura, ma si distinguono per la determinazione forfetaria della detrazione
testo alternativo per immagine
Raccolti in un unico documento di prassi, i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate su varie questioni interpretative in materia di Irpef prospettate dai Caf e da altri soggetti
immagine
Ad affermarlo, sono le prime pronunce delle Commissioni tributarie provinciali chiamate a decidere sulle controversie in materia dopo la sentenza della Corte costituzionale
immagine generica
Le Amministrazioni pubbliche, tenute a versare l'Iva, invece che al fornitore, direttamente all'erario, possono anche utilizzare l'importo dovuto in compensazione verticale
testo alternativo per immagine
Tra le operazioni escluse, quelle a cui si applicano regimi speciali che prevedono sì l’addebito Iva in fattura, ma si distinguono per la determinazione forfetaria della detrazione
immagine
Anche se con modalità applicative differenti rispetto a quelle nazionali, la scissione dei pagamenti è uno dei modelli esaminati dalla Commissione europea contro le frodi
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
immagine
Sono escluse dall’applicazione del meccanismo le attività di pulizia specializzata di impianti e macchinari industriali, in quanto questi strumenti non rientrano nella nozione di edifici
faq
Chiarimenti su operazioni con soggetti residenti in Paesi della black list, caselle “Autofattura” e “reverse charge”, fatture emesse registrate tra i corrispettivi. E altro ancora
logo del modello di dichiarazione Unico SC 2015, anno d'imposta 2014
Previste due nuove colonne, una per l'incremento della società quotata, l'altra per sfruttare in diminuzione del tributo regionale la quota di agevolazione non utilizzata per il reddito del periodo
carte di credito e lucchetto
I due particolari meccanismi puntano a prevenire fenomeni evasivi in settori economici considerati particolarmente "a rischio" e a garantire il versamento dell'imposta all'erario