Attualità
Denuncia cumulativa fondi rustici,
ultima chiamata il 29 febbraio
L’appuntamento riguarda coloro che hanno scelto di assolvere, in un’unica soluzione, all’obbligo della registrazione dei contratti di affitto stipulati lo scorso anno
megafono
I titolari di contratti di affitto di fondi rustici in essere nel 2015, non formati per atto pubblico o scrittura privata autenticata, hanno tempo fino a lunedì 29 febbraio per provvedere alla loro registrazione cumulativa e al versamento della relativa imposta.
La presentazione della denuncia annuale rappresenta un’alternativa alle ordinarie modalità di registrazione.
 
La procedura della denuncia annuale, introdotta dall’articolo 17, comma 3-bis, del Tur (Testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta di registro – Dpr n. 131/1986), prevede che in essa siano indicati i dati dei contraenti (generalità, codice fiscale, domicilio) e dei terreni (ubicazione e dati catastali), il luogo e la data di stipula dei contratti, il corrispettivo pattuito e la durata contrattuale.
 
Oltre a presentare la denuncia cumulativa per la registrazione, le parti devono effettuare anche il versamento dell’imposta di registro, nella misura dello 0,5% dell’importo complessivo dei corrispettivi, con un minimo di 67 euro. Va utilizzato il modello F24 “Elementi identificativi”, in cui deve essere riportato il codice tributo “1500”.
 
La denuncia deve essere sottoscritta e presentata, in doppio originale, da una delle parti contraenti, a un qualsiasi ufficio territoriale dell'Agenzia delle Entrate. Contestualmente va presentata l’attestazione di pagamento dell’imposta di registro.
La registrazione della denuncia può avvenire anche in via telematica, utilizzando il software disponibile sul sito dell’Agenzia. In questo caso, il pagamento può essere effettuato esclusivamente tramite addebito in conto corrente.
 
Patrizia De Juliis
pubblicato Mercoledì 17 Febbraio 2016

I più letti

Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
La scadenza viene ricordata dal dipartimento delle Finanze che fornisce anche indicazioni utili per la corretta determinazione delle aliquote applicabili e degli importi dovuti
Il meccanismo di ripartizione per quote, predeterminate in base a un accordo interno al gruppo, non permette di verificare – in termini quantitativi – il rapporto costi e benefici
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
La scadenza viene ricordata dal dipartimento delle Finanze che fornisce anche indicazioni utili per la corretta determinazione delle aliquote applicabili e degli importi dovuti
L’esame delle modifiche, entrate in vigore dal 1° luglio 2017, prende avvio dall'estensione del perimetro di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti
Il meccanismo della scissione dei pagamenti viene esteso alle società controllate dalla pubblica amministrazione con l’obiettivo di rafforzare la sua finalità di contrasto all’evasione da riscossione
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino