Attualità
Destinatari 5 per mille 2015.
Online gli elenchi definitivi
Pubblicate sul sito delle Entrate le liste dei candidati appartenenti agli enti del volontariato, alle associazioni sportive dilettantistiche, agli enti della ricerca scientifica e sanitaria
mano aperta
Prosegue, senza battute d’arresto, l’iter riguardante l’aggiudicazione del 5 per mille dell’Irpef per l’anno 2015. Rispettando il calendario prestabilito arrivano sul sito dell’Agenzia delle Entrate gli elenchi definitivi dei destinatari del contributo: la versione aggiornata e corretta alla luce delle segnalazioni pervenute alle direzioni regionali dell’Amministrazione finanziaria territorialmente competenti, dopo la pubblicazione, lo scorso 14 maggio, delle liste provvisorie riguardanti gli enti del volontariato e le associazioni sportive dilettantistiche.
 
Sono 49.971 gli aggiudicatari di quest’anno così suddivisi: la parte del leone, ancora una volta, la fanno gli enti del volontariato che assommano a 41.347; seguono le 8.094 associazioni sportive dilettantistiche e, abbastanza distanziati, gli enti della ricerca scientifica e dell’Università (424) seguiti dagli enti della ricerca sanitaria che si attestano a 106.
 
Ancora una data da segnare in agenda per volontariato e associazioni sportive
È il 30 giugno la data da ricordare. Entro questo giorno i legali rappresentanti degli enti e delle associazioni dovranno portare a termine i loro adempimenti seguendo due strade diverse.
I primi dovranno presentare alla direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate, territorialmente competente, la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà che attesti i requisiti di ammissione all’elenco; la dichiarazione va effettuata utilizzando l’apposito modello corredato dalla copia del documento di identità del legale rappresentante che lo sottoscrive.
Entro la stessa data i legali rappresentanti delle associazioni sportive dilettantistiche dovranno presentare il modulo predisposto per loro, con allegata la medesima documentazione, alla struttura del Coni territorialmente competente.
 
Una ulteriore opportunità per i ritardatari
C’è tempo fino al prossimo 30 settembre per presentare la domanda di iscrizione e la documentazione integrativa per accedere al riparto delle quote del 5 per mille 2015. I ritardatari  dovranno corredare la loro domanda con il versamento di una sanzione di 258 euro tramite il modello F24 con l’indicazione del codice tributo 8115. Unica condizione richiesta è quella di possedere i requisiti d’accesso alla data di scadenza delle domande di iscrizione: il 7 maggio per gli enti del volontariato e le associazioni sportive dilettantistiche; il 30 aprile per gli enti della ricerca scientifica e dell’Università e per gli enti della ricerca sanitaria.
r.fo.
pubblicato Lunedì 25 Maggio 2015

I più letti

Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Nel processo tributario spetta al contribuente provare il fatto costitutivo che consente di scalare i costi e l’esclusiva strumentalità del bene all’attività propria della società
tax foundation
Cipro, Irlanda e Liechtenstein applicano le aliquote più basse; gli Emirati arabi tassano maggiormente le imprese.
Riguarda i sostituti d’imposta, chiamati a pagare l’anticipo delle imposte dovute dai lavoratori sui rendimenti delle quote di trattamento di fine rapporto accantonate
Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
La nuova funzionalità realizzata dall’Agenzia permette agli intermediari di inserire con un’unica operazione i recapiti da abbinare alle singole partite Iva dei clienti deleganti
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino