Attualità
E-fattura: a quattro giorni dal via
continua l’attività di informazione
Le risposte dell’amministrazione alle domande più frequenti sono raccolte e consultabili, in caso di dubbi, sul portale delle Entrate, in un’apposita sezione dell’area tematica
E-fattura: a quattro giorni dal via |continua l’attività di informazione
A pochi giorni dall’avvio, già più di due milioni di fatture elettroniche sono transitate tramite il Sistema di interscambio. L’Agenzia delle entrate continua la sua attività di informazione a tutto campo, rivolta a operatori e cittadini: le risposte ai quesiti, la guida “La fattura elettronica e i servizi gratuiti” e i video tutorial sul canale Youtube.
 
Per i cittadini, di fatto, l’entrata in vigore della fatturazione elettronica non comporta alcun cambiamento: l’operatore Iva, quando gli viene richiesta la fattura, è tenuto obbligato a emettere l’e-fattura anche nei rapporti con i privati consumatori finali, i quali, però, ricevono una copia in formato cartaceo, senza necessità pertanto di doversi dotare di un indirizzo di posta elettronica certificata.
Nessuna novità anche per chi rientra nel regime forfetario o in quello dei “minimi”, per i “piccoli produttori agricoli” e per le associazioni sportive dilettantistiche, esonerati per legge dall’emissione delle fatture.
Infine, sono escluse dalla novità, per il 2019, pure le fatture per le quali è obbligatorio l’invio dei dati al sistema Tessera sanitaria per la predisposizione della dichiarazione dei redditi precompilata.
 
La fattura elettronica, ricordiamo, deve essere redatta con un Pc, un tablet o uno smartphone, e trasmessa tramite il Sistema di interscambio. Questo, dopo aver controllato che la partita Iva del fornitore e la partita Iva o il codice fiscale del cliente sono esistenti e che la fattura contiene i dati obbligatori ai fini fiscali nonché l’indirizzo telematico al quale il cliente desidera riceverla, consegna il documento al destinatario.
 
Per rendere più agevole la predisposizione e l’invio delle fatture elettroniche, è possibile avvalersi del servizio di generazione del Qr Code, che l’Agenzia rende disponibile ai titolari di partita Iva. Si tratta di un codice a barre bidimensionale, da mostrare tramite smartphone, tablet o su carta al fornitore, il quale, in tal modo, al momento di preparare la fattura, può acquisire in automatico i dati del cliente, senza il rischio di commettere errori.
Per creare il proprio Qr Code, basta accedere al portale “Fatture e corrispettivi” o collegarsi al Cassetto fiscale.
 
Tra gli ultimi servizi predisposti sulla piattaforma “Fatture e corrispettivi”, da segnalare anche la nuova funzione di verifica anagrafica massiva di codici fiscali o partite Iva e lo strumento che permette il download massivo dei file delle fatture elettroniche emesse, ricevute o messe a disposizione.
 
r.fo.
pubblicato Venerdì 4 Gennaio 2019

I più letti

immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Per quanto concerne l’investimento immobiliare, l’accensione di un prestito bancario, opportunamente certificato, è prova idonea della provenienza non reddituale della provvista
Questi strumenti tecnologici sono in grado di memorizzare in modo permanente e immutabile, elaborare e inviare le informazioni, garantendone l’inalterabilità e la sicurezza
Per gli investimenti in beni materiali strumentali nuovi ad alto contenuto tecnologico e digitale, di ammontare fino a 2,5 milioni di euro, la maggiorazione è stata elevata al 170%
Grazie al nuovo servizio messo a disposizione dall’Agenzia delle entrate, i “clienti” persone fisiche potranno visionare i documenti inviati dai fornitori sin dal 1° gennaio di quest’anno
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Per quanto concerne l’investimento immobiliare, l’accensione di un prestito bancario, opportunamente certificato, è prova idonea della provenienza non reddituale della provvista
È esclusa l’emissione del documento in modalità analogica. In questi casi, le specifiche tecniche approvate con provvedimento 30 aprile 2018 prevedono un blocco informativo ad hoc
Per gli investimenti in beni materiali strumentali nuovi ad alto contenuto tecnologico e digitale, di ammontare fino a 2,5 milioni di euro, la maggiorazione è stata elevata al 170%
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
immagine dell'Aula della Camera
In arrivo la cedolare secca sugli immobili commerciali, l’imposta sostitutiva su lezioni private e ripetizioni, la definizione agevolata per i contribuenti in difficoltà economica
Il nuovo limite è valido per tutti i contribuenti interessati e sostituisce i precedenti valori, che erano differenziati sulla base del codice Ateco identificativo dell’attività esercitata
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino