Attualità
È in scadenza il saldo Iva 2015:
la deadline, mercoledì 16 marzo
Chi presenta la dichiarazione in forma unificata può differire l’appuntamento fino alla scadenza prevista per il pagamento delle imposte risultanti dal modello Unico 2016
cronometro
Ultimi giorni a disposizione dei contribuenti Iva tenuti al versamento dell’imposta relativa al 2015 risultante dalla dichiarazione annuale. Il termine del 16 marzo è “tassativo” per chi presenta la dichiarazione Iva “in via autonoma” (cioè, non inserita in Unico assieme alla dichiarazione dei redditi), a prescindere dal giorno in cui l’adempimento è effettuato. Ricordiamo che, dall’anno prossimo, il “divorzio” sarà generalizzato, come sancito dalla legge 190/2014 (articolo 1, comma 641): la dichiarazione Iva dovrà essere presentata da tutti i contribuenti entro il mese di febbraio, non più con il modello Unico fino al 30 settembre.
 
Il versamento va fatto - sempre che l’importo dovuto superi i 10 euro - tramite il modello F24, esclusivamente in modalità telematica, con indicazione del codice tributo 6099.
La somma è frazionabile in rate (al massimo, nove) di pari importo, di cui la prima deve essere pagata comunque entro il 16 marzo e le altre entro il giorno 16 di ciascun mese successivo (16 aprile, 16 maggio, e così via); in ogni caso, l’ultima non può andare oltre il 16 novembre. Sulle rate successive alla prima vanno aggiunti gli interessi nella misura dello 0,33% mensile; pertanto, la seconda rata deve essere aumentata dello 0,33%, la terza dello 0,66%, la quarta dello 0,99%, eccetera.
 
Invece, i contribuenti che presentano la dichiarazione in forma unificata possono differire il versamento del saldo Iva alla scadenza prevista per le imposte risultanti dal modello Unico 2016, quindi 16 giugno ovvero 16 luglio, con la maggiorazione dello 0,40 per cento. In tal caso, l’importo dovuto, comunque rateizzabile fino a novembre in quote costanti con l’aggiunta di interessi dello 0,33% mensile, va maggiorato dello 0,40% per ogni mese o frazione di mese intercorso tra il 16 marzo e il 16 giugno.
 
Riepilogando:
  • se il contribuente presenta la dichiarazione Iva autonoma, può scegliere di:
    • versare in un’unica soluzione entro il 16 marzo
    • rateizzare, maggiorando dello 0,33% mensile l’importo di ogni rata successiva alla prima
  • se il contribuente presenta la dichiarazione Iva all’interno del modello Unico, può scegliere di:
    • versare in un’unica soluzione entro il 16 marzo
    • versare in un’unica soluzione entro la scadenza per i versamenti di Unico, con la maggiorazione dello 0,40% per ogni mese o frazione di mese successivo al 16 marzo
    • rateizzare dal 16 marzo, maggiorando dello 0,33% mensile l’importo di ogni rata successiva alla prima
    • rateizzare dalla data di pagamento delle somme dovute in base a Unico, maggiorando prima l’importo totale da versare dello 0,40% per ogni mese o frazione di mese successivo al 16 marzo e, quindi, aumentando dello 0,33% mensile l’importo di ogni rata successiva alla prima.
Sanzioni
Le violazioni alle norme in materia di versamento dell’Iva possono determinare l’applicazione di sanzioni, di natura sia amministrativa che penale.
In caso di mancato, insufficiente o tardivo versamento del saldo Iva, è dovuta la sanzione amministrativa pari al 30% dell’importo non versato, ridotta del 50% se la tardività è contenuta entro 90 giorni; per i ritardi fino a 14 giorni, la sanzione è pari a 1/15 per ogni giorno di ritardo.
La violazione è comunque regolarizzabile tramite l’istituto del ravvedimento operoso.
 
Sul versante penale, invece, dopo le modifiche apportate dal Dlgs 158/2015 con decorrenza dal 22 ottobre 2015, è punito con la reclusione da sei mesi a due anni chi non versa l’Iva dovuta in base alla dichiarazione annuale per un ammontare superiore a 250mila euro per ciascun periodo d’imposta (in precedenza, la soglia era fissata a 50mila euro). Per la consumazione del reato, occorre che l’omissione del versamento si protragga fino al termine per il versamento dell’acconto relativo al periodo d’imposta successivo, cioè fino al 27 dicembre dell’anno successivo.
Sonia Angeli
pubblicato Lunedì 14 Marzo 2016

I più letti

L’imposta sostitutiva, pari all’8% del valore risultante dalla necessaria perizia giurata, può essere versata, tramite modello F24, in un’unica soluzione oppure in tre rate annuali
Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il decreto ministeriale che detta le disposizioni attuative per questa nuova forma di interlocuzione tra amministrazione finanziaria e imprese
Quelli versati dai partecipanti al momento della costituzione, per l’ente non hanno rilevanza reddituale, cioè non concorrono alla determinazione del suo reddito imponibile
Raggiunto l'accordo per gli investitori italiani colpiti dal default dello Stato sudamericano nel 2001: sarà loro restituito il capitale versato, con una ulteriore maggiorazione
I titolari di reddito d’impresa dovranno inviare il modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta tramite i servizi telematici dell'Agenzia: Fisconline o Entratel
postino e posta elettronica certificata
Altra tornata di comunicazioni dell'amministrazione finanziaria per evidenziare possibili errori nei redditi dichiarati e consentire ai cittadini di rimediare o dialogare prima dell’accertamento
In GU, la legge in materia di assistenza in favore delle persone con gravi disabilità e prive del sostegno familiare. Agevolazioni dal 2017, quelle in tema di deducibilità già nel 2016
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
immagine di postino con busta in mano
La regolamentazione positiva delle due modalità di invio previste presenta punti di contatto, ma anche alcune differenze, che generano anche vivaci dibattiti interpretativi
Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il decreto ministeriale che detta le disposizioni attuative per questa nuova forma di interlocuzione tra amministrazione finanziaria e imprese
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
bandiera giappone
Dal 2011 sono state introdotte alcune novità di rilievo nel sistema tributario a seguito di un processo di riforma
Firmato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri che posticipa il termine per versare le imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi, anche unificata, e da quella Irap