Attualità
I fattori socio-economici territoriali
che "segnano" la mappa del tax gap
Riconducibili a tre macro-gruppi gli elementi che influenzano i livelli di evasione regionale: ambientali e di contesto delle singole realtà locali, operazionali e di prossimità
banchina metropolitana con linea gialla
Argomenti di discussione” - la pubblicazione delle Entrate che approfondisce temi di economia, statistica, econometria e scienza delle finanze - apre il 2016 con un numero dedicato a “I fattori che determinano localmente il tax gap”. L’obiettivo del lavoro è individuare i fattori che determinano i tassi di evasione regionali, analizzando la relazione tra le caratteristiche strutturali e socio-economiche delle varie realtà locali e la corrispondente propensione all’evasione. Si vuole verificare se le caratteristiche dello sviluppo socio-economico e gli aspetti relativi alla tax morale possono influenzare i fenomeni evasivi, e se la vicinanza geografica può spingere i contribuenti a imitare il comportamento fiscale dei vicini.
 
Tre i macro-gruppi in cui è possibile sintetizzare i fattori che influenzano il tax gap: ambientali e di contesto, connessi alle caratteristiche economiche e istituzionali del territorio; operazionali, riguardanti cioè l’operatività dell’amministrazione fiscale in termini di prevenzione e contrasto all’evasione; di prossimità, legati alla vicinanza con le altre regioni.
 
Fattori ambientali e di contesto
Tra i dati ambientali di maggior rilievo, si evidenzia quello connesso all’uso della moneta elettronica: nelle realtà in cui ci sono più possibilità di effettuare pagamenti senza dover ricorrere al contante, i tassi di evasione fiscale tendono a ridursi. È una relazione inversa: maggiore è l’utilizzo e la diffusione della moneta elettronica, minore appare l’evasione.
L’analisi dei fattori ambientali e di contesto delle varie realtà locali rileva, inoltre, che c’è più evasione dove l’ammontare dei depositi bancari (pro-capite) è più alto. Incidono sull’aumento del tax gap anche la presenza di criminalità organizzata sul territorio e la percentuale dei lavoratori autonomi rispetto al totale degli occupati regionali.
L’evasione tende a diminuire quando il ciclo economico è in fase ascendente e sul territorio è presente un rilevante numero di imprese di dimensioni medio-grandi.
 
Fattori operazionali
I risultati mostrano che le politiche territoriali di prevenzione (studi di settore) e di contrasto (presidio del territorio) del fenomeno evasivo sono efficaci nel perseguire la riduzione del tax gap, anche se l’analisi dei dati suggerisce che tali azioni dovrebbero essere differenziate in considerazione degli aspetti legati alla localizzazione geografica.
 
Fattori di prossimità
Sono quelli che dimostrano una forte correlazione spaziale tra le regioni in termini di propensione all’evasione. In sintesi, il contatto con un territorio ad alto tasso di evasione porta gli abitanti della regione attigua ad agire allo stesso modo. Parimenti, l’attitudine alla tax compliance influenza positivamente le realtà locali vicine.
 
In conclusione, le regioni italiane sono influenzate da legami socioeconomici, sociodemografici e di contesto istituzionale e non possono, quindi, essere considerate realtà indipendenti. Ciò significa che le future ricerche devono necessariamente tenere conto degli effetti di “contaminazione” del comportamento evasivo tra contribuenti, per poter portare avanti azioni volte a ridurre il rischio di collusione tra i contribuenti.
 
Patrizia De Juliis
pubblicato Venerdì 5 Febbraio 2016

I più letti

logo dell'applicazione
Da oggi è possibile generare, trasmettere e conservare documenti fiscali dematerializzati in modo semplice e gratuito. Il servizio è utilizzabile anche per le operazioni tra privati
La procedura è stata definita dopo un proficuo confronto nell’ambito del Forum italiano sulla fatturazione elettronica e una serie di incontri con l’associazione di categoria Confida
I titolari di reddito d’impresa dovranno inviare il modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta tramite i servizi telematici dell'Agenzia: Fisconline o Entratel
L’imposta sostitutiva, pari all’8% del valore risultante dalla necessaria perizia giurata, può essere versata, tramite modello F24, in un’unica soluzione oppure in tre rate annuali
successioni testamentarie
I giudici chiamati a pronunziarsi su una questione pregiudiziale incentrata sulla compatibilità tra le disposizioni del diritto comunitario e la normativa fiscale tedesca in tema di eredità
In GU, la legge in materia di assistenza in favore delle persone con gravi disabilità e prive del sostegno familiare. Agevolazioni dal 2017, quelle in tema di deducibilità già nel 2016
postino e posta elettronica certificata
Altra tornata di comunicazioni dell'amministrazione finanziaria per evidenziare possibili errori nei redditi dichiarati e consentire ai cittadini di rimediare o dialogare prima dell’accertamento
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
immagine di postino con busta in mano
La regolamentazione positiva delle due modalità di invio previste presenta punti di contatto, ma anche alcune differenze, che generano anche vivaci dibattiti interpretativi
L’imposta sostitutiva, pari all’8% del valore risultante dalla necessaria perizia giurata, può essere versata, tramite modello F24, in un’unica soluzione oppure in tre rate annuali
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
bandiera giappone
Dal 2011 sono state introdotte alcune novità di rilievo nel sistema tributario a seguito di un processo di riforma
cuccioli
Rimpiazza la disciplina dei "nuovi minimi" che, però, potrà essere ancora sfruttata fino al compimento del primo quinquennio di attività o, se successivi, fino ai 35 anni di età