Attualità
Fisco sempre più a portata di mano
con l’app per i servizi delle Entrate
Basta uno smartphone o un tablet per consultare il “cassetto” con le proprie informazioni; stop alle perdite di tempo per le file in ufficio grazie al ticket “elimina code”
Fisco sempre più a portata di mano|con l’app per i servizi delle Entrate
L’Agenzia delle Entrate sbarca sul mobile. È disponibile da oggi, negli store dei principali sistemi operativi in uso, l’app ufficiale dell’Amministrazione finanziaria, che permette di comunicare con il Fisco in maniera più semplice e diretta. Grazie all’applicazione delle Entrate, gli utenti possono già usufruire di alcuni servizi utili, come la visualizzazione del proprio cassetto fiscale, la prenotazione del ticket “elimina code” e la visualizzazione dello stato di avanzamento del proprio turno, mentre altri si aggiungeranno progressivamente nelle successive versioni che saranno rilasciate. Si tratta di un passo importante per l’Agenzia che, oltre agli uffici e agli schermi dei computer, adesso fa il suo ingresso nei device di ultima generazione, per supportare il cittadino 24 ore su 24, 7 giorni su 7.
 
Le funzioni free dell’app dell’Agenzia delle Entrate
Tra i servizi liberamente fruibili nell’app delle Entrate ci sono l’iscrizione ai canali telematici dell’Agenzia, Entratel e Fisconline, richiedendo il Pin, e la prenotazione per evitare la fila presso gli uffici: il servizio web-ticket consente, infatti, di ricercare un ufficio, localizzandolo su mappa, e di prenotare un biglietto virtuale “elimina code” da usare nello stesso giorno. Rispetto al servizio già presente sul sito dell’Agenzia, l’app ha introdotto un’ulteriore semplificazione: tramite lo smartphone adesso è possibile visualizzare anche lo stato della coda dell’ufficio di interesse, esattamente come se ci si trovasse di fronte al display di sala. In questo modo, i cittadini potranno recarsi allo sportello all’approssimarsi del proprio turno, evitando inutili perdite di tempo.
 
Le funzionalità riservate agli iscritti
Gli utenti iscritti ai servizi on line dell’Agenzia delle Entrate possono consultare il proprio “cassetto fiscale”, un luogo virtuale che consente a ciascun contribuente di conoscere una serie di informazioni relative alla propria posizione fiscale, come, ad esempio, i dati anagrafici principali, gli elementi di sintesi delle dichiarazioni fiscali presentate e dei versamenti effettuati tramite modello F24, relativi alle ultime cinque annualità d’imposta, e così via.
Tramite la funzione “ricerca ricevute”, inoltre, si può verificare lo stato dell’elaborazione degli invii telematici effettuati, mentre la scelta “utenza di lavoro” consente alle persone fisiche di operare in nome e per conto dei soggetti diversi dalle persone fisiche (società, enti pubblici o privati, associazioni) dai quali sono state incaricate.
 
Dove trovare l’applicazione
Per scaricare l’applicazione sul proprio smartphone o tablet basta collegarsi allo store del sistema operativo che si sta utilizzando, ovvero Google Play per i dispositivi che utilizzano Android, iTunes per il sistema operativo iOs e Marketplace per Windows Phone. L’applicazione è disponibile gratuitamente ed è possibile scaricarla e installarla già da oggi. Inoltre, sul canale YouTube dell’Agenzia delle Entrate, “Entrate in video”, è disponibile un tutorial che spiega passo passo come utilizzare la nuova app del Fisco.
 
L’Agenzia delle Entrate è sempre più digitale
L’applicazione si inserisce nel nuovo corso dell’amministrazione, inaugurato già da qualche anno, che punta a un rapporto più semplice e immediato con i cittadini. I video pubblicati sul canale YouTube, aperto nell’ottobre 2012, hanno già dimostrato di essere molto apprezzati dagli utenti, con un numero complessivo di visualizzazioni che ha abbondantemente superato il milione. E anche twitter continua a riscuotere successo, grazie agli oltre 18mila follower che seguono gli aggiornamenti del Fisco in 140 caratteri.
Fabio Brocceri
pubblicato Lunedì 21 Dicembre 2015

I più letti

Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Il decreto legislativo 117/2017 dedica particolare attenzione al tema dei controlli (anche fiscali), ripartendo le relative competenze tra le diverse amministrazioni pubbliche coinvolte
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Il dipartimento delle Finanze precisa che con riguardo alle pertinenze dell’abitazione va computata una sola volta in relazione alla superficie totale dell’utenza domestica
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
La scadenza viene ricordata dal dipartimento delle Finanze che fornisce anche indicazioni utili per la corretta determinazione delle aliquote applicabili e degli importi dovuti
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino