Attualità
Fisco sempre più a portata di mano
con l’app per i servizi delle Entrate
Basta uno smartphone o un tablet per consultare il “cassetto” con le proprie informazioni; stop alle perdite di tempo per le file in ufficio grazie al ticket “elimina code”
Fisco sempre più a portata di mano|con l’app per i servizi delle Entrate
L’Agenzia delle Entrate sbarca sul mobile. È disponibile da oggi, negli store dei principali sistemi operativi in uso, l’app ufficiale dell’Amministrazione finanziaria, che permette di comunicare con il Fisco in maniera più semplice e diretta. Grazie all’applicazione delle Entrate, gli utenti possono già usufruire di alcuni servizi utili, come la visualizzazione del proprio cassetto fiscale, la prenotazione del ticket “elimina code” e la visualizzazione dello stato di avanzamento del proprio turno, mentre altri si aggiungeranno progressivamente nelle successive versioni che saranno rilasciate. Si tratta di un passo importante per l’Agenzia che, oltre agli uffici e agli schermi dei computer, adesso fa il suo ingresso nei device di ultima generazione, per supportare il cittadino 24 ore su 24, 7 giorni su 7.
 
Le funzioni free dell’app dell’Agenzia delle Entrate
Tra i servizi liberamente fruibili nell’app delle Entrate ci sono l’iscrizione ai canali telematici dell’Agenzia, Entratel e Fisconline, richiedendo il Pin, e la prenotazione per evitare la fila presso gli uffici: il servizio web-ticket consente, infatti, di ricercare un ufficio, localizzandolo su mappa, e di prenotare un biglietto virtuale “elimina code” da usare nello stesso giorno. Rispetto al servizio già presente sul sito dell’Agenzia, l’app ha introdotto un’ulteriore semplificazione: tramite lo smartphone adesso è possibile visualizzare anche lo stato della coda dell’ufficio di interesse, esattamente come se ci si trovasse di fronte al display di sala. In questo modo, i cittadini potranno recarsi allo sportello all’approssimarsi del proprio turno, evitando inutili perdite di tempo.
 
Le funzionalità riservate agli iscritti
Gli utenti iscritti ai servizi on line dell’Agenzia delle Entrate possono consultare il proprio “cassetto fiscale”, un luogo virtuale che consente a ciascun contribuente di conoscere una serie di informazioni relative alla propria posizione fiscale, come, ad esempio, i dati anagrafici principali, gli elementi di sintesi delle dichiarazioni fiscali presentate e dei versamenti effettuati tramite modello F24, relativi alle ultime cinque annualità d’imposta, e così via.
Tramite la funzione “ricerca ricevute”, inoltre, si può verificare lo stato dell’elaborazione degli invii telematici effettuati, mentre la scelta “utenza di lavoro” consente alle persone fisiche di operare in nome e per conto dei soggetti diversi dalle persone fisiche (società, enti pubblici o privati, associazioni) dai quali sono state incaricate.
 
Dove trovare l’applicazione
Per scaricare l’applicazione sul proprio smartphone o tablet basta collegarsi allo store del sistema operativo che si sta utilizzando, ovvero Google Play per i dispositivi che utilizzano Android, iTunes per il sistema operativo iOs e Marketplace per Windows Phone. L’applicazione è disponibile gratuitamente ed è possibile scaricarla e installarla già da oggi. Inoltre, sul canale YouTube dell’Agenzia delle Entrate, “Entrate in video”, è disponibile un tutorial che spiega passo passo come utilizzare la nuova app del Fisco.
 
L’Agenzia delle Entrate è sempre più digitale
L’applicazione si inserisce nel nuovo corso dell’amministrazione, inaugurato già da qualche anno, che punta a un rapporto più semplice e immediato con i cittadini. I video pubblicati sul canale YouTube, aperto nell’ottobre 2012, hanno già dimostrato di essere molto apprezzati dagli utenti, con un numero complessivo di visualizzazioni che ha abbondantemente superato il milione. E anche twitter continua a riscuotere successo, grazie agli oltre 18mila follower che seguono gli aggiornamenti del Fisco in 140 caratteri.
Fabio Brocceri
pubblicato Lunedì 21 Dicembre 2015

I più letti

L’imposta sostitutiva, pari all’8% del valore risultante dalla necessaria perizia giurata, può essere versata, tramite modello F24, in un’unica soluzione oppure in tre rate annuali
I titolari di reddito d’impresa dovranno inviare il modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta tramite i servizi telematici dell'Agenzia: Fisconline o Entratel
La procedura è stata definita dopo un proficuo confronto nell’ambito del Forum italiano sulla fatturazione elettronica e una serie di incontri con l’associazione di categoria Confida
Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il decreto ministeriale che detta le disposizioni attuative per questa nuova forma di interlocuzione tra amministrazione finanziaria e imprese
Raggiunto l'accordo per gli investitori italiani colpiti dal default dello Stato sudamericano nel 2001: sarà loro restituito il capitale versato, con una ulteriore maggiorazione
postino e posta elettronica certificata
Altra tornata di comunicazioni dell'amministrazione finanziaria per evidenziare possibili errori nei redditi dichiarati e consentire ai cittadini di rimediare o dialogare prima dell’accertamento
In GU, la legge in materia di assistenza in favore delle persone con gravi disabilità e prive del sostegno familiare. Agevolazioni dal 2017, quelle in tema di deducibilità già nel 2016
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
immagine di postino con busta in mano
La regolamentazione positiva delle due modalità di invio previste presenta punti di contatto, ma anche alcune differenze, che generano anche vivaci dibattiti interpretativi
Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il decreto ministeriale che detta le disposizioni attuative per questa nuova forma di interlocuzione tra amministrazione finanziaria e imprese
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
bilancia di sassi
Sono conseguenti al nuovo metodo di restituzione delle maggiori imposte versate e degli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi
Nella circolare, fra l’altro, le tabelle esplicative che indicano quanto si paga nelle diverse ipotesi e le risposte a casi particolari riguardanti il primo anno di addebito
bandiera giappone
Dal 2011 sono state introdotte alcune novità di rilievo nel sistema tributario a seguito di un processo di riforma
Firmato il decreto del presidente del Consiglio dei ministri che posticipa il termine per versare le imposte derivanti dalla dichiarazione dei redditi, anche unificata, e da quella Irap