Attualità
Fissato il compenso per i concessionari
Per l’anno 2006, assegnata una remunerazione di 352,5 milioni di euro
_103.gif

L’Agenzia delle entrate, con provvedimento del 3 luglio 2006, ha determinato l’importo dovuto ai concessionari e ai commissari governativi, a titolo di remunerazione, per l’attività di riscossione svolta durante l’anno 2006 e, in particolare, nel periodo dal 1° gennaio al 30 settembre.
Tale remunerazione è disciplinata dall’articolo 17, Dlgs 112/99, norma che, in concreto, non ha mai operato, sicché il sistema ha continuato a rispondere alla logica transitoria insita nella “clausola di salvaguardia” di cui all’articolo 58 del citato decreto, che prevede un compenso forfetario commisurato alla media dei compensi erogati nell’ultimo biennio di vigenza del precedente sistema di riscossione.

Nello specifico, ai predetti soggetti è assegnata una remunerazione di 352,5 milioni di euro, pari ai 9/12 dell’importo complessivo di 470 milioni, stabilito dall’articolo 4, comma 118, legge 350/2003, così come modificato dall’articolo 3, comma 37, Dl 203/2005.
La somma, a sua volta, viene ripartita attribuendone il 96 per cento (338,4 milioni di euro) ai concessionari e ai commissari governativi operanti negli ambiti territoriali in cui è suddiviso il territorio nazionale, mentre il restante 4 per cento (14,1 milioni di euro) viene corrisposto ai commissari governativi e ai soggetti per i quali vige l’obbligo della redazione bilingue degli atti della riscossione.

Di quest’ultimo importo, la quota di 122.250 euro è assegnata al concessionario dell’ambito territoriale della provincia autonoma di Bolzano, la rimanente (13.997.750 euro) ai concessionari gerenti le attività esattive nella veste di commissari governativi, individuati sulla scorta della tabella B allegata al provvedimento.
Il distinguo si rende necessario per via della peculiarità che contraddistingue il concessionario operante nell’ambito della provincia di Bolzano, che deve redigere obbligatoriamente gli atti in forma bilingue: ciò, infatti, comporta maggiori costi e oneri connessi alla stampa e spedizione delle cartelle, alla personalizzazione delle procedure software e alla traduzione degli atti di riscossione.

Il provvedimento quantifica la remunerazione spettante ai commissari governativi, in base al rapporto tra il numero degli addetti in servizio a tempo indeterminato al 31/12/2005 in ciascun ambito gestito in forma commissariale, e il numero totale degli addetti degli stessi ambiti, atteso che il costo del personale costituisce l’onere più significativo e l’indice più realistico per effettuare la ripartizione della remunerazione.

L’atto prosegue puntualizzando che, a decorrere dall’1/10/2006, poiché le funzioni relative alla riscossione nazionale verranno svolte dall’Agenzia delle entrate mediante la neo costituita Riscossione Spa, tutte le norme afferenti agli attuali concessionari, comprese quelle relative alla remunerazione del servizio, debbono intendersi riferite a tale soggetto subentrante.
Come è noto, infatti, per effetto dell’articolo 3, comma 1, Dl 203/2005, è stato soppresso il sistema di affidamento in concessione del servizio nazionale della riscossione, ragion per cui la somma attribuita ai concessionari e commissari governativi è stata ragguagliata alla misura dei 9/12, corrispondente all’arco temporale coincidente con i primi nove mesi dell’anno. Pertanto, la somma dovuta a titolo di remunerazione verrà assegnata a ciascun soggetto avente diritto in ragione dei mesi di effettivo svolgimento del servizio.

Argentino D'Auro
pubblicato Giovedì 14 Settembre 2006

I più letti

tessera sanitaria
Nel 1976 nasceva l’algoritmo che genera i 16 caratteri. Lo stato dell’arte su sviluppi e criticità dell’attuale sistema nell’intervento odierno del direttore dell’Agenzia delle Entrate
Il gestore di telefonia mobile fattura periodicamente il canone addebitando all’utente, per gli stessi mesi, anche il tributo dovuto e segnala all’amministrazione finanziaria eventuali ritardatari
Il primo passaggio di calendario dell’innovativo regime agevolativo introdotto dalla Stabilità 2015 ha registrato un elevato tasso di adesione, tanto che le istanze pervenute sono state all’incirca 4.500
Se consumatore finale, si instaura un rapporto privatistico con il cedente, tale per cui l’imposta sull’acquisto di beni o servizi destinati a quelle attività grava solo su di lui
catena
La nuova ipotesi di “sosta forzata” del giudizio tributario legato all’esito di un altro può essere anche disposta d’ufficio, senza istanza, ma servono i fatti a provare il nesso
Corretta, inoltre, la procedura anche in presenza di un’eventuale difformità tra l’indirizzo indicato nell’atto e quello in cui il destinatario è stato effettivamente raggiunto
immagine di trasmissione di dati
Contenuti nel modello Cu 2016, i dati riferiti ai redditi percepiti nel 2015 confluiranno nel 730 precompilato, che dipendenti e pensionati troveranno on line dal prossimo 15 aprile
tessera sanitaria
Nel 1976 nasceva l’algoritmo che genera i 16 caratteri. Lo stato dell’arte su sviluppi e criticità dell’attuale sistema nell’intervento odierno del direttore dell’Agenzia delle Entrate
Le modifiche al sistema di accertamento, visti gli effetti incisivi apportati alla sfera giuridica del contribuente, non sono da considerare mere norme di carattere procedimentale
Quando non vi sono dubbi, in particolare nei casi di omessi o tardivi versamenti delle imposte dichiarate dallo stesso contribuente, scatta la cartella con sanzione piena
Il provvedimento con le disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato è formato da un solo articolo, con 999 commi. Tante le novità in ambito tributario
immagine di casa disegnata intorno alle parole: casa, tasi, imu
Esenzione Imu per tutti i terreni agricoli, a prescindere dall’ubicazione, posseduti e condotti da coltivatori diretti o imprenditori professionali iscritti nella previdenza agricola
immagine di casa disegnata intorno alle parole: casa, tasi, imu
Eliminata la Tasi, per possessore e detentore, sull’abitazione principale non “di lusso”. Base imponibile Imu dimezzata per la casa data in comodato a genitori o figli
Per detrarre le spese funebri, non è più richiesto vincolo parentale: il beneficio spetta a chi effettivamente sostiene l’onere, a prescindere dal legame con la persona deceduta
immagine di una tenda a pacchetto
Detrazione del 65% per l’acquisto di dispositivi per il controllo a distanza di impianti di riscaldamento, di produzione dell’acqua calda e di climatizzazione delle abitazioni