Attualità
Fissato il compenso per i concessionari
Per l’anno 2006, assegnata una remunerazione di 352,5 milioni di euro
_103.gif

L’Agenzia delle entrate, con provvedimento del 3 luglio 2006, ha determinato l’importo dovuto ai concessionari e ai commissari governativi, a titolo di remunerazione, per l’attività di riscossione svolta durante l’anno 2006 e, in particolare, nel periodo dal 1° gennaio al 30 settembre.
Tale remunerazione è disciplinata dall’articolo 17, Dlgs 112/99, norma che, in concreto, non ha mai operato, sicché il sistema ha continuato a rispondere alla logica transitoria insita nella “clausola di salvaguardia” di cui all’articolo 58 del citato decreto, che prevede un compenso forfetario commisurato alla media dei compensi erogati nell’ultimo biennio di vigenza del precedente sistema di riscossione.

Nello specifico, ai predetti soggetti è assegnata una remunerazione di 352,5 milioni di euro, pari ai 9/12 dell’importo complessivo di 470 milioni, stabilito dall’articolo 4, comma 118, legge 350/2003, così come modificato dall’articolo 3, comma 37, Dl 203/2005.
La somma, a sua volta, viene ripartita attribuendone il 96 per cento (338,4 milioni di euro) ai concessionari e ai commissari governativi operanti negli ambiti territoriali in cui è suddiviso il territorio nazionale, mentre il restante 4 per cento (14,1 milioni di euro) viene corrisposto ai commissari governativi e ai soggetti per i quali vige l’obbligo della redazione bilingue degli atti della riscossione.

Di quest’ultimo importo, la quota di 122.250 euro è assegnata al concessionario dell’ambito territoriale della provincia autonoma di Bolzano, la rimanente (13.997.750 euro) ai concessionari gerenti le attività esattive nella veste di commissari governativi, individuati sulla scorta della tabella B allegata al provvedimento.
Il distinguo si rende necessario per via della peculiarità che contraddistingue il concessionario operante nell’ambito della provincia di Bolzano, che deve redigere obbligatoriamente gli atti in forma bilingue: ciò, infatti, comporta maggiori costi e oneri connessi alla stampa e spedizione delle cartelle, alla personalizzazione delle procedure software e alla traduzione degli atti di riscossione.

Il provvedimento quantifica la remunerazione spettante ai commissari governativi, in base al rapporto tra il numero degli addetti in servizio a tempo indeterminato al 31/12/2005 in ciascun ambito gestito in forma commissariale, e il numero totale degli addetti degli stessi ambiti, atteso che il costo del personale costituisce l’onere più significativo e l’indice più realistico per effettuare la ripartizione della remunerazione.

L’atto prosegue puntualizzando che, a decorrere dall’1/10/2006, poiché le funzioni relative alla riscossione nazionale verranno svolte dall’Agenzia delle entrate mediante la neo costituita Riscossione Spa, tutte le norme afferenti agli attuali concessionari, comprese quelle relative alla remunerazione del servizio, debbono intendersi riferite a tale soggetto subentrante.
Come è noto, infatti, per effetto dell’articolo 3, comma 1, Dl 203/2005, è stato soppresso il sistema di affidamento in concessione del servizio nazionale della riscossione, ragion per cui la somma attribuita ai concessionari e commissari governativi è stata ragguagliata alla misura dei 9/12, corrispondente all’arco temporale coincidente con i primi nove mesi dell’anno. Pertanto, la somma dovuta a titolo di remunerazione verrà assegnata a ciascun soggetto avente diritto in ragione dei mesi di effettivo svolgimento del servizio.

Argentino D'Auro
pubblicato Giovedì 14 Settembre 2006

I più letti

Le istanze devono essere trasmesse per via telematica tra il 20 febbraio e il 20 marzo 2017. L’applicativo non richiede installazione e garantisce l’uso di una versione sempre aggiornata
Sì, ma solo quello sufficiente per rimediare a un rallentamento dovuto a una perplessità risolta tramite le Faq pubblicate e costantemente aggiornate sul sito dell’Agenzia
Il regime impositivo dei dividendi e dei proventi a essi equiparati può essere tripartito come segue: da partecipazione non qualificata, da partecipazione qualificata, black list
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
immagine di due modelli F24
In via generale, a prescindere dalla violazione che si intende regolarizzare, occorre prima individuare la specifica norma sanzionatoria prevista e poi applicare le riduzioni
Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
Le istanze devono essere trasmesse per via telematica tra il 20 febbraio e il 20 marzo 2017. L’applicativo non richiede installazione e garantisce l’uso di una versione sempre aggiornata
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
Le disposizioni di riferimento del Tuir per i proventi “paradisiaci” sono, per quanto concerne i primi, l’articolo 47, comma 4 e, per quanto concerne i secondi, l’articolo 68, comma 4
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
Il software consentirà di compilare il modello, calcolare e pagare le imposte dovute in autoliquidazione, realizzare e stampare il file da inviare tramite i canali dell’Agenzia
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino