Attualità
Fondi comuni mobiliari e Sicav.
La tassazione aggiusta il tiro (2)
La ritenuta sarà applicata a titolo di imposta solamente per le persone fisiche non titolari di redditi d’impresa
Fondi comuni mobiliari e Sicav.| La tassazione aggiusta il tiro (2)
Come già illustrato nel precedente intervento, con l’introduzione dell’articolo 26-quinquies del Dpr 600/1973, il “milleproroghe” ha previsto, con effetto dal 1° luglio 2011, che sui proventi di cui alla lettera g) dell’articolo 44, comma 1, del Tuir, derivanti dalla partecipazione a organismi di investimento collettivo del risparmio italiani (esclusi i fondi immobiliari) e a quelli con sede in Lussemburgo, già autorizzati al collocamento in Italia, venga effettuata una ritenuta del 12,50% a opera di Sgr, Sicav e soggetti incaricati al collocamento delle quote o azioni. La ritenuta verrà applicata sui proventi distribuiti dagli Oicvm, determinati come differenza tra il valore di riscatto, di liquidazione o di cessione e il costo medio ponderato di sottoscrizione o di acquisto delle quote o azioni, rilevati dai prospetti periodici dei fondi (net asset value).

La ritenuta è applicata a titolo di imposta per le persone fisiche non titolari di redditi d’impresa e per i soggetti esclusi o esenti dall’Ires, e a titolo di acconto per gli imprenditori individuali, se le partecipazioni sono relative all’impresa ai sensi dell’articolo 65 del Tuir, per le società di persone di cui all’articolo 5 del Tuir e per le società ed enti di cui alle lettere a) e b) dell’articolo 73, comma 1, del medesimo Testo unico.

I soggetti non residenti, in possesso dei requisiti previsti dall’articolo 6 del Dlgs 239/1996, ossia coloro che risiedono in Paesi che consentono un adeguato scambio di informazioni (e cioè nei Paesi inclusi nella “white list”), che percepiscono i proventi derivanti da Oicvm italiani (articolo 44, comma 1, lettera g) non saranno soggetti a ritenuta.

Le perdite derivanti dalla partecipazione ai fondi e le differenze positive o negative tra il valore delle quote da prospetto e quello di cessione sul mercato sono qualificate come redditi diversi e, pertanto, sono soggette al regime di tassazione previsto dal Dlgs 461/1997 (regimi della dichiarazione, amministrato o gestito).

Per espressa previsione normativa inserita nel “milleproroghe”, il regime naturale per i sottoscrittori di quote di fondi sarà il regime amministrato (articolo 6 del Dlgs 461/1997) anche in assenza di opzione espressa dal risparmiatore, salvo la facoltà di rinunciare a tale regime con apposita comunicazione da effettuare entro il 30 settembre 2011, con effetto dal 1° luglio 2011.

Un’ulteriore novità prevista dal “milleproroghe” è relativa ai proventi derivanti dalla partecipazione a organismo di investimento collettivo in valori mobiliari di diritto estero non conformi alla direttiva 2009/65/Ce (fondi esteri non armonizzati), situati negli Stati membri dell’Unione europea o dello Spazio economico europeo che sono inclusi nella lista di cui al decreto emanato ai sensi dell’articolo 168-bis del Tuir e soggetti a forme di vigilanza nei Paesi esteri. Tali proventi saranno assoggettati, a decorrere dal 1° luglio 2011, alla ritenuta del 12,50% a titolo di acconto nei confronti dei soggetti titolari di redditi d’impresa e a titolo d’imposta nei confronti di tutti gli altri soggetti, compresi quelli esenti o esclusi dall’Ires.

Con particolare riferimento ai possessori di quote di fondi alla data del 30 giugno 2011, è stato previsto che, ai fini della determinazione dei redditi da assoggettare alla ritenuta di cui all’articolo 26-quinquies, derivanti dal rimborso delle quote o azioni di Oicvm, si assume il valore delle quote o azioni rilevato dai prospetti periodici alla data del 30 giugno 2011, in luogo del valore rilevato alla data di sottoscrizione o di acquisto, in quanto la differenza del valore della quota tra la data di sottoscrizione o di acquisto e il 30 giugno 2011 ha già scontato l’imposta in capo al fondo, così come previsto dal previgente regime di tassazione.

Nel caso, poi, di proventi da quote o azioni Oicvm che concorrono alla formazione del reddito d’impresa, possedute sempre alla data del 30 giugno 2011, il credito d’imposta di cui al comma 3 dell’articolo 9 della legge 77/1983 è riconosciuto nella misura del 15% dei proventi percepiti dal 1° luglio 2011, fino a concorrenza della eventuale differenza positiva fra il valore delle quote rilevato dai prospetti periodici alla data del 30 giugno e quello rilevato alla data di sottoscrizione o di acquisto.

2 - fine. La prima puntata è stata pubblicata giovedì 10 marzo
Luigi Durante
Italo Raffaele Muntoni
pubblicato Mercoledì 16 Marzo 2011

I più letti

Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entro le 14,50 del 29 dicembre 2017 devono essere trasferite alla Banca d’Italia le somme in precedenza affluite a banche, uffici postali, agenti della riscossione e istituti convenzionati
Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
Il sistema stesso segnalerà il superamento dei limiti consentiti. Le nuove regole permettono di trasmettere file di maggiori dimensioni anche rispetto alle soglie previste per la Pec
Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge in materia di spettacolo che, tra l’altro, interviene anche sulla disciplina dei crediti d’imposta previsti a supporto del settore
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
La legge 96/2006 detta le norme generali del settore, mentre dal punto di vista tributario è previsto un regime impositivo forfettario ai fini sia delle imposte dirette sia dell’Iva
Se non rispettano i requisiti di forma e contenuto dettati dalla norma, per il Fisco non attestano nulla. E non c’è documento in grado di sostituirle
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Via libero definitivo al collegato alla manovra di bilancio per il 2018. In arrivo l’estensione dell’ambito applicativo della rottamazione delle cartelle e della scissione dei pagamenti
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino