Attualità
Forfettino e forfettone: entro il 10 aprile l'invio dei dati trimestrali
I soggetti tutorati hanno l'obbligo della comunicazione anche in assenza di rilevazioni nel periodo
_73.gif

Il 15 marzo è stata pubblicata la versione 6.0.0. del software RFA, destinato ai soggetti che si trovano in regime fiscale agevolato ai sensi dell'articolo 13 (nuove iniziative imprenditoriali e di lavoro autonomo) o dell'articolo 14 (attività marginali) della legge 388/2000, che scontano l'imposta sostitutiva rispettivamente del 10 e 15 per cento sui redditi di lavoro autonomo o d'impresa prodotti nel periodo d'imposta, e che hanno richiesto l'assistenza nell'adempimento degli obblighi tributari (tutoraggio) all'ufficio competente dell'Agenzia delle entrate.
Questa prima versione permette l'acquisizione dei dati relativi al primo trimestre del 2006, il cui invio deve essere effettuato entro il 10 aprile prossimo.

I soggetti tutorati sono tenuti ad abilitarsi al servizio telematico per la trasmissione dei dati contabili trimestrali; a questo proposito, è previsto un credito d'imposta per l'acquisto del computer e accessori necessari alla connessione che utilizzano a tal fine, da richiedere con l'apposita Istanza di attribuzione del credito d'imposta per l'acquisto di apparecchiature informatiche (Modello IPC) da trasmettere in via telematica direttamente o tramite un intermediario abilitato.



Il software RFA, fornito annualmente sul sito Fisconline nella sezione Servizi: software in tre versioni successive, permette l'acquisizione e l'invio dei dati relativi ai clienti/fornitori e alle operazioni con questi poste in essere al fine di permettere al tutor di riferimento di verificare il rispetto dei requisiti che sono necessari per usufruire del regime agevolato, oppure il venir meno degli stessi che determina la decadenza dall'agevolazione.
In particolare, il tutor deve aggiornare i dati sul Sistema centrale con le apposite funzioni gestionali a lui fornite per quanto riguarda la richiesta e la revoca dell'assistenza, controllare il rispetto dei requisiti per l'ammissione al regime richiesto e, in caso di decadenza, comunicarla al contribuente. Controlla inoltre lo stato degli invii trimestrali dei contribuenti assistiti.

Entro il 10 del mese di aprile, luglio, ottobre e gennaio, i soggetti tutorati hanno l'obbligo di comunicare i dati del trimestre precedente anche se non hanno effettuato rilevazioni nel periodo. Per farlo, si avvalgono del software RFA e trasmettono i dati tramite il sito Fisconline.

RFA non può essere prelevato dal sito dell'Agenzia delle entrate ma solo da Fisconline, in quanto è destinato ai contribuenti abilitati alla trasmissione telematica.
Le varie versioni fornite hanno diverse caratteristiche:

  • la prima versione N.0.0. (dove N è la cifra finale dell'anno, per esempio 6.0.0. per l'anno 2006) permette di acquisire e inviare le rilevazioni relative ai trimestri dell'anno
  • la versione N.1.0. effettua il calcolo dell'Iva annuale da versare a marzo in base ai dati acquisiti precedentemente
  • l'ultima versione N.2.0. liquida le imposte relativamente al reddito e predispone i dati da importare in Unico.

Le versioni N.1.0. e N.2.0. vengono pubblicate in occasione dell'approvazione dei modelli di dichiarazione, perciò nell'anno successivo alla N.0.0.

Per installare correttamente RFA, occorre la presenza del programma File Internet e della Java VM nella versione 1.1.8 per il SO Windows e nella versione 2.2.5 per Macintosh; lo stesso programma RFA è differenziato per i due sistemi operativi e fornito in due versioni diverse per Macintosh, a seconda del software che si utilizza per decomprimerlo.
Per visualizzare i dati e stampare i prospetti è necessaria la presenza del programma Adobe Acrobat Reader.

RFA può essere lanciato per il SO Windows dal collegamento Start > Programmi > Regimi fiscali agevolati.

Il file creato con il software RFA e contenente i dati del trimestre precedente viene salvato dal programma, quando la funzione Utilità - prepara dati trimestrali viene richiamata dall'utente, nel percorso C:\UnicoOnLine\arc con un nome del tipo CODICEFISCALEtrim405.rfa, dove trim405 indica che si tratta del quarto trimestre dell'anno 2005.
Il contribuente dovrà preparare il file per l'invio con l'apposita funzione del programma File Internet che lo trasformerà in un formato adatto alla trasmissione telematica, con estensione .ccf.

Il programma per l'anno precedente può coesistere con il nuovo, in quanto, al momento in cui viene pubblicata la prima versione - 6.0.0. per l'anno corrente, è ancora in corso l'elaborazione dei dati per l'anno passato. Infatti, a oggi deve essere ancora rilasciata la versione 5.2.0. per il 2005, che consentirà la creazione del file da importare nel programma Unico on line.
La versione attuale 5.1.0. del 30 gennaio 2006, rispetto alla precedente 5.0.0., è stata implementata con la funzione per il calcolo della liquidazione annuale Iva, che permette la stampa dei dati da riportare nella comunicazione annuale dei dati Iva da parte dei soggetti obbligati e calcola l'imposta annuale dovuta in base ai dati inseriti nel programma.

Lucia Rinaldi
pubblicato Venerdì 31 Marzo 2006

I più letti

Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Il contribuente, ricevuta la comunicazione con i dati necessari a verificare la sua situazione, può regolarizzare tramite il ravvedimento operoso o chiedere ulteriori informazioni
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
In presenza di documenti contabili con addebito dell’imposta, i fornitori dovranno predisporre apposite note di variazione, precisando che si tratta di “scissione dei pagamenti”
Il decreto del ministro dell’Economia e delle Finanze, che aumenta la misura del saggio per il nuovo anno, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di sabato 15 dicembre 2018
Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Il contribuente, ricevuta la comunicazione con i dati necessari a verificare la sua situazione, può regolarizzare tramite il ravvedimento operoso o chiedere ulteriori informazioni
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
L’Amministrazione fornisce precisazioni su ambito soggettivo e oggettivo di applicazione, termini di trasmissione, modalità di inoltro in caso di scarto, registrazione e conservazione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Via libera ai diversi meccanismi di “definizione agevolata”, compresa un’altra edizione della rottamazione delle cartelle, nonché allo stralcio dei debiti tributari fino a mille euro
Aula di Montecitorio
Rispetto alla versione originaria, viene eliminata la disciplina della dichiarazione integrativa speciale, sostituita dalla sanatoria delle irregolarità e infrazioni formali
Le Entrate illustrano le recenti modifiche al regime agevolato e forniscono precisazioni rispetto ad alcune questioni emerse nel corso dei primi anni di applicazione della disciplina
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino