Attualità, A portata di mouse
Iscrizione al Vies: da oggi
la domanda viaggia in rete
Chi è già titolare di partita Iva può inviare, con un semplice click, la richiesta di ammissione all’archivio degli autorizzati a effettuare operazioni intracomunitarie
testo alternativo per immagine
Per presentare l’istanza di registrazione al Vies, dall’Agenzia un servizio telematico dedicato. Basta inserire la partita Iva nell’apposito campo e il gioco è fatto. La nuova procedura è riservata ai contribuenti abilitati ad uno dei due canali Entratel o Fisconline.
 
L’inclusione nell’archivio Vies è un requisito indispensabile richiesto a coloro che esercitano attività di impresa, arte o professione nel territorio dello Stato (o vi istituiscono una stabile organizzazione), per poter effettuare operazioni intracomunitarie (articolo 27, Dl 78/2010).
Fino a oggi, per richiedere l’iscrizione nel database che abilita alle operazioni intra-Ue, i già titolari di partita Iva dovevano presentare l’istanza a un ufficio dell’Agenzia tramite consegna a mano, per raccomandata o via Pec (chi avvia un’attività ex novo, invece, può farne richiesta direttamente in sede di dichiarazione di inizio attività).
 
Con la procedura telematica, che affianca quella tradizionale, i contribuenti dovranno semplicemente indicare, nell’apposito campo, la partita Iva che si chiede venga inserita nel Vies.
 
Dopo aver verificato la posizione fiscale e l’assenza di elementi di rischio evasione o frode, l’Agenzia delle Entrate, entro trenta giorni dalla data di ricezione dell’istanza, iscrive il “candidato” nell’archivio. In caso contrario, emette un provvedimento motivato di diniego.
r.fo.
pubblicato Mercoledì 26 Marzo 2014

I più letti

Numerose e significative le norme di natura fiscale contenute nel decreto-legge emanato nell’ambito della definizione degli obiettivi di finanza pubblica per l’anno prossimo
Sotto il profilo tributario, la riforma si pone l’obiettivo di rimuovere la disorganicità dell’attuale normativa attraverso il superamento dei diversi micro-regimi oggi operanti
Irrilevante che il Fisco non abbia esercitato i poteri di controllo sull’esistenza del credito esposto in dichiarazione e sull’esistenza delle operazioni imponibili da cui esso è derivato
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Numerose e significative le norme di natura fiscale contenute nel decreto-legge emanato nell’ambito della definizione degli obiettivi di finanza pubblica per l’anno prossimo
Dopo il tavolo tecnico di confronto con le associazioni di categoria e i principali operatori del settore, l’Agenzia delle entrate illustra il contenuto della nuova disciplina fiscale
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Sotto il profilo tributario, la riforma si pone l’obiettivo di rimuovere la disorganicità dell’attuale normativa attraverso il superamento dei diversi micro-regimi oggi operanti
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
immagine generica illustrativa
Le violazioni di tali obblighi hanno natura amministrativo-tributaria, risultando pertanto applicabile l'istituto di regolarizzazione previsto dall'articolo 13 del Dlgs 472/1997
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino