Attualità
Iva 2009 a tutto software: in rete compilazione e controllo modelli
Disponibili sul sito web dell’Agenzia i prodotti informatici per riscontrare eventuali anomalie nella dichiarazione
pc.jpg
Pronti il software per compilare la dichiarazione Iva 2009 da presentare in via autonoma e le relative procedure di controllo, compresa quella riguardante il modello Iva 74-bis. Dopo l'approvazione dei modelli e delle relative istruzioni, avvenuta con provvedimento direttoriale del 15 gennaio scorso, sono da oggi disponibili, sul sito internet dell'agenzia delle Entrate, i programmi per compilare e controllare le dichiarazioni riguardanti l'imposta sul valore aggiunto per l'anno 2008.

I software di controllo delle dichiarazioni Iva, che gli utenti possono scaricare gratuitamente e installare sul proprio pc, permettono di riscontrare eventuali anomalie tra i dati contenuti nella dichiarazione (e nei relativi allegati) e le indicazioni fornite dalle specifiche tecniche e dalla circolare dei controlli. Alcuni errori, infatti, possono impedire la trasmissione telematica della dichiarazione.

On line anche la procedura di controllo per il modello Iva 74-bis che va presentato dai curatori fallimentari o i commissari liquidatori per le operazioni effettuate nella frazione d'anno antecedente la dichiarazione di fallimento o di liquidazione coatta amministrativa.
Ecco il percorso da seguire, dall'home page del sito, per il download dei programmi: "Strumenti / Software / Procedure di controllo / Modelli di dichiarazione 2009".

Il software Iva 2009, invece, consente la compilazione telematica del modello relativo all'anno d'imposta 2008 da presentare in via autonoma, ed è disponibile, sul sito web, alla sezione: "Strumenti / Software / Dichiarazioni / IVA 2009".

Si ricorda che la presentazione del modello Iva 2009 in forma non unificata riguarda:
  • le società di capitali e gli enti Ires con periodo d'imposta non coincidente con l'anno solare nonché i soggetti, diversi dalle persone fisiche, con periodo d'imposta chiuso prima del 31 dicembre 2008
  • le società controllanti e controllate, che partecipano alla liquidazione dell'Iva di gruppo
  • i soggetti risultanti da operazioni straordinarie o altre trasformazioni sostanziali soggettive tenuti a comprendere nella propria dichiarazione il modulo relativo alle operazioni dei soggetti fusi, incorporati, trasformati, ecc., se questi ultimi hanno partecipato durante l'anno alla procedura della liquidazione dell'Iva di gruppo
  • i curatori fallimentari e i commissari liquidatori, per le dichiarazioni presentate per conto dei soggetti falliti o sottoposti a procedura di liquidazione coatta amministrativa, per ogni periodo d'imposta fino alla chiusura delle procedure concorsuali
  • i soggetti non residenti che si avvalgono di un rappresentante fiscale
  • i soggetti non residenti identificati direttamente ai sensi dell'articolo 35-ter del Dpr 633/1972
  • particolari soggetti, come i venditori "porta a porta", se non tenuti a presentare la dichiarazione unificata, in quanto titolari di redditi per i quali non sussiste l'obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi
  • i soggetti risultanti da operazioni straordinarie o da altre trasformazioni sostanziali soggettive, avvenute tra il 1° gennaio 2009 e la data di presentazione della dichiarazione relativa al 2008, tenuti a presentare la dichiarazione annuale per conto dei soggetti estinti a seguito della operazione intervenuta.
Alessandra Gambadoro
pubblicato Lunedì 2 Febbraio 2009

I più letti

Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Per la loro corretta esecuzione risulta fondamentale individuare il momento in cui l’imposta relativa all’operazione assoggettata alla scissione dei pagamenti diviene esigibile
La scadenza viene ricordata dal dipartimento delle Finanze che fornisce anche indicazioni utili per la corretta determinazione delle aliquote applicabili e degli importi dovuti
Il meccanismo di ripartizione per quote, predeterminate in base a un accordo interno al gruppo, non permette di verificare – in termini quantitativi – il rapporto costi e benefici
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il meccanismo della scissione dei pagamenti risulta ora applicabile anche ai compensi per prestazioni di servizi assoggettati a ritenute alla fonte a titolo di acconto o d’imposta sul reddito
La scadenza viene ricordata dal dipartimento delle Finanze che fornisce anche indicazioni utili per la corretta determinazione delle aliquote applicabili e degli importi dovuti
L’esame delle modifiche, entrate in vigore dal 1° luglio 2017, prende avvio dall'estensione del perimetro di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti
Il meccanismo della scissione dei pagamenti viene esteso alle società controllate dalla pubblica amministrazione con l’obiettivo di rafforzare la sua finalità di contrasto all’evasione da riscossione
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino