Attualità, Dati e statistiche
L’Osservatorio sulle partite Iva
fa il punto del mese di novembre
In controcorrente, riguardo alla ripartizione per settore produttivo, le attività immobiliari, in rialzo del 6,9%, probabilmente grazie alla ripresa del mercato delle abitazioni
L’Osservatorio sulle partite Iva|fa il punto del mese di novembre
Confermato, a novembre, il trend negativo. È quanto emerge dai numeri della consueta sintesi mensile elaborata dall’Osservatorio sulle partite Iva, disponibile sul sito del dipartimento delle Finanze.
La flessione, rispetto a novembre 2015, è di oltre 10%. Nel dettaglio, sono state, in tutto, 34.732 le nuove aperture registrate nel penultimo mese dell’anno.
I dati sono letti per natura giuridica, ripartizione territoriale, settore produttivo e caratteristiche anagrafiche delle persone fisiche.
 
La suddivisione per natura giuridica è guidata dalle persone fisiche che contano il 65% delle partite Iva inaugurate a novembre 2016, il 27,8% è delle Sc, il 5,7% spetta alle società di persone.
Tuttavia, sempre le persone fisiche scendono vistosamente rispetto allo stesso periodo del 2015, e perdono oltre il 15%, flessione più contenuta per le Sp, con un -3,%, leggero incremento, invece, a favore delle società di capitali, che guadagnano l’1,6 per cento.
I “non residenti” e “altre forme giuridiche” rappresentano lo 0,9% del totale.
 
La distribuzione geografica mostra un Nord che mantiene il primo posto con circa il 50% del dato complessivo, Sud e isole si assicurano il 36,3%, ultimo il Centro con il 22,6% del totale.
Il Df segnala le percentuali positive pervenute dalla Calabria (+15,7%) e dalla Sardegna (+11,9%), attribuibili, soprattutto, al settore agricolo.
L’incremento è probabilmente dovuto al nuovo Programma di sviluppo rurale (Psr) 2014-2020 della Commissione europea e ai relativi bandi regionali. L’analisi deriva anche dall’osservazione dell’andamento dei nuovi avvii, nei mesi scorsi, sempre nel comportato dell’agricoltura, in altre aree del Meridione, coincidenti, anche in tali circostanze, con bandi regionali connessi allo stesso programma.
Come abbiamo visto, il Settentrione, non perde il primato, ma segna anche importanti flessioni in Emilia Romagna (-19%), Piemonte (-16,6%) e Veneto (-16,2%).
 
Ad attirare continua a essere soprattutto il commercio, con il 26,2% degli avvii monitorati tenendo d’occhio il settore produttivo, modesto, seppur positivo, l’incremento vantato dal comparto agricolo (1,1%), più consistente la progressione delle attività professionali, che si spingono oltre il 10% del dato complessivo.
Rispetto a novembre 2015, risalta un significativo avanzamento delle attività immobiliari (+6,9%), collegato, probabilmente, alla ripresa del mercato delle abitazioni in Italia.
Andamento decisamente diverso per le attività professionali, che scendono del 30,5%, e per la sanità, che perde il 20% rispetto allo scorso anno.
 
Soltanto conferme dal mondo delle partite Iva attribuite, per la prima volta a novembre, alle persone fisiche: il 62,3% è stato assegnato a uomini, il 46,3% a giovani fino a 35 anni e il 34,1% a persone tra i 36 e i 50 anni.
Confrontando i dati con lo scorso anno, dalla suddivisione per età, emerge un calo delle nuove aperture soprattutto tra i giovani (circa il 20% in meno).
I nuovi contribuenti Iva sono nati nel 19,2% dei casi all’estero.
 
Infine, sono 9.361 le new entry che hanno aderito al regime forfetario (il 27% del totale). Il dato fa registrare un calo del 24,4% rispetto a novembre 2015.
r.fo.
pubblicato Martedì 10 Gennaio 2017

I più letti

Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
invio dati da computer
Banche, assicurazioni, università statali e private, enti previdenziali, sono chiamati all’appello per inviare, entro il 28 febbraio, i dati da inserire nella dichiarazione dei redditi
In caso di spedizione diretta di raccomandata con ricevuta di ritorno, è sufficiente esibire l’avviso di ricevimento e gli estratti di ruolo cui l’atto riscossivo si riferisce
Dopo l’ufficializzazione delle regole attuative, l’approvazione del modello per la richiesta e la predisposizione del software per trasmetterla, ecco il necessario riepilogo
Il più recente orientamento della Cassazione afferma l’irrilevanza, in ambito tributario, della natura accessoria dei contratti di garanzia, privilegiando l’autonomia dei singoli negozi
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
Le istanze devono essere trasmesse per via telematica tra il 20 febbraio e il 20 marzo 2017. L’applicativo non richiede installazione e garantisce l’uso di una versione sempre aggiornata
Per gli avvicendamenti nei ruoli apicali saranno interessate le direzioni regionali del Lazio, della Liguria, della Basilicata, dell’Emilia Romagna, del Piemonte e della Puglia
La precisazione in attesa della conversione in legge del Dl “milleproroghe”, che posticipa di un anno la soppressione della trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Dogane
immagine di un orologio
Da un lato, più tempo per correggere gli errori a proprio danno; dall'altro, simmetricamente, termini di accertamento più ampi per eventuali controlli sulle rettifiche apportate
Nel corso del dibattito parlamentare per la conversione, sono state inserire molte e significative disposizioni tributarie nel testo del decreto legge presentato dal Governo
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
mappa
Concluso l’iter di conversione del provvedimento collegato alla legge di bilancio per il 2017: numerose e significative le modifiche apportate nel corso del dibattito parlamentare
immagine di un orologio
A partire dall'anno d'imposta 2016, le eventuali maggiori imposte pagate potranno essere recuperate entro il quinto anno successivo a quello di presentazione del modello originario
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino