Attualità
Libri sociali, ancora pochi giorni per la vidimazione
L'adempimento di numerazione e bollatura riguarda le società di capitali

La vidimazione delle scritture contabili
Come è noto, con l'entrata in vigore della legge n. 18 ottobre 2001, n. 383, sono state introdotte nuove modalità operative su tenuta e conservazione delle scritture contabili.
Le nuove norme, attraverso modifiche al codice civile (articolo 2215) e ad alcune disposizioni tributarie in materia di scritture contabili (articoli 39 del Dpr 633/72 e 22 del Dpr 600/73), hanno previsto la soppressione dell'obbligo della bollatura del libro giornale, di quello degli inventari e dei registri obbligatori ai fini delle imposte dirette e dell'Iva, ferma restando la formalità di numerazione progressiva delle pagine (cfr. circolare dell'Agenzia delle entrate 22 ottobre 2001, n. 92/E).
Va comunque ricordato che l'obbligo di vidimazione annuale del libro giornale e del libro degli inventari era stato già soppresso (articolo 7-bis, commi 1 e 2, del decreto legge 10 giugno 1994, n. 357, convertito dalla legge 8 agosto 1994, n. 489).

Sono esclusi dall'ambito di applicazione della legge n. 383/2001 i libri sociali obbligatori previsti dall'articolo 2421 del codice civile, in particolare:

  • libro dei soci
  • libro delle obbligazioni
  • libro delle adunanze e delle deliberazioni delle assemblee
  • libro delle adunanze e delle deliberazioni del consiglio di amministrazione
  • libro delle adunanze e delle deliberazioni del collegio sindacale
  • libro delle adunanze e delle deliberazioni del comitato esecutivo
  • libro delle adunanze e delle deliberazioni delle assemblee degli obbligazionisti
  • ogni altro libro o registro per i quali l'obbligo della bollatura è previsto da norme speciali.

Per effetto della soppressione della bollatura iniziale, che era effettuata dall'ufficio del Registro delle imprese (presso la Camera di commercio), dal notaio o dall'ufficio dell'Agenzia delle entrate (per i registri previsti da norme fiscali), la numerazione è ora eseguita direttamente dal soggetto che è obbligato alla tenuta delle scritture.
Pertanto, il soggetto, prima di utilizzare i registri, deve numerarne le pagine dando alle stesse un numero progressivo.
Nel caso in cui sia ancora previsto l'obbligo della bollatura o della vidimazione (come, ad esempio, per i libri previsti dall'articolo 2421 del codice civile, sopra elencati), i registri, prima di essere messi in uso, devono essere numerati progressivamente e bollati su ogni foglio con le stesse le formalità e presso gli stessi soggetti previsti in precedenza (Registro imprese o notaio).

Tassa sulle concessioni governative e imposta di bollo
Pur essendo stata abolita la vidimazione della maggior parte dei registri contabili, resta in vigore, l'applicazione dell'imposta di bollo, e, per alcune categorie di soggetti, della tassa di concessione governativa.
In particolare, con riferimento alla tassa sulle concessioni governative, le società di capitali (Spa, Srl, Sapa), comprese quelle consortili anche se in liquidazione, per la numerazione del libro inventari e del libro giornale, sono obbligate al versamento, della stessa, in modo forfetario.
Come stabilito dalla nota 3, dell'articolo 23, della tariffa allegata al Dpr 641/72, il versamento che va effettuato annualmente, entro il 16 marzo, ammonta a 309,87 euro, prescindendo dal numero dei libri o registri tenuti e delle relative pagine.
Tale misura è elevata a 516,46 euro qualora, alla data del primo gennaio dell'anno di riferimento (quindi, al 1° gennaio 2006), l'ammontare del capitale o del fondo di dotazione superi 516.456,90 euro.

Riguardo all'imposta di bollo, si applica l'articolo 16 della tariffa, parte prima, allegata al Dpr 642/72.
Tale norma, con riferimento alla numerazione dei libri prescritti dal primo comma dell'articolo 2214 del Codice civile (e cioè il libro giornale e il libro degli inventari), distingue tra:

  • società di capitali soggette alla tassa di concessione governativa forfetaria: si applica l'imposta di bollo di 14,62 euro per ogni 100 pagine o frazione di 100 pagine
  • altri soggetti (imprese individuali, società di persone, società cooperative, eccetera): si applica l'imposta di bollo di 29,24 euro per ogni 100 pagine o frazione di 100 pagine.

Pertanto, sintetizzando, gli obblighi attualmente in vigore riguardo la vidimazione e bollatura dei libri contabili sono i seguenti:

SoggettoTipo di libro contabileTassa CC.GG.Imposta di bollo
Società di capitaliLibri previsti dall'articolo 2214 c.c. (libro giornale e libro inventari) e libri sociali previsti dall'articolo 2421 c.c.309,87 euro (516,46
se il capitale sociale o fondo di dotazione supera 516.456,90 euro)
14,62 euro
ogni 100 pagine o frazione di 100
Imprese individuali, società di persone
e cooperative
Libri previsti dall'articolo 2214 c.c. (libro giornale e libro inventari)NO29,24 euro
ogni 100 pagine o frazione di 100
QualsiasiLibri previsti da norme fiscali (registri ai fini delle II.DD. e Iva)NONO


Soggetti obbligati e modalità di versamento della tassa di vidimazione dei libri sociali
La tassa annuale di vidimazione dei libri sociali riguarda:
  • le società per azioni
  • le società in accomandita per azioni
  • le società a responsabilità limitata
  • le società consortili
  • le aziende speciali degli enti locali e i consorzi costituti fra gli stessi.

In particolare, l'adempimento riguarda tutti i soggetti dotati di capitale o fondo di dotazione aventi per oggetto esclusivo o principale l'esercizio di attività commerciali, quindi anche agli enti che svolgono attività commerciali.

Il termine per il versamento coincide con il termine del versamento dell'Iva dovuta per l'anno precedente, pertanto è stabilito al 16 marzo.
Riguardo alle modalità di versamento occorre distinguere tra:

  • anno di inizio attività: il versamento va effettuato utilizzando il bollettino di c/c postale n. 6007 (n. 210906 per la Sicilia) intestato all'Ufficio del registro di Roma Tasse concessioni governative, prima della presentazione della dichiarazione di inizio attività ai fini Iva, su cui vanno riportati gli estremi di versamento
  • anni successivi: la tassa va versata utilizzando il modello F24, sezione "Erario", codice tributo "7085 Tassa annuale vidimazione libri sociali", e indicando, oltre all'importo, l'anno per il quale versamento viene eseguito, cioè il periodo di riferimento (per quest'anno il 2006).

Relativamente al versamento con modello F24, è possibile eseguirlo, oltre che presso gli uffici postali, le banche e i concessionari della riscossione, anche in via telematica; inoltre, si può compensare l'importo dovuto con altri crediti relativi a imposte e contributi.

Infine, si ricorda che l'omesso versamento della tassa annuale è punito con la sanzione amministrativa dal 100 al 200 per cento della tassa medesima e, in ogni caso, non inferiore a 103 euro.
Tuttavia, è possibile ricorrere all'istituto del ravvedimento operoso, con la riduzione della sanzione a 1/8 del minimo (ossia al 12,50 per cento della tassa) se il ravvedimento viene effettuato entro 30 giorni dalla scadenza, ovvero a 1/5 del minimo (ossia al 20 per cento della tassa) se il ravvedimento è effettuato oltre 30 giorni ma entro un anno dall'omissione.
Sul ritardato pagamento si applicano gli interessi moratori del 2,5 per cento, con maturazione giorno per giorno.

Saverio Cinieri
pubblicato Venerdì 10 Marzo 2006

I più letti

On line gli elenchi delle pubbliche amministrazioni inserite nel conto economico consolidato, delle società controllate da Pa e delle società quotate incluse nell’indice Ftse Mib
Può essere utilizzato per le notifiche a decorrere dal 1° luglio 2017. Anche dall’agente della riscossione, per le cartelle di pagamento e gli atti affidatigli da tutti gli enti creditori
Ai compensi dei professionisti si applica il principio di cassa: la disponibilità della somma indicata nel titolo di credito va inquadrata al momento in cui lo stesso è ricevuto
disegno con dispositivi per diverse forme di pagamento
Per facilitare il passaggio alle nuove modalità di pagamento, fino al prossimo 31 dicembre è previsto un periodo transitorio in cui saranno ancora possibili versamenti cash
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
On line gli elenchi delle pubbliche amministrazioni inserite nel conto economico consolidato, delle società controllate da Pa e delle società quotate incluse nell’indice Ftse Mib
immagine generica che indica una sostituzione
L'obiettivo è favorire l'emersione spontanea di basi imponibili, stimolare l'assolvimento degli obblighi tributari e rafforzare la collaborazione tra i contribuenti e la Pa
Può essere utilizzato per le notifiche a decorrere dal 1° luglio 2017. Anche dall’agente della riscossione, per le cartelle di pagamento e gli atti affidatigli da tutti gli enti creditori
immagine generica che indica una sostituzione
Dall'attuazione delle disposizioni non devono derivare nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, cioè il passaggio da uno strumento all'altro deve avvenire a invarianza di gettito
E non solo: alcune deduzioni aumentano, altre estendono il loro raggio d’azione, costi che diventano integralmente deducibili e più tempo per l’invio dell’integrativa a favore
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Istituiti sia quelli da usare alla presentazione della denuncia sia quelli per le somme dovute a seguito di liquidazione, acquiescenza, adesione, conciliazione e definizione delle sole sanzioni
Il credito di imposta va utilizzato in compensazione, a decorrere dal periodo di imposta successivo a quello in cui sono stati sostenuti i costi relativi agli investimenti eleggibili
Il programma informatico reso disponibile gratuitamente sul sito delle Entrate permette di generare file conformi a quanto previsto da specifiche tecniche e regole di compilazione
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino