Attualità
La mappa dell’Italia secondo il Fisco:
da Rischio totale a Stanno tutti bene
Il territorio nazionale è stato suddiviso in otto gruppi omogenei, in base a parametri rilevanti sia per l’attività di servizio all’utenza sia per l’azione di contrasto
testo alternativo per immagine
Offrire migliori servizi ai cittadini e avere una bussola per orientare l’attività di controllo, allo scopo di incrementare l’adempimento spontaneo, obiettivo primario dell’Agenzia delle Entrate. Queste le finalità di DbGeo (Data base Geomarket), lo strumento di cui si è dotato il Fisco per stimare la propensione alla non compliance nelle diverse aree del Paese e che è stato illustrato nell’ambito dell’audizione del direttore Attilio Befera “Indagine conoscitiva sugli organismi della fiscalità e sul rapporto tra Contribuenti e Fisco”, svoltasi mercoledì scorso presso la Commissione Finanze e Tesoro del Senato.
 
La raccolta in un data base delle principali informazioni economiche, sociali, finanziarie e demografiche che caratterizzano le strutture di terzo livello in cui è articolata l’Agenzia (ossia le direzioni provinciali) e l’adozione di un modello fondato sulla “domanda”, ovvero basato sulle esigenze dei contribuenti, sono quindi finalizzate – come ha spiegato il direttore Befera – a “orientare l’allocazione delle risorse, organizzare al meglio l’attività di controllo e distribuire sul territorio l’erogazione dei servizi ai cittadini, rafforzando la presenza nelle zone dove la compliance fiscale è inferiore”. Infatti, poiché il nostro Paese è l’insieme di molteplici territori estremamente variegati per cultura, struttura produttiva e condizioni socio-ambientali, gli interventi vanno calibrati in modo differenziato, in quanto la condizione socio-economica è un fattore che influenza l’adempimento spontaneo.
 
Il DbGeo, dunque, utilizzando oltre cento indicatori provenienti da banche dati pubbliche, diffuse dalle principali istituzioni ed enti di ricerca e da elaborazioni e stime interne, basate su informazioni dell’Anagrafe tributaria, suddivide il territorio nazionale in gruppi omogenei sulla base di determinati parametri che hanno rilevanza per l’attività fiscale.
In base a sette aree tematiche (dimensione del bacino, pericolosità fiscale, pericolosità sociale, tenore di vita, struttura produttiva, tecnologia e servizi, infrastrutture di trasporto) sono stati individuati otto grandi gruppi:
  • Metropolis, medio - alta pericolosità fiscale
  • L’industriale, bassa pericolosità fiscale
  • Non siamo angeli, media pericolosità fiscale
  • Rischio totale, alta pericolosità fiscale
  • Rischiose abitudini, media pericolosità fiscale
  • Gli equilibristi, media pericolosità fiscale
  • Stanno tutti bene, bassa pericolosità fiscale
  • Niente da dichiarare, alta pericolosità fiscale.
r.fo.
pubblicato Domenica 6 Aprile 2014

I più letti

Numerose e significative le norme di natura fiscale contenute nel decreto-legge emanato nell’ambito della definizione degli obiettivi di finanza pubblica per l’anno prossimo
Non risulta preclusivo il fatto che prima del decesso del marito, la moglie ne avesse il possesso in comunione con il de cuius, in quanto con la morte tale regime si estingue
Il fisco dovrebbe essere semplicemente un’infrastruttura, un’opera pubblica senza la quale il paese non può funzionare. E come tutte le infrastrutture ha bisogno di manutenzione costante
Dopo il tavolo tecnico di confronto con le associazioni di categoria e i principali operatori del settore, l’Agenzia delle entrate illustra il contenuto della nuova disciplina fiscale
Dal 2016 sono assoggettati alle regole ordinarie di deducibilità, ovvero ai requisiti di effettività, certezza e obiettiva determinabilità, oltre che competenza e inerenza
Numerose e significative le norme di natura fiscale contenute nel decreto-legge emanato nell’ambito della definizione degli obiettivi di finanza pubblica per l’anno prossimo
Dopo il tavolo tecnico di confronto con le associazioni di categoria e i principali operatori del settore, l’Agenzia delle entrate illustra il contenuto della nuova disciplina fiscale
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Non sono del Fisco ma dei soliti truffatori che agiscono in rete. L’allegato contiene dei virus informatici che potrebbe danneggiare il computer e rubare i dati in esso contenuti
Arrivano le indicazioni da seguire per la corretta compilazione del file, nel tracciato xml, e per la comunicazione da trasmettere online all’amministrazione finanziaria
Puntuale come ogni anno, il contenzioso tributario va in vacanza dal 1° al 31 agosto. La pausa riguarda anche i versamenti da comunicazioni di irregolarità (fino al 4 settembre)
In caso di modifica ultrannuale, il credito risultante deve essere evidenziato nel modello relativo al periodo d’imposta in cui è presentata la modifica a proprio vantaggio
immagine generica illustrativa
Le violazioni di tali obblighi hanno natura amministrativo-tributaria, risultando pertanto applicabile l'istituto di regolarizzazione previsto dall'articolo 13 del Dlgs 472/1997
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino