Attualità
La mappa dell’Italia secondo il Fisco:
da Rischio totale a Stanno tutti bene
Il territorio nazionale è stato suddiviso in otto gruppi omogenei, in base a parametri rilevanti sia per l’attività di servizio all’utenza sia per l’azione di contrasto
testo alternativo per immagine
Offrire migliori servizi ai cittadini e avere una bussola per orientare l’attività di controllo, allo scopo di incrementare l’adempimento spontaneo, obiettivo primario dell’Agenzia delle Entrate. Queste le finalità di DbGeo (Data base Geomarket), lo strumento di cui si è dotato il Fisco per stimare la propensione alla non compliance nelle diverse aree del Paese e che è stato illustrato nell’ambito dell’audizione del direttore Attilio Befera “Indagine conoscitiva sugli organismi della fiscalità e sul rapporto tra Contribuenti e Fisco”, svoltasi mercoledì scorso presso la Commissione Finanze e Tesoro del Senato.
 
La raccolta in un data base delle principali informazioni economiche, sociali, finanziarie e demografiche che caratterizzano le strutture di terzo livello in cui è articolata l’Agenzia (ossia le direzioni provinciali) e l’adozione di un modello fondato sulla “domanda”, ovvero basato sulle esigenze dei contribuenti, sono quindi finalizzate – come ha spiegato il direttore Befera – a “orientare l’allocazione delle risorse, organizzare al meglio l’attività di controllo e distribuire sul territorio l’erogazione dei servizi ai cittadini, rafforzando la presenza nelle zone dove la compliance fiscale è inferiore”. Infatti, poiché il nostro Paese è l’insieme di molteplici territori estremamente variegati per cultura, struttura produttiva e condizioni socio-ambientali, gli interventi vanno calibrati in modo differenziato, in quanto la condizione socio-economica è un fattore che influenza l’adempimento spontaneo.
 
Il DbGeo, dunque, utilizzando oltre cento indicatori provenienti da banche dati pubbliche, diffuse dalle principali istituzioni ed enti di ricerca e da elaborazioni e stime interne, basate su informazioni dell’Anagrafe tributaria, suddivide il territorio nazionale in gruppi omogenei sulla base di determinati parametri che hanno rilevanza per l’attività fiscale.
In base a sette aree tematiche (dimensione del bacino, pericolosità fiscale, pericolosità sociale, tenore di vita, struttura produttiva, tecnologia e servizi, infrastrutture di trasporto) sono stati individuati otto grandi gruppi:
  • Metropolis, medio - alta pericolosità fiscale
  • L’industriale, bassa pericolosità fiscale
  • Non siamo angeli, media pericolosità fiscale
  • Rischio totale, alta pericolosità fiscale
  • Rischiose abitudini, media pericolosità fiscale
  • Gli equilibristi, media pericolosità fiscale
  • Stanno tutti bene, bassa pericolosità fiscale
  • Niente da dichiarare, alta pericolosità fiscale.
r.fo.
pubblicato Domenica 6 Aprile 2014

I più letti

Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario
Il meccanismo dell’inversione contabile trova applicazione esclusivamente per le operazioni effettuate nella fase distributiva che precede il commercio al dettaglio
Affrontato, tra l’altro, il tema dell’applicazione dell’imposta nell’ambito delle catene distributive di prestazioni elettroniche e di telecomunicazioni rese con tecnologia “Voip”
La prescrizione e la decadenza sono istituti posti a presidio del principio della certezza del diritto tributario e delle situazioni giuridiche
Il nuovo strumento operativo consente di assolvere in modo centralizzato gli adempimenti dichiarativi e di versamento dell’imposta dovuta nei vari Paesi dell’Unione
Potranno beneficiare dell’agevolazione anche i contribuenti che usufruiscono del regime dei minimi o quello di vantaggio. Esclusione, invece, per chi applica il forfetario
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il meccanismo dell’inversione contabile trova applicazione esclusivamente per le operazioni effettuate nella fase distributiva che precede il commercio al dettaglio
Il regime di favore previsto in caso di assegnazione/cessione ai soci si applica anche all’ipotesi di trasformazione in società semplice, da realizzarsi entro il prossimo 30 settembre
La delega al professionista non esonera da responsabilità penale per il delitto di omessa dichiarazione, finalizzata a un’evasione d’imposta superiore alle soglie di rilevanza penale
punti interrogativi
Risolti alcuni dei più frequenti dubbi interpretativi riguardanti casi particolari di oneri detraibili. Spiegato anche come fruire direttamente in dichiarazione del bonus Irpef
Il documento di prassi spazia dall’Irpef all’Ires, dall’Iva all’Irap, dalle agevolazioni (come school bonus e art bonus) alle sanzioni per i Caf in caso di visto di conformità infedele
Il regime dipende dal tipo di acquisto effettuato
Le soglie sono state definite in base all’area disciplinare della facoltà (medica, sanitaria, scientifico-tecnologica, umanistico-sociale) e alla regione in cui ha sede il corso di studi
Più tempo per autocertificare la non detenzione di apparecchi televisivi e scadenza unica indipendentemente dalla modalità di trasmissione adottata, on line o cartacea