Attualità
Modelli di dichiarazione 2016:
arrivano i primi “lasciapassare”
Aggiornate, inoltre, le istruzioni per la compilazione della comunicazione annuale dei dati Iva approvata il 17 gennaio 2011 che resta valida insieme alle specifiche tecniche
visto
Cu sintetico e ordinario, 770 semplificato e ordinario, pacchetti 730 e Iva: sono i primi modelli approvati in forma definitiva, insieme alle relative istruzioni, con sei diversi provvedimenti del 15 gennaio 2016. Dovranno essere utilizzati in occasione delle dichiarazioni 2016 relative al periodo d’imposta 2015. Promozione immediata, senza prove preliminari, per i due 770.
 
I modelli 2016, come anticipato al momento della pubblicazione delle bozze, presentano numerose novità rispetto a quelli dello scorso anno. In risalto, naturalmente, la predisposizione di una “precompilata” sempre più esauriente, motivo per cui sono aumentate le informazioni contenute nella Certificazione unica (vedi articolo “Modelli 2016: al primo incontro si presentano le bozze di Cu e 730”), informazioni che hanno anche consentito di mettere a punto un 770 semplificato più snello, meno oneroso per i sostituti d’imposta.
Su fronte Iva, spazio, invece, alle nuove ipotesi di reverse charge, alle operazioni di split payment e alle dichiarazioni d’intento ricevute dagli esportatori abituali che intendono acquistare o importare senza applicazione dell’Iva, come vuole l’evoluzione normativa che ha interessato l’imposta (vedi “Modelli Iva 2016: in bozza, sul web, l’ordinario e il base”).
 
Nel dettaglio sono stati approvati:
  • la Certificazione unica sintetica e la Certificazione unica ordinaria complete di istruzioni. Le Cu, ricordiamo, devono essere rilasciate dai sostituti d’imposta (o altri soggetti tenuti all’adempimento) ai lavoratori interessati entro il 28 febbraio e trasmesse all’Agenzia delle Entrate entro il 7 marzo
  • i 770 ordinario (e istruzioni) e 770 semplificato (e istruzioni) 2016. Si tratta della dichiarazione che i sostituti d’imposta dovranno trasmettere entro il prossimo 1° agosto (la scadenza ordinaria del 31 luglio quest’anno è di domenica)
  • il pacchetto 730/2016 che contiene il modello di dichiarazione 730/2016; i 730-1 e 730-2 per i sostituti d’imposta; il 730-2 per Caf e professionisti abilitati; i 730-3, 730-4 e 730-4 integrativo, con le relative istruzioni. Via libera anche alla bolla per la consegna del modello 730-1
  • Iva annuale 2016 (e istruzioni) e Iva base (e istruzioni). I termini di presentazione, in entrambi i casi, sono gli stessi di quelli previsti per la dichiarazione in forma unificata e cioè entro il 30 settembre
  • Iva 74-bis 2016 e relative istruzioni. È il modello da utilizzare per la dichiarazione di fallimento o liquidazione coatta amministrativa
  • le istruzioni al modello per la compilazione della comunicazione annuale dei dati Iva. Gli aggiornamenti, dovuti all’evoluzione normativa, non toccano né il modello (approvato con provvedimento del 17 gennaio 2011) né le specifiche tecniche (approvate con provvedimento del 15 gennaio 2010).
r.fo.
pubblicato Venerdì 15 Gennaio 2016

I più letti

Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
A fare la differenza è la residenza: regole diverse per chi la mantiene nel nostro Paese e per chi invece l’ha trasferita all’estero. In ogni caso, è esclusa la doppia imposizione
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
L’incarico può essere attribuito esclusivamente ai soggetti deputati alla trasmissione delle dichiarazioni (tra gli altri, commercialisti, ragionieri, consulenti del lavoro, Caf)
Per promuovere l’adempimento spontaneo dei contribuenti soggetti agli Studi, arrivano le comunicazioni dei riscontri tramite strumenti veloci e tecnologici: online, email, pec e sms
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Il primo agevola la predisposizione e l’invio del documento elettronico, il secondo consente l’acquisizione automatica dei dati Iva dei clienti tramite un codice a barre
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
L’incarico può essere attribuito esclusivamente ai soggetti deputati alla trasmissione delle dichiarazioni (tra gli altri, commercialisti, ragionieri, consulenti del lavoro, Caf)
È sempre più fitto il calendario degli incontri informativi-formativi organizzati per esaminare, in un’ottica di collaborazione reciproca, gli adempimenti da attuare e le procedure da seguire
Pubblicata la circolare delle Entrate che illustra dettagliatamente la nuova disciplina di determinazione del reddito ai fini Irpef e Irap, risolvendo alcuni dubbi interpretativi
Entrambe le misure agevolative connesse all’effettuazione di investimenti in beni materiali strumentali sono state prorogate di un anno dalla recente legge di bilancio
Sono numerose le ipotesi in cui la legge, con norme ad hoc, prevede e disciplina espressamente l’esclusione dalla tassazione, in deroga al criterio generale dell’imponibilità
Deve essere rilasciata dalle organizzazioni firmatarie dell’accordo concluso su base locale ed è necessaria per il riconoscimento delle agevolazioni fiscali previste dalla legge
Al ricorrere di determinate condizioni, l’Iva dovuta può essere determinata sulla differenza positiva tra il prezzo praticato per la cessione e quello sostenuto per l’acquisto
FiscoOggi è una pubblicazione dell'Agenzia delle Entrate - Ufficio Comunicazione
Testata registrata al Tribunale di Roma il 19.9.2001 con n. 405/2001
Direttore responsabile Claudio Borgnino